Caso Delnegro
Caso Delnegro
Cronaca

Caso Delnegro, il comandante provinciale CC L'Aquila: «Profonda amarezza in questa storia anche per noi»

La vicenda sta avendo approfondimenti anche sui rotocalchi delle Tv nazionali

«Una scena toccante, forte, un corpo privo di ogni dettaglio che ne favorisse la riconoscibilità, anche parzialmente sfigurato probabilmente per l'azione di animali selvatici». Il comandante della sezione provinciale dei carabinieri dell'Aquila, Nicola Mirante, intervistato dalla giornalista Rai sulla vicenda che tanto clamore sta avendo in tutto il Paese e ha sconvolto la comunità cittadina di Trani, è visibilmente provato dall'esito delle indagini che hanno dato un nome a quel corpo anonimo trovato abbandonato, nudo, violentato dalla lucida freddezza con la quale uno o più dei suoi figli non si sarebbe fatto scrupolo di togliere ogni dignità alla salma del proprio padre in cambio di una pensione a fine mese.

Non si erano voluti arrendere i Carabinieri del nucleo operativo abruzzese e avevano continuato a indagare sottotraccia, una volta risaliti all'identità del corpo grazie alla placca inserita a seguito di un intervento al femore - per il quale si presume dunque che il povero Bruno Delnegro fosse allettato; da quel momento, in assenza di alcuna denuncia di scomparsa e la pensione regolarmente spesa attraverso il conto corrente su cui era versata, ha cominciato a prendere sempre più corpo l'agghiacciante verità e il sospetto nei confronti dei più stretti congiunti.

«Per ora abbiamo degli indizi importanti che hanno fatto emergere dei dettagli che anche per noi, che siamo abituati a confrontarci con eventi drammatici hanno lasciato un senso di amaro in bocca».

Il comandante, evidentemente turbato dalla crudeltà di una tale dinamica, sottolinea anche nella stessa intervista che le telecamere di sorveglianza di quei giorni nella zona hanno rilevato la presenza di un' autovettura compatibile con quella di uno degli indagati: con la compagna per soppressione di cadavere, con gli altri per truffa all'Inps e uso indebito di carta di credito.

Ulteriori indagini stanno cercando di ricostruire ogni dettaglio della dinamica di questo crimine, probabilmente proprio a partire dall'intervento di ricostruzione del femore e da quell'allettamento: forse l'inizio della fine di Bruno Delnegro, infermiere, artista, persona apprezzata e benvoluta e che non meritava un destino tanto umiliante e crudele.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Ordinavano panini e caffè ma era droga, maxi operazione nel nord barese Ordinavano panini e caffè ma era droga, maxi operazione nel nord barese Gli stupefacenti provenivano dalla Spagna e venivano smerciate sul territorio della Bat
Operazione “Oltremare”, 47 arresti per detenzione e spaccio anche a Trani Operazione “Oltremare”, 47 arresti per detenzione e spaccio anche a Trani I Carabinieri di Trani impegnati anche a Bisceglie, Ruvo, Corato e Barletta
Stazione Carabinieri Trani, il luogotenente Massimo Biasone va in pensione Stazione Carabinieri Trani, il luogotenente Massimo Biasone va in pensione Il ringraziamento da parte della cittadinanza di Giovanni Paradiso
Il capitano Cignarella va in pensione, dal 2020 al comando del Comando Carabinieri di Trani Il capitano Cignarella va in pensione, dal 2020 al comando del Comando Carabinieri di Trani Quarant’anni di servizio effettivo nell’Arma dei Carabinieri
Truffe agli anziani, l'Arma dei Carabinieri arruola un testimonial speciale: Lino Banfi Truffe agli anziani, l'Arma dei Carabinieri arruola un testimonial speciale: Lino Banfi Si rafforza la campagna comunicativa delle forze dell'ordine a tutela dei soggetti più fragili
Cellulare alla guida e assenza di cintura di sicurezza, centinaia i guidatori fermati dai Carabinieri di Trani Cellulare alla guida e assenza di cintura di sicurezza, centinaia i guidatori fermati dai Carabinieri di Trani Intensificate attività di controllo nei luoghi di maggiore aggregamento
Arrestati dai Carabinieri quattro ladri seriali "attivi" in negozi di Trani Arrestati dai Carabinieri quattro ladri seriali "attivi" in negozi di Trani Portata a termine un’indagine complessa che incastra quattro uomini soliti a rubare prodotti all’interno delle attività commerciali
A Trani sequestrati migliaia di giocattoli irregolari dai Carabinieri del Nas A Trani sequestrati migliaia di giocattoli irregolari dai Carabinieri del Nas Gli oggetti destinati ai bambini sono privi di qualsiasi norma di sicurezza e indicazione sui materiali utilizzati norma di sicurezza e indicazione sui materiali utilizzati
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.