Discarica Puro Vecchio
Discarica Puro Vecchio
Ambiente

Discarica, l'analisi di Oikos: "Nessun documento ufficiale certifica l'avvenuta messa in sicurezza"

L'associazione di cittadinanza attiva chiede che venga attuato il principio di precauzione

"Sono passati ben otto anni dal clamore del sequestro della discarica di Trani e si susseguono ossessivamente le dichiarazioni di coloro che affermano che l'impianto sia ormai innocuo dal punto di vista dell'impatto ambientale e che pertanto, sia giunto il momento di pensare a nuove potenziali forme di nuove attività di conferimento dei rifiuti come l'impianto di trasferenza e l'impianto oversize per il trattamento del percolato": l'associazione cittadinanza attiva Oikos in una nota sottolinea di aver analizzato "gli esisti del monitoraggio quindicinale condotto sui pozzi spia della discarica". E che "dalla visione delle analisi sui pozzi spia della discarica si rileva quanto segue: trattasi delle prescritte analisi condotte con cadenza quindicinale ma sono presenti solo le analisi dei pozzi spia posti a valle idrogeologico della discarica e non quelle condotte nei pozzi spia ubicati a monte della discarica (pozzi spia P8M e P9M). Conseguentemente non è possibile fare il confronto dei dati per rilevare l'eventuale influenza potenziale della contaminazione nei flussi delle acque di falda.
Le ultime certificazioni presenti nel sito AMIU risultano quelle del 29/04/2022
In genere i solfati risultano essere molto alti e quasi sempre nei limiti di legge se si considera il valore dell'incertezza della misura. Tuttavia, nelle analisi del 15/04/2022 nei pozzi S9, PV13, PV11, P6VBIS e PV10 sono ben più alti delle concentrazioni limite.
Sempre nelle analisi del 15/04/2022 lo ione Ammonio testimoniante la decomposizione della sostanza organica risulta elevato e maggiore dei limiti (pozzi P6Vbis e PV10).
In alcune certificazioni del 2022 il Mercurio ed il Nichel risultano elevati ma nei limiti se si considera l'incertezza della misura.
Dalle certificazioni delle analisi si rileva che molti degli analiti, anche importanti come ad esempio Mercurio e Cromo esavalente vengono quantificati con procedure non accreditate da 'Accredia'."
Inoltre "in merito ai requisiti delle analisi - continua la nota di Oikos - siamo convinti che un monitoraggio ambientale in grado di fornire maggiori garanzie di qualità e trasparenza potrebbe aversi se il campionamento e le analisi fossero eseguite sistematicamente da un organismo, pubblico 'terzo' e super partes. A quanto detto si aggiunga che a tutt'oggi non vi è alcun documento ufficiale che certifichi in base al D.Lgs 152/2006 l'avvenuta messa in sicurezza della discarica e tanto meno la bonifica del sito.
Si consideri che qualora la discarica fosse proceduralmente 'chiusa' e già 'messa in sicurezza', in base alla normativa vigente dovrebbe essere sottoposta ad un monitoraggio ambientale post-esercizio della durata minima di 30 anni.
Inoltre, non risulta ancora conclusa e definita l'analisi di rischio sanitario, così come risulta ancora 'scoperto' e privo di capping il terzo lotto della discarica.
Alla luce di quanto esposto ci chiediamo se non sussistano sufficienti elementi di insicurezza che possano indurre gli amministratori locali ad attuare il principio di precauzione e quanto meno a non affermare con leggerezza che il sito sia ormai inoffensivo dal punto di vista della contaminazione delle matrici ambientali".
  • Discarica
Altri contenuti a tema
Impianto di percolato, un gruppo di cittadini: «E' calato il silenzio» Impianto di percolato, un gruppo di cittadini: «E' calato il silenzio» Ecco i quesiti posti all'Amministrazione
Impianto di percolato: le osservazioni di un gruppo di cittadini e associazioni Impianto di percolato: le osservazioni di un gruppo di cittadini e associazioni «Ancora una volta invitiamo Sindaco e amministratore Amiu ad un pubblico, civile e leale confronto»
Impianto di percolato a Trani: ancora al vaglio le potenziali criticità Impianto di percolato a Trani: ancora al vaglio le potenziali criticità Evidenziate dal comitato ambientale a seguito di ulteriori perizie tecniche
7 Discarica, Di Leo: «Ancora oggi nessuno riesce a dire perché nel 2014 ci fu fuoriuscita di percolato» Discarica, Di Leo: «Ancora oggi nessuno riesce a dire perché nel 2014 ci fu fuoriuscita di percolato» Il commento del consigliere della Lega dopo il sopralluogo di ieri
Discarica, Cornacchia: «I lavori procedono con regolarità» Discarica, Cornacchia: «I lavori procedono con regolarità» L'esito di un sopralluogo con consiglieri, tecnici, dirigenti e l'assessore Colangelo
5 Impianto di trattamento del percolato: il Ministero chiede una relazione sullo stato dei luoghi Impianto di trattamento del percolato: il Ministero chiede una relazione sullo stato dei luoghi Un gruppo di cittadini e associazioni aveva inviato una nota
Impianto di trattamento percolato: un gruppo di cittadini chiede alla Regione riscontro alle osservazioni Impianto di trattamento percolato: un gruppo di cittadini chiede alla Regione riscontro alle osservazioni La nota inviata via pec ai vertici del Dipartimento ambiente e paesaggio
Legambiente: «L'impianto di trattamento del percolato è utile, ecco perché» Legambiente: «L'impianto di trattamento del percolato è utile, ecco perché» «Fermo restando che venga data la garanzia che l'Amiu sia il soggetto gestore dell’impianto»
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.