Piazza Sant'Oronzo
Attualità

Regolamento dehors, aumentano le perplessità degli esperti del settore

A grande richiesta la riapertura del dibattito politico

Si è tenuto sabato scorso un interessante incontro/confronto sul tema dei dehors su iniziativa di tre professionisti preoccupati di quanto sta accadendo a Trani e non solo dopo l'emanazione del nuovo regolamento comunale e, soprattutto, dopo la realizzazione dei primi manufatti che destano più di qualche perplessità. Sono intervenuti diversi cittadini interessati tra i quali alcuni tecnici tra architetti e ingegneri.

È emersa, da parte di tutti, la necessità di tutelare tutti i diversi aspetti della vicenda: quello dei privati che stanno investendo o intendono farlo, quello dell'aspetto paesaggistico e dell'impronta culturale della Città, quello dell'interesse collettivo, quello della sicurezza, anche, stradale, quello igienico – sanitario e altri. Tra i cittadini intervenuti, l'Arch. Alessandro Procacci ha manifestato "viva preoccupazione per una più puntuale collaborazione con la Soprintendenza, anche, al fine di scongiurare interventi che possano alterare l'aspetto paesaggistico di un centro storico che è e deve essere patrimonio di tutti". Stesse perplessità sono state fatte pervenire dalla nota Guida Turistica Andrea Moselli, profondo conoscitore del centro storico e custode di quei luoghi preziosi.

Tra gli organizzatori, l'Arch. Pinto ha espresso preoccupazione per il fondato timore che non sia stato adeguatamente tutelato "l'interesse storico, culturale ed artistico dei nostri palazzi, del nostro porto, della nostra storia", Luca Volpe invece ha ribadito come "non possa essere possibile che i privati che dovessero seguire un regolamento Comunale debbano poi trovarsi di fronte a molteplici problemi normativi perché ciò sarebbe danno, sarebbe beffa", "una questione", aggiunge, il Responsabile del dipartimento Cultura di Forza Italia BAT, "che oltre che normativa è soprattutto politica e Culturale" . Savino Montaruli ha proposto l'idea di chiedere "la riapertura di un tavolo istituzionale che possa consentire la presenza di tutte le parti, anche della cittadinanza, al fine di rivedere una situazione che presenta, anche alla luce di quanto sta accadendo nelle città vicine, profili di aleatorietà e di criticità per tutti".

Gli fa eco l'Ing. Antonio Traversa, anche nella sua qualità di rappresentante di Confartigianato il quale ha manifestato convinta adesione alla posizione di Montaruli e di tutti gli altri promotori. È intervenuto all'incontro, infine, il Capogruppo al Consiglio Comunale di Forza Italia, Pasquale De Toma che già aveva sollevato perplessità sia in commissione affari istituzionali che in consiglio comunale dove non aveva votato favorevolmente il regolamento. Lo stesso consigliere, prontamente, dopo aver ascoltato le istanze di tutti i presenti, ha promesso di farsi portavoce di quanto è emerso pensando di coinvolgere sul tema le commissioni consiliari competenti come prima fase per una eventuale rivisitazione del regolamento in questione.

Luca Volpe, Forza Italia
  • Luca Volpe
Altri contenuti a tema
Corrado, Volpe, Cor e ancora Bottaro, Laurora e Pd: tutti rimandati Corrado, Volpe, Cor e ancora Bottaro, Laurora e Pd: tutti rimandati Le "pagelle" di Giovanni Ronco
Forza Italia: «I tranesi subiscono le incapacità dell'amministrazione» Forza Italia: «I tranesi subiscono le incapacità dell'amministrazione» Così De Toma, Sotero e Volpe intervengo su bus, turismo e scarichi abusivi
Per Lima si scatena la solidarietà di Forza Italia Per Lima si scatena la solidarietà di Forza Italia De Toma e Volpe: «L'amministrazione non ha saputo chiedere scusa»
Il Comune perentorio: niente refezione a chi non paga. Forza Italia contraria Il Comune perentorio: niente refezione a chi non paga. Forza Italia contraria Volpe: «Punire i bambini per i crediti dei genitori è un atto deprorevole e vergognoso»
Danisi e Amet, le reazioni alla nomina nel cda Danisi e Amet, le reazioni alla nomina nel cda A poche ore dall'annuncio, l'opposizione si sfoga sui social
«Il caso La Lampara è la certificazione del fallimento della nuova amministrazione» «Il caso La Lampara è la certificazione del fallimento della nuova amministrazione» Intervento di Volpe (Fi Bat) sullo sfratto dello storico locale
Caso La Lampara: «Fallimento della nuova amministrazione» Caso La Lampara: «Fallimento della nuova amministrazione» Intervento di Volpe (F.I.) sullo sfratto dello storico locale
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.