Cronaca

Pericolo incendi in alcune zone della città

I campi non curati rischiano di andare in fiamme

«Piazze e luoghi di ritrovo invasi da sterpaglie ed erbacce, che bruciano spesso a causa delle temperature estive, quando non ci si mette la mano di qualche vandalo. La situazione interessa diverse zone periferiche della città, dove non esiste alcuna manutenzione del verde. Ma nell'ultima settimana sono stati due i casi di incendi sviluppatisi in un'unica piazzetta, quella in fondo a via Pugliese, in zona Stadio.

Tutti e due di sera, così che è impossibile non pensare alla mano dell'uomo. Il primo, mercoledì scorso, ha provocato solo tanta paura nei cittadini e condomini dei palazzi vicini, che sono intervenuti prontamente, spegnendolo le fiamme prima che devastassero tutto. Ma non vi è dubbio che, se l'incendio si fosse propagato nelle ore notturne, sicuramente tutta la piazzetta sarebbe andata distrutta con le inevitabili conseguenze gravi per la tenuta dei palazzi circostanti. Il secondo si è verificato invece venerdì sera, intorno alle 22.30. Le fiamme sono state ugualmente spente dai condomini dei palazzi circostanti, ma questa volta è intervenuta anche la polizia di Stato.
Secondo quanto stabilito dall'ordinanza sindacale numero 7 del 2008, anche i proprietari dei terreni privati sono tenuti a tenere in ordine, per la tutela della salute pubblica, i propri terreni. Ma questo non sempre avviene e i terreni abbandonati, nelle campagne immediatamente a ridosso del centro abitato, sono molti. Per ragioni di pubblica incolumità – dice Michele di Gregorio, il capogruppo consiliare dei Verdi – sarebbe il caso che le autorità comunali intervenissero tempestivamente, provvedendo anche alla pulizia di questi terreni quando i privati sono inadempienti. Ma soprattutto speriamo che l'amministrazione comunale si faccia carico della pulizia e della tenuta decorosa del poco verde esistente in città, adottando una serie di provvedimenti che migliorino le condizioni di vita dei cittadini nella stagione estiva».
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.