Scuola Papa Giovanni
Scuola Papa Giovanni
Mazza e panella

Scuole e sicurezza: ora tutti vogliono i controlli

Mazza e panella di Giovanni Ronco

Dopo la nostra segnalazione di ieri sulla mancata illuminazione presso la scuola Papa Giovanni, non sono passate nemmeno 24 ore e la luce è tornata.

Certo che la repentina ed improvvisa chiusura della stessa scuola, per giunta ad anno scolastico in corso, sta sollevando parecchi interrogativi tra genitori e alunni. Perché proprio ora e non durante le vacanze estive? Qual è il vero problema? Cosa è successo davvero? Sono queste alcune delle domande che si stanno ponendo in questo momento.

É chiaro che la chiusura lampo e senza una precisa specificazione del problema, sta alimentando l'immancabile "complottismo": "cosa ci sarà sotto " è solo una delle frasi che, a tal proposito, è comparsa nei dibattiti dal vivo e virtuali sui social. C'è pericolo d'un cedimento strutturale? C'è dell'altro che l'opinione pubblica non sa?

L'episodio inoltre sta facendo da "detonatore" o da involontaria cassa di risonanza anche in altri bacini d'utenza, specie dopo che il Sindaco ha giustamente rimarcato al primo posto la sicurezza dei ragazzi. Tutto questo anche perché ci sono altre scuole che non se la passano benissimo con strutture in vari casi alquanto fatiscenti: macchie d'umidita', intonaci staccati nel tempo, come sfoglie e quel richiamo sempre del sindaco a controllare la stabilità e le condizioni di tutti gli edifici.

Problemi comunque che si trascinano da anni, questo lo possiamo dire a gran voce e strutture scolastiche non in buone condizioni, anche ad occhio nudo, anche tramite esame di occhio profano e non tecnico. Ad ogni modo l'attenzione per le scuole in questo marzo 2019 ( meglio tardi che mai) predispone una bell'arma a doppio taglio: da una parte è giusto riconoscere che l'amministrazione Bottaro si stia dimostrando sensibile al problema, da un'altra parte sarà normale che dall'opinione pubblica si alzi una frase classica: " Cosa hanno fatto fino ad ora per le scuole? Amministratori del passato compresi?".

Ed infine, se davvero fossero accertate altre criticità, perché, pur col nostro occhio profano e non tecnico siamo sicuri che se andiamo a grattare le troviamo, come si fa a gestire una eventuale chiusura plurima di scuole? Non è che si finisce a turni pomeridiani? I genitori preoccupati, specie quelli che fanno parte del gruppo dei nostri lettori, avendo già intravisto ad occhio nudo varie criticità nelle scuole frequentate dai figli, ci hanno chiesto la stesura di questo articolo. Vogliono che quei controlli di cui parlava il sindaco vengano fatti subito.

Le scuole sono un nostro patrimonio. I ragazzi ed il personsle) vanno tutelati.
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Scuola, Uil: «Non esiste il vincolo quinquennale su sostegno per le immissioni in ruolo su posto comune» Scuola, Uil: «Non esiste il vincolo quinquennale su sostegno per le immissioni in ruolo su posto comune» Errore di valutazione dell'Usr Puglia, al via i ricorsi
Scuole, il Mef autorizza 5 mila posti in meno rispetto quelli annunciati Scuole, il Mef autorizza 5 mila posti in meno rispetto quelli annunciati Turi (Uil): «Sintomo chiaro che sulla scuola si voglia fare cassa»
Contributi libri di testo 2019/2020: proroga dei termini fino al 31 luglio Contributi libri di testo 2019/2020: proroga dei termini fino al 31 luglio Attivo un canale di assistenza e supporto tecnico
Scuole sicure, dalla Provincia oltre 33 mila per il Comune di Trani Scuole sicure, dalla Provincia oltre 33 mila per il Comune di Trani Sarano utilizzati per iniziative di prevenzione e contrasto dello spaccio di droga
La "Notte prima degli esami" è arrivata La "Notte prima degli esami" è arrivata L'indimenticabile giorno per i maturandi domani alle prese con la prima prova
Maturità 2019, lettera aperta dell’assessore regionale Leo agli studenti pugliesi Maturità 2019, lettera aperta dell’assessore regionale Leo agli studenti pugliesi «Il mio augurio è di affrontare l’esame con emozione e serenità, sfidando voi stessi e ottenendo quel che meritate»
“Cenerentola…una fiaba in movimento”: festa finale degli alunni della scuola Petronelli “Cenerentola…una fiaba in movimento”: festa finale degli alunni della scuola Petronelli Lo spettacolo è stato il punto di arrivo di un lungo percorso che ha visto i bambini impegnati per l’intero anno
"I bambini pensano diritti": alla D'Annunzio sipario sul progetto nazionale "I bambini pensano diritti": alla D'Annunzio sipario sul progetto nazionale Gli alunni hanno inviato all’Autorità del Garante tre nuovi diritti
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.