Pop Corn

Quella stella splendente tanto amata da Keats

"Bright Star", struggente love story firmata Jane Campion

Stella lucente, foss'io come te costante -
No - costante sempre, mai mutevole vorrei risiedere
Sempre sul guanciale del seno dell'amore
Ma per sentirlo sempre pulsare cedevole,
Per sempre sveglio in dolce inquietudine,
Per sempre, sempre udire il suo respiro tenue
E così vivere in eterno - o venir meno nella morte.


(Bright Star - John Keats)

Così scriveva John Keats, sublime poeta morto di tubercolosi a soli 25 anni, cantore di un amore struggente e contrastato, versi composti poco prima di morire e rivolti alla musa Fanny, fanciulla dal grande intelletto, anime affini nell'amore e nel tragico epilogo della loro storia.

Londra, 1818. Il fragile poeta si innamora di Fanny Brawne, sua vicina di casa e studentessa di moda. Dopo i primi contrasti, i due si affezionano sempre di più: lei lo aiuterà nella cura del fratellino gravemente malato, lui ricambierà dandole lezioni di poesia. Due creature totalmente differenti, che saranno in grado di scoprire l'amore nonostante caratteri e interessi diversi, tra le beffe dei conoscenti e gli ostacoli sociali ed economici a cui un matrimonio potrebbe condurre.

Jane Campion firma questa pellicola in costume, tornando al genere dopo "Ritratto di signora", indimenticabile capolavoro del 1996 con una meravigliosa Nicole Kidman all'apice del suo talento. E la protagonista di "Bright Star", la giovane attrice australiana Abbie Cornish, sembra ricordare nella mimica e nella gestualità proprio la conterranea Kidman, sebbene meno algida e più corporea, prenotandosi un posto come erede della star.

La regista ha subito trovato il favore della sceneggiatrice Caroline Hewitt, che così parla del film: «E' una storia bellissima e poetica, ma con un ritmo moderno che la rende assolutamente accessibile. Nonostante sia un film d'epoca, è decisamente immediato e attuale, direi universale, visto che parla del primo amore». E il film può essere considerato una vera iniziazione all'amore per Fanny, capricciosa e superba: dopo l'incontro con Keats, scoprirà la magia della poesia e i turbamenti dell'amore, una forza tanto dolce e vitale quanto distruttiva e dolorosa.

Lo spettatore viene trascinato nelle leggiadre campagne inglesi dell'800 proprio attraverso lo sguardo di Fanny: conosceremo Keats in quei brevi istanti fugaci, fra le ombre del bosco vicino casa, e anche noi lo perderemo dopo solo due anni, quando la malattia lo costringerà a partire per Roma e a morire lontano dai suoi amori.

«Ho due piaceri a cui penso di continuo nelle mie passeggiate: il tuo amore, e l'ora della mia morte...» (J. Keats, Lettera a Fanny, 1819)
  • Cinema
Altri contenuti a tema
1 Ciak si gira: dal 19 giugno le riprese del film con Sophia Loren Ciak si gira: dal 19 giugno le riprese del film con Sophia Loren A Trani per il nuovo film di Edoardo Ponti "La vita davanti a sé"
2 Il grande cinema a Trani: in città arriva Sophia Loren Il grande cinema a Trani: in città arriva Sophia Loren Presto le riprese che la vedranno protagonista. Il sindaco: «Non ce la siamo fatta sfuggire»
Al Cineporto di Bari debutta "Tempo", con la produzione esecutiva di Trani Film Festival Al Cineporto di Bari debutta "Tempo", con la produzione esecutiva di Trani Film Festival Short film diretto da Beppe Sbrocchi e ispirato al racconto di Sergio D'Angelo
Tutto pronto per il Festival Sonic Scene: lunedì la presentazione Tutto pronto per il Festival Sonic Scene: lunedì la presentazione La manifestazione si propone di promuovere il cinema e la musica di diversi contesti geografici
Festival internazionale del cinema musicale, ecco l'elenco dei film selezionati Festival internazionale del cinema musicale, ecco l'elenco dei film selezionati L'evento in scena a Trani dal 23 al 25 novembre
L'industria cinematografica di Bollywood strizza l'occhio a Trani L'industria cinematografica di Bollywood strizza l'occhio a Trani Domenica e lunedì una delegazione effettuerà sopralluoghi in città
Ultimo weekend D'autore D'Estate AFC a Spinazzola Ultimo weekend D'autore D'Estate AFC a Spinazzola Tanti gli ospiti: il grande Marco Spoletini per Dogman, Luigi Pane, regista de "L'Avenir"
Luca Bellino e Silvia Luzi presentano "Il Cratere" a Spinazzola Luca Bellino e Silvia Luzi presentano "Il Cratere" a Spinazzola “Il Cratere”, considerato tra le opere più belle passate alla Mostra del Cinema di Venezia 74
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.