Giovanni Gorgoni
Giovanni Gorgoni
Territorio

La sede della Asl si avvicina a Barletta

Primo sì dalla Regione Puglia. La proposta di legge presentata da Caracciolo, Mennea, Pastore e Alfarano

Sede Asl Bat, sì a maggioranza della terza commissione regionale alla proposta di legge che prevede lo spostamento della sede legale da Andria a Barletta, ma il provvedimento dovrà essere dotato di referto tecnico da parte della ragioneria e dovrà transitare anche dalla prima commissione. E' questa la conclusione dalla seduta presieduta da Dino Marino (Pd), preceduta dalle consultazioni con i sindaci dei Comuni della Bat con il direttore generale della Asl, Giovanni Gorgoni ed il presidente del Collegio dei revisori della stessa azienda.

La proposta di legge era stata presentata dai consiglieri Filippo Caracciolo (Pd), Ruggiero Mennea (Pd), Francesco Pastore (Gruppo misto) e Giovanni Alfarano (Pdl). Due le motivazioni principali portate avanti dagli stessi: la disponibilità immediata di locali adeguati nel Comune di Barletta che hanno ospitato negli anni scorsi le sedi della ex Ausl Ba/2 ed il conseguente risparmio di spesa per la casse del servizio sanitario regionale.

Il sindaco di Andria Nicola Giorgino ha fatto presente al direttore generale dell'Asl che è in fase di ultimazione ad Andria una transazione tra il Comune e la stessa azienda sanitaria in relazione alla sede che attualmente ospita gli uffici della direzione generale ed, in particolare, il programma informativo interconnesso con il sistema Edotto della Regione Puglia. La transazione comporterà a breve la rinuncia da parte del Comune alla richiesta di risarcimento, con la consegna alla Asl Bat dell'immobile che entrerà a far parte del patrimonio immobiliare della stessa, facendo venire meno il pagamento del relativo canone di fitto.

I commissari hanno votato a maggioranza a favore della proposta di legge. Il consigliere Angelo Disabato si è astenuto, sollecitando l'assessore alla politiche della salute Tommaso Fiore, di investire nuovamente della scelta delle sede della Asl la conferenza dei sindaci ed assegnando alla stessa un termine temporale entro cui provvedere e prevedendo un intervento sostitutivo della Regione in caso di inadempienza.
  • Asl Bat
Altri contenuti a tema
Concorso Sanitaservice Asl Bat, boom di domande pervenute ma i posti disponibili solamente una cinquantina Concorso Sanitaservice Asl Bat, boom di domande pervenute ma i posti disponibili solamente una cinquantina Ancora irrisolta la questione lavaggio delle divise
Asl Bat: «Le liste di prenotazione non sono chiuse, monitoraggio costante» Asl Bat: «Le liste di prenotazione non sono chiuse, monitoraggio costante» Le precisazioni della Direttrice generale
15 Protocollo Comune-Asl-Regione del 2016, i dubbi di Etica e Politica Protocollo Comune-Asl-Regione del 2016, i dubbi di Etica e Politica "Sarebbe una grande conquista formalizzare l'esistenza del Pta di Trani"
Attivazione dei servizi mensa ed erogazione dei buoni pasto per i dipendenti delle Asl pugliesi Attivazione dei servizi mensa ed erogazione dei buoni pasto per i dipendenti delle Asl pugliesi Di Bari (M5S): "Chiederemo report per capire applicazione del contratto in ogni Asl”
Asl Bat condannata dal Tribunale di Trani: aveva decurtato somme a due dipendenti Commissione Invalidi Civili Asl Bat condannata dal Tribunale di Trani: aveva decurtato somme a due dipendenti Commissione Invalidi Civili I due assistiti erano difesi dagli avvocati Antonio Norscia e Domenico Storelli
3 Il Pta di Trani finisce sotto la lente d'ingrandimento di Fuori dal Coro su Rete4 Il Pta di Trani finisce sotto la lente d'ingrandimento di Fuori dal Coro su Rete4 In un servizio focus sulle liste d'attesa infinite e il caso Nemore
Sanitaservice Asl Bat, al via le procedure per il concorso ma resta lo stato d’agitazione Sanitaservice Asl Bat, al via le procedure per il concorso ma resta lo stato d’agitazione L’allerta delle organizzazioni sindacali continua a rimanere alta fino all’approvazione del Business plan. Prima in Puglia nella Bat ok al premio Covid
Dal premio covid mai avuto alle divise lavate a casa, i lavoratori di Sanitaservice chiedono risposte Dal premio covid mai avuto alle divise lavate a casa, i lavoratori di Sanitaservice chiedono risposte L'organico minaccia uno sciopero qualora l'azienda continui nel suo silenzio
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.