Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Sorpresi a smontare auto nella periferia di Cerignola, una era stata rubata a Trani

In manette due soggetti. In fuga il terzo complice

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Alcuni giorni fa i Carabinieri della Compagnia di Cerignola, nel corso di un servizio di perlustrazione delle aree periferiche della città ofantina, giunti in località Tressanti, nei pressi del letto ormai asciutto del fiume Carapellese, hanno notato a distanza la presenza di alcuni veicoli e di tre soggetti che, in pieno pomeriggio, stavano procedendo alla cannibalizzazione di due autovetture. I militari sono quindi intervenuti sul posto e, dopo un lungo inseguimento a piedi, hanno bloccato due soggetti, un rumeno di 40 anni, già noto alle forze dell'ordine, ed un nigeriano di 31 anni, incensurato.

Il terzo complice è riuscito a dileguarsi, facendo perdere le proprie tracce. I Carabinieri hanno constatato la presenza di una Volkswagen Polo e di una Renault Capture, entrambe risultate rubate il giorno stesso, la prima a Martinsicuro (TE) e la seconda a Trani (BT).

Le auto erano state già in parte smontate e le loro parti meccaniche erano state caricate su un Fiat Ducato, con telaio completamente abraso. Sul posto i militari della locale Stazione Carabinieri e della Sezione Radiomobile hanno notato la presenza di altre due autovetture, con ogni probabilità usate dai tre complici per raggiungere quella località: una Fiat Stilo ed una Fiat Punto, su cui sono in corso accertamenti per risalire alla loro provenienza. Tutti i veicoli rinvenuti sono stati sequestrati.

I due soggetti bloccati, sottoposti a perquisizione, sono stati trovati in possesso della somma contante di 920 euro, sequestrata poiché ritenuta compenso per la cannibalizzazione dei veicoli rubati. I due, condotti negli uffici della locale Compagnia Carabinieri, sono stati dichiarati in arresto per riciclaggio in concorso. Dopo le formalità di rito, su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia, per loro si sono aperte le porte del carcere foggiano, dove sono rimasti associati in custodia cautelare anche dopo la convalida dell'arresto, come disposto dal Gip del Tribunale di Foggia.
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.