discarica trani
discarica trani
Territorio

Discarica: «C'è il rischio di condannare la città ad una crisi ambientale irreversibile»

Sul sequestro interviene anche il Collettivo Exit di Barletta

«Il sequestro della discarica Amiu di Trani, con la conseguente iscrizione nel registro degli indagati di 16 persone (tra amministratori locali,regionali e dirigenti), con l'accusa gravissima di disastro ambientale aggravato, emissioni in atmosfera non autorizzate e omissioni di atti d'ufficio, non è la prima inchiesta sulla gestione dei rifiuti che travolge una città importante del nostro territorio».

A rinfrescarci la memoria sull'argomento ci pensa Francesco Caputo, a nome del giornale Collettivo Exit di Barletta: «Tutti ormai sembrano aver dimenticato l'inchiesta che nel dicembre del 2013 ha rischiato di travolgere l'Amministrazione di Andria, guidata dal sindaco Giorgino, con l'arresto dell'assessore all'ambiente Lotito, per una tangente da un milione di euro, ricevuta dalla ditta Sangalli per l'appalto della raccolta dei rifiuti nei Comuni di Andria e Canosa. Questo ci fa comprendere quanto la gestione del ciclo dei rifiuti sia diventato il catalizzatore di interessi sempre più stretti tra il mondo della politica e quello degli affari, arrivando a produrre non solo fenomeni di corruzione, ma anche a compromettere il tessuto ambientale di un'intera comunità».

«L'autosufficienza della discarica – prosegue - tanto acclamata dal governatore Ventola, è basata su una discarica da tempo fuori controllo che era, inoltre, "costretta" ad ospitare i rifiuti provenienti dalla Provincia di Bari per la chiusura della discarica di Conversano. Questo ulteriore aggravio non è stato certo a titolo gratuito visto che nelle casse dell'Amiu di Trani sono entrati i soldi pagati dai Comuni per lo smaltimento».

Oggi, con la chiusura della discarica di Trani, ci si trova di fronte ad una situazione insostenibile. Secondo il Collettivo Exit di Barletta, la classe politica invece di cambiare strada imponendo una rivoluzione culturale che ci faccia finalmente uscire dalla crisi ambientale in cui siamo sprofondati, rischia di proporre soluzioni peggiori del danno provocato. «Nessuno nella Provincia Bat, a parte i movimenti, si sta ponendo l'obiettivo di capire quali sono le ricadute sull'ambiente e sulla salute del disastro che è stato prodotto a Trani».

Francesco Caputo del Collettivo Exit ha analizzato l'ipotesi che qualcuno, forse nei prossimi mesi, possa proporre scenari "inquietanti" come la necessità di realizzare un inceneritore in questo territorio oppure utilizzare la cementeria Buzzi Unicem. Il presidente Ventola rischierebbe di consegnare in eredità al nuovo governatore la possibilità di ricorrere, ancora una volta, ad impianti "ormai obsoleti", come agli inceneritori, per chiudere il ciclo dei rifiuti. «Con questo scenario condanniamo la città di Trani ad una crisi ambientale irreversibile».
  • Francesco Ventola
  • Discarica
Altri contenuti a tema
Discarica abusiva nell'area dell'ex mercato ortofrutticolo Discarica abusiva nell'area dell'ex mercato ortofrutticolo Le lamentele dei residenti accolte dal Movimento Articolo 97
Discarica, processo per disastro ambientale: udienza rinviata al 24 maggio Discarica, processo per disastro ambientale: udienza rinviata al 24 maggio In quella data l'esame dell'ing. Luigi Boeri, consulente del Pm
Discarica, Di Leo: «Come mai l'impermeabilizzazione del III lotto era lacerata e collassata?» Discarica, Di Leo: «Come mai l'impermeabilizzazione del III lotto era lacerata e collassata?» Il consigliere della Lega interroga l'assessore Merra
Discarica, Di Leo (Lega): "Non esiste alcun disastro ambientale" Discarica, Di Leo (Lega): "Non esiste alcun disastro ambientale" Il consigliere di opposizione spiega le cause all'origine dell'inquinamento
1 Impianto per il trattamento di percolato, Di Leo (Lega): «A Trani la logica del profitto sta a sinistra» Impianto per il trattamento di percolato, Di Leo (Lega): «A Trani la logica del profitto sta a sinistra» Anche il consigliere di opposizione esprime il suo disappunto sul progetto
«Per una città a rifiuti zero è necessaria una programmazione d'insieme» «Per una città a rifiuti zero è necessaria una programmazione d'insieme» Nota in redazione di Legambiente Trani
2 Bonificate le "discariche a cielo aperto" di via dei Finanzieri e del sovrappasso di via Andria Bonificate le "discariche a cielo aperto" di via dei Finanzieri e del sovrappasso di via Andria Le aveva segnalate con una nota il consigliere comunale Giovanni Di Leo, che ringrazia per l'intervento
Discarica, Cinquepalmi e i dubbi sul servizio di gestione dei rifiuti Discarica, Cinquepalmi e i dubbi sul servizio di gestione dei rifiuti Per l'ex consigliera ancora poca chiarezza sui nuovi impianti
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.