Associazioni

"Pelesoeie de Natale a léngue tranaese" da questa mattina in edicola

Una pubblicazione gratuita curata dall'associazione Teatro Trani

L'associazione culturale, teatrale ed ambientale "Teatro Trani" ha realizzato una nuova pubblicazione, che segue le iniziative di successo precedenti, dedicate al Santo Padre e al crocificco di colonna, in distribuzione gratuita da questa mattina presso l'edicola "Ulisse", in Piazza della Repubblica.

"Pelesoeie de Natale a léngue tranaese" raccoglie 4 poesie in vernacolo tranese scritte dal poeta dialettale Giovanni Di Mauro tra il 1987 e il 2005 e tradotte in italiano dallo stesso autore.

Le quattro poesie in doppia edizione tranese/italiano possono essere lette all'interno del nostro canale tematico Guida di Trani alla sezione "il dialetto tranese" o scaricate, in versione integrale impaginata, da questa pagina.


SCARICA PUBBLICAZIONE COMPLETA (pdf - 412 KB)


Ecco un assaggio della pubblicazione:

U Natale du Canareute
- Reccà! A prevvedeut' a fe la spaese pe lle fieste de Natale?. - Auze! Da màu iave!. Gerudd' u veccìere che nu velande me mannat' a case nu capaune, cìu voeide pare n'alefande, feteghe, ghjemeriedde, salsìzze, chestat' e zambaune de maiale.


- E u capeteune? – Ma caume, niendemaen'è state la proeima cause. - Caum'u facioeite? – De tutte le manaere: ind'o seuche, mbelzate e spòeite arresteute, frìtte ind'a la sartascene. Peu é pegghjate: ostriche, canelìcchìe, dattele de mare, rìzz'e cozze pelause.

- Se spavend'a vedelle vedeché – Megghjereme nanze mbressiaune; da pecenenne, la mamme lav'ambarate a na pegghjé pagheure, da tànne angìdd'o capetaune le manesciascie secheure. Na volte le sfesceoei' e se sceoeie add'arrequé raet'o casciaune.

- Nanze strapazz'a checené?. A chedde ce l'arrénne. E'na manoeie ca taene. Doeice:"la checeoeine iaie l'altare de la case". Pecchésse mette tutte le sendemiende. Caume quann'u pravete doeice la Messe. U chestrutte se vaede quanne le porte a tavele la mezzadoeie.

Quante fac' u ragù ce fragranze se sende! Pare ca u ste a recamé: ind'a na pegnate de craete mesçke carne de puorch'e de vacceoeine, mette cepàdde, chenzerve, sugne, pancette, vasenecaul'e petresoeine. Fuoche de carveune, adénn' adénne, checchiare de legne pe recelé.

- Sape fe le dulce?-Na maravigghje!Dulce acchessì na la mangiate mme, manche da Ceàece. Nu cape pastecciere patendate na l'abbenge, ce face na sfoeide che lle megghje cuoche é secheure ca venge. Ce carteddate, calzengiedde, mestazzuele! Pe crede l'addasapré.

E le cannuole a la Seceliane, chioeine de craem' e cequelate. Na la de a nesceune la rezzette, su taene nzegraete caume le face. Ce siende caume sande cenìere ca parene fatte che la vammace, se squàgghjene màcche senza besuogne d'esse mezzequate.

- A mangé de sta manaere na ve vaene na dògghje de vende, na … sciolte. – Tengh'a request'u Fernet, la magnaes, u cetrate l'uògghje de riggene ca m'aiuten'a smalteie l'abbeffate; a megghjereme mangé acchessì le face giovamende.

Uélù! Stasare che la Vescìlie viene che megghjerete mezz'a neu mbroeime facioeime la fanauve, cu fuoche appéciam'u frasciere ca ce ngaldesce. Soeime na trentoeine vaene peure Sisand'u varviere ca te taene mbriesce. Na te ne scherdé vaspettam'a tutt'e deu.

Leccà!. Na petoeime venoeie, peure neu festeggiame stasaer'e cré che natale. Vénne tutt'a casa noste: nunne, figghje, naur'e nepeute, scìrn'e canate; peure ziarme u Calòneche don Temmase Messeute. Ce u mboeite vale ancaure venoeime a S. Stefane ca iaie pescré !.

Natale 2005
Testo scritto da Giovanni di Mauro
Il Natale del Ghiottone
Riccardo! Hai provveduto a fare gli acquisti per le feste di Natale? -"Eccome! Già da tempo. Ciro il beccaio, col facchino del mercato, mi ha mandato a casa un cappone, che se lo vedi sembra un elefante,
fegato, torcinelli, salsiccia, costatine e zampone di maiale".

-"E il capitone?" – "Nientemeno, quello è stato il primo acquisto". - "Come lo cucinate?" – "in diverse maniere: cotto nel sugo, infilzato allo spiedo arrostito, fritto nella padella; poi ho acquistato: ostriche, manicai, datteri e ricci di mare e cozze pelose".

-"Si spaventa vederlo contorcersi?"–"Mia moglie non si impressiona; da quando era piccolina la madre le ha insegnato a non aver paura; quindi anguille e capitoni li prende in mano con disinvoltura. Una sola volta le sfuggì di mano e si nascose sotto la cassapanca".

- "Non si affatica a cucinare?". – "Quella é instancabile; é una mania che tiene. Dice: la cucina é l'altare della casa, perciò nel cucinare mette tutto l'amore come quando il prete dice la S. Messa. Il risultato si vede quando mette a tavola le pietanze a mezzodì".

Quando fa il ragù, che fragranza! Quella non lo cucina, lo ricama: in una pentola di creta mischia carne di maiale e di vaccina, mette la cipolla, conserva, strutto, pancetta, basilico e prezzemolo. Solo fuoco di carboni, lento lento e cucchiaio di legno per rimestare.

-"Sa fare i dolci?"–"A meraviglia!.Dolci prelibati non li hai mai mangiati, neanche da Ceci. Un bravo pasticciere non le sta a la pari. Se fa una sfida con i migliori cuochi, vincerebbe senz'altro lei. Che cartellate, calzongelli, mostaccioli! Per credere devi assaggiarli".

"E i cannuoli alla siciliana ripieni di crema e cioccolato… non dà la ricetta a nessuno; come li fa, è un segreto. Se senti come sono morbidi, sembrano fatti con la bambagia, si sciolgono in bocca senza bisogno di masticarli."

- "Mangiando a questa maniera non vi viene un male di pancia... una dìarrea!". – "Ho sempre in casa fernet, magnesia, citrato, olio di ricino che mi aiutano a smaltire l'abbuffata. A mia moglie mangiare a questa maniera fa bene.

Emanuele, stasera che è la vigilia vieni con tua moglie in mezzo a noi. Prima accendiamo un grande falò e il fuoco che rimane lo mettiamo nel bracere così ci riscaldiamo. Siamo una trentina, viene pure Santino,
il barbiere, che ci tiene in allegria. Non scordarlo, vi aspettiamo tutti e due.

- "Riccardo, non possiamo venire, anche noi festeggiamo stasera e domani che é Natale. Vengono tutti a casa nostra: nonni, figli, nuore e nipoti generi e cognati; pure mio zio il Canonico don Tommaso Mossuto. Se l'invito vale ancora veniamo a S. Stefano, che è dopodomani.

Natale 2005
Testo tradotto da Giovanni di Mauro

  • Teatro Trani
Altri contenuti a tema
"Novantadue-Falcone e Borsellino 20 anni dopo" questa sera all'Impero "Novantadue-Falcone e Borsellino 20 anni dopo" questa sera all'Impero Anche a Trani il presidio di Libera ricorda le vittime di mafia
Cinema Impero, a fine mese "Pinuccio chiama Trani" Cinema Impero, a fine mese "Pinuccio chiama Trani" Giovedì 26 febbraio appuntamento con il comico barese Alessio Giannone
"Merecule a…Natale!", oggi la prima al Teatro Impero "Merecule a…Natale!", oggi la prima al Teatro Impero Fino a sabato 13 in scena la nuova commedia in vernacolo di Enzo Guacci
Signore e signori ecco "Merecule a…Natale!" Signore e signori ecco "Merecule a…Natale!" Dal 10 al 13 dicembre in scena all'Impero la nuova commedia di Enzo Guacci
Il teatro di Guacci scalda i motori: da domani all'Impero "…Ce s’è pegghiate u' proeise?" Il teatro di Guacci scalda i motori: da domani all'Impero "…Ce s’è pegghiate u' proeise?" Biglietti ancora disponibili per la nuova commedia in vernacolo di Teatro Trani
…Ce s’è pegghiate u' proeise? A marzo si torna a ridere con Teatro Trani …Ce s’è pegghiate u' proeise? A marzo si torna a ridere con Teatro Trani All'Impero arriva la nuova commedia in vernacolo di Enzo Guacci
Intramontabili Rino ed Enzo Intramontabili Rino ed Enzo Quattro ruote e full optional
Festeggiati i dieci anni dell'associazione Teatro Trani Festeggiati i dieci anni dell'associazione Teatro Trani In scena all'Impero fino a venerdì 14 dicembre
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.