Informazione e giovani
Informazione e giovani
Inbox

Trani: saranno i giovani a cambiare la città, ecco come

Nuova riflessione di Mauro Spallucci (Omi Trani)

Non serve essere economisti per capire quale strada prendere a Trani come altrove. Basta scendere per strada, per vedere cosa succede e che è necessario cambiare. Ora, prima che sia troppo tardi. Possibile che nessuno si chiede il vero motivo, il perchè le famiglie e le piccole imprese non riescano più a rimborsare i prestiti e che bisogna cambiare modello economico? Perchè le piccole imprese ed i giovani non riescono ad avere credito?

Pensare che le banche, nella nostra città come altrove, non abbiano un ruolo sociale è semplicemente cecità. Per molti anni le banche piccole hanno dato sostegno, fiducia e contribuito allo sviluppo, ad iniziare dai giovani. Ed ora? Possibile che il mondo politico italiano non riesce ancora a scegliere se stare dalla parte della speculazione finanziaria o dalla parte delle famiglie e delle imprese?

Possibile che non si riesca a capire che le banche hanno tuttora un ruolo anche morale ed etico di annullamento delle disuguaglianze sociali? Chi si deve (pre)occupare dei giovani a Trani come in tutta Italia? Esiste il Forum nazionale giovani che si sta attivando. Chiamiamo I responsabili a Trani ed rialziamo la testa. Insieme, ovviamente. Poichè sono gli stessi giovani che possono determinare realmente il loro futuro. A livello individuale e collettivo.

Se è vero che sono scomparsi sarti, calzolai, falegnami, arrotini è mai possibile che bisogna soltanto comperare oggetti nuovi quando si rompe qualcosa? Ed i nuovi artigiani, oggi, come si chiamano e hanno un futuro? Oggi ci sono e si chiamano con un termine inglese, sono i makers. E si riuniscono insieme in spazi collaborativi chiamati fablab, hacherspace. Non sono semplici botteghe di artigiani ma sono laboratori di professionisti associati, luoghi di costruzione di futuro e di solidarietà, dotati di nuove tecnologie e stampanti 3D. Rappresentano già il domani di una nuova economia civile e possibile.

Facendo forza su spirito di innovazione, indipendenza, cambiamento, democrazia. Luoghi diversi dove sono protagonisti di una nuova economia e socialità del tutto differente dalle grandi aziende/economie che hanno portato a crisi e a grossi debiti bancari (che oggi si chiamano Npl). Insegnare ai giovani questa nuova economia è possibile. Perché l'economia deve servire alle persone per "rispondere" ai dolori umani ed alleviare le sofferenze diminuendo le disuguaglianze.

Le scuole di economia civile in Italia stanno già facendo questo. Ed a Trani quando ne vedremo qualcuna?. Ovviamente queste sfide vanno accolte soprattutto dai cattolici presenti nella nostra bella città che non può (e non deve) essere abbandonata dai nostri giovani, figli e nipoti. A proposito. Lo sapete che una delle proposte del Forum Nazionale Giovani e' quella di istituire un Fondo nazionale rotativo pubblico a garanzia per sostenere l'alta formazione dopo la laurea?

Ed un'altra proposta già fatta è quella della riforma dei centri per l'impiego che si devono trasformare (come sul modello tedesco) in agenzia in grado di offrire interventi a 360 gradi, per accompagnare I nostri ragazzi nell'accesso al lavoro? Chi si deve occupare di tutto questo se la politica - locale e non - pensa a tutt'altro? Anche il grande Enzo Ferrari, all'inizio venne aiutato da una banca locale ed ottenendo il denaro necessario è riuscito a realizzare il suo sogno. Per favore, chiedo a tutti, di aiutare I nostri figli a realizzare I loro sogni evitando di vederli emigrare. Prima che sia troppo tardi. Ad iniziare dal concedere loro credito e fiducia.

Mauro Spallucci,
fondatore Omi Trani
  • Giovani
Altri contenuti a tema
Il Gusto dell’Inclusione, un contest artistico per promuovere l’utilizzo virtuoso dei social Il Gusto dell’Inclusione, un contest artistico per promuovere l’utilizzo virtuoso dei social Scopo congiungere protagonismo giovanile, inclusione sociale e lotta agli sprechi alimentari
Pronti per la nuova fase: sì agli incontri con gli amici, stop all’autocertificazione Pronti per la nuova fase: sì agli incontri con gli amici, stop all’autocertificazione Da lunedì comincia un nuova prova per gli italiani, atteso il nuovo DPCM per il fine settimana
1 Basta code e assembramenti nei supermercati con "Filaindiana.it" Basta code e assembramenti nei supermercati con "Filaindiana.it" Tra gli ideatori della piattaforma digitale il tranese Stefano De Cillis
Un tranese all’Accademia Navale di Livorno Un tranese all’Accademia Navale di Livorno Tra i 212 allievi che sabato hanno giurato fedeltà alla Repubblica, anche il tranese Marco Caravella
1 Nasce a Trani il gruppo giovani di Italia in Comune Nasce a Trani il gruppo giovani di Italia in Comune Coordinatore il dottor Domenico Corraro
1 A Trani le baby gang non mollano ma si fa finta di nulla A Trani le baby gang non mollano ma si fa finta di nulla La denuncia a Traniviva di un genitore
Presentato il progetto Next Generation: coinvolte l'Uc Sampdoria e l'Asd Soccer Presentato il progetto Next Generation: coinvolte l'Uc Sampdoria e l'Asd Soccer La prestigiosa collaborazione punta alla crescita dei giovani in ambito calcistico
Minori fuori controllo in azione nei garage Minori fuori controllo in azione nei garage In tre dopo esser stati beccati hanno tentato la fuga con un estintore in mano
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.