La NarraVita

8 Marzo 2015. Mamma, nonna e donna

Una puntata speciale de "La Narravita", un omaggio alle donne, a tutte le donne

La Giornata Internazionale della Donna comunemente chiamata Festa della Donna ricorre l'8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali e politiche delle donne e sia soprattutto le violenze e discriminazioni cui sono ancora oggi sottoposte. Ebbene si, la festa della donna non è una ricorrenza tutta parties e spogliarelli ma al contrario una festa pregna di morale e storia, di sacrifici e dolori, di sorrisi e speranze.
Festa della DonnaFesta della Donna
Una leggenda molto illustre narra che la Festa della Donna sia stata istituita nel 1908 in memoria delle operaie morte nel rogo di una fabbrica di New York, la Cotton. In realtà pare si tratti solo di una leggenda nata negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. L'8 marzo dl 1972 una imponente manifestazione della giornata della donna si tenne a Roma in piazza Campo de' Fiori e qui vi prese parte anche Jane Fonda mentre un compatto reparto di polizia era schierato intorno alla piazza nella quale poche decine di donne manifestanti innalzavano cartelli con scritte insolite e definite allora scandalose: «Legalizzazione dell'aborto», «Liberazione omosessuale», «Matrimonio = prostituzione legalizzata» e veniva fatto circolare un volantino che chiedeva che non fosse più lo Stato e la Chiesa ma la donna esclusivamente a decidere il processo della maternità. Quelle scritte sembrarono intollerabili, così che la polizia caricò, manganellò e disperse le manifestanti.

E dunque mentre la maggior parte delle donne pensa che l'8 Marzo sia un giorno di libertà spensierata da trascorrere così nella più assoluta e totale leggerezza, ci sono donne che si sono battute per questa libertà. Ma è anche il giorno dei gesti e luoghi comuni. E' il giorno delle mimose e dei fiori, dei cioccolatini e dei regali, di mariti che improvvisamente decidono di rassettare casa liberando mogli esauste dalle mansioni quotidiane. Ma anche quella mimosa che spesso cresce così per caso, nasconde un significato, la partigiana Teresa Mattei racconta come la mimosa sia diventata il simbolo dell'8 marzo quando urgeva un segno, un segno di libertà ed emancipazione, un simbolo di indipendenza e autonomia. Una giornata in cui ricordare le conquiste sociali e politiche delle donne, un'occasione per rafforzare la lotta contro le discriminazioni e le violenze, un momento per riflettere sui passi ancora da compiere e sulle disparità tutte ancora da superare.

La Giornata Internazionale della Donna dovrebbe divenire un modo per ricordarsi da dove veniamo, noi donne, e dove stiamo andando. Ma una giornata per ricordare tutte le donne che non ci sono più, illustri scienziate come Rita Levi Montalcini, donne che si sono battute per i più miserabili e che per loro hanno sacrificato l'intera esistenza e basti solo ricordare Madre Teresa di Calcutta eppure non serve citare nomi illustri.

Ricordate, cari uomini, le vostre donne che hanno dato la vita ai vostri figli, che sono amiche fidate e amanti passionali. Festeggiatele le donne anche quando sono stanche e amareggiate, gelose e ingrassate, quando si addormentano sul divano guardando un film per ricordarsi di quando erano belle e spensierate. E soprattutto ricordiamo tutte le donne vittime di violenza, vittime di abusi, tutte le donne costrette a prostituirsi e vivere di vergogna, di bugie. Ricordiamo la forza di ogni singola donna, anche della più debole, perché le donne, si sa, sono esseri forti e saldi. E dimentichiamoci tutti di quel tale che disse: "Chi dice Donna, dice Danno". Era single, non poteva saperlo.
  • Donne
  • La "NarraVita"
Altri contenuti a tema
Parte da Trani il "Women World DJs", il progetto creato da Rossana Fox Parte da Trani il "Women World DJs", il progetto creato da Rossana Fox Donne da tutto il mondo unite dall'amore per la musica
1 Sostegno alle donne e mamme per l'emergenza Covid-19: le Amiche per le Amiche scrivono ad Emiliano Sostegno alle donne e mamme per l'emergenza Covid-19: le Amiche per le Amiche scrivono ad Emiliano La lettera dell'avv. Francesca Magliano, presidente onorario e fondatrice, a nome dell'intera associazione
1 Come scegliere il costume giusto per il proprio fisico Come scegliere il costume giusto per il proprio fisico Di moda modelli vintage e retrò e stampe floreali
Impurità della pelle: quando usare un detergente viso delicato Impurità della pelle: quando usare un detergente viso delicato Meglio optare per un prodotto che possa pulire e idratare allo stesso tempo
No alla violenza sulle donne, oggi il flash mob in piazza Libertà No alla violenza sulle donne, oggi il flash mob in piazza Libertà Alle 18 incontro tematico nella biblioteca comunale
Addio a Concetta Barone: è stata una delle prime vigilesse tranesi Addio a Concetta Barone: è stata una delle prime vigilesse tranesi Assunta nel 1982 sotto il governo del sindaco Loiodice si è spenta stamattina dopo una malattia
1 “Viva” le donne, che parlano, agiscono, comunicano “Viva” le donne, che parlano, agiscono, comunicano Le giornaliste del network Viva raccontano il loro lavoro
Cambio di vertice all'Adgi: subentra l'avvocato Roberta Schiralli Cambio di vertice all'Adgi: subentra l'avvocato Roberta Schiralli Eletta all'unanimità, la stessa fu la fondatrice della sezione di Trani
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.