Tari
Tari
Vita di città

Tari, il Cta Trani contro l'aumento del 7% previsto per le utenze non domestiche

De Marinis: «S'individuino azioni importanti per non aumentare i costi di gestione»

«Pregiatissimo Sig. Sindaco, la scrivente Associazione CTA, in merito alla proposta di deliberazione del Consiglio Comunale relativa al Tributo Comunale sui rifiuti - TARI - per l'anno 2022, esprime la propria contrarietà all'aumento previsto per le utenze non domestiche». E' quanto si apprende in una lettera aperta a firma del presidente del Cta Trani, Michele De Marinis indirizzata al sindaco Amedeo Bottaro.

«Dai dati in nostro possesso, infatti, per la maggior parte delle utenze NON DOMESTICHE, (ad esempio: autorimesse – magazzini - uffici - negozi abbigliamento - librerie – parrucchieri - falegnami - autofficine - attività industriali e artigianali di produzione – ristoranti - bar e pasticcerie- supermercati- macellerie) è previsto un aumento della TARI del 7% (circa). Riteniamo che in questo particolare momento non si debbano aumentare i costi né per le famiglie, né per le imprese e gli artigiani, categorie che sostengono la crescita del nostro tessuto sociale.

Comprendiamo che anche per il gestore del servizio ci siano gli aumenti dei costi di smaltimento, e i rincari dei consumi del carburante e dell'elettricità, ma riteniamo che si possano individuare delle azioni importanti, da mettere subito in pratica, che permettano di non aumentare i costi di gestione, che devono per legge essere coperti dalla Tari. Si pensi, ad esempio, ad una oculata gestione dei conti e ad una migliore organizzazione dei servizi da parte dell'azienda AMIU. Così come è importante aumentare la platea dei contribuenti, anche a seguito di accertamenti mirati, rafforzando l'Ufficio Tributi del Comune, che, attraverso un lavoro certosino, ha già individuato numerosi evasori della tassa, sia totali che parziali. Si potrebbe approvare, inoltre, una delibera da parte del Consiglio Comunale, che preveda uno sconto della TARI del 20% per gli utenti che provvedano al pagamento della tassa con addebito diretto sul conto corrente bancario o postale, così come previsto dall'art. 118 ter del Decreto Rilancio.

E, infine, introdurre immediatamente la TARIFFA PUNTUALE, secondo il principio comunitario " chi inquina paga", o, meglio, secondo il metodo adottato dal Comune di BITETTO, " conosci quello che butti", primo in ITALIA, che coniuga elementi qualitativi e quantitativi, premiando gli utenti virtuosi.

Per quanto sopra, si chiede alla Amministrazione Comunale e al Consiglio Comunale di TRANI, che si riunirà Giovedì 26 Maggio, di emendare la proposta di delibera, reintroducendo, anche in mancanza di aiuti statali, opportune riduzioni alle attività comprese nelle categorie tariffarie che abbiano subito maggiori criticità per la pandemia, a carico del bilancio del Comune. Sarebbe un forte segnale; necessario per non vanificare gli sforzi e i sacrifici che tutti gli utenti, imprese e famiglie, hanno fatto nel 2021, consentendo al Comune di TRANI di raggiungere la straordinaria percentuale di raccolta differenziata del 76,5%, diventando il miglior Capoluogo della Puglia.

Disponibili a partecipare ad un incontro anche con i dirigenti e i responsabili degli uffici comunali interessati, porgiamo i nostri migliori saluti».
  • Tari
Altri contenuti a tema
"La Tari continua ad aumentare, e il servizio a peggiorare": la denuncia di Maria Grazia Cinquepalmi "La Tari continua ad aumentare, e il servizio a peggiorare": la denuncia di Maria Grazia Cinquepalmi L'ex consigliere comunale elenca quelle che considera incongruenze
Agevolazioni Tari, prorogata la scadenza dei termini al 31 marzo Agevolazioni Tari, prorogata la scadenza dei termini al 31 marzo La decisione assunta per dare la possibilità ai CAF cittadini di poter evadere le richieste dei propri assistiti nel rispetto dei protocolli covid
Agevolazioni ed esenzioni Tari 2022, domande fino al 28 febbraio Agevolazioni ed esenzioni Tari 2022, domande fino al 28 febbraio Ecco le indicazioni ed il modello da compilare
Regolamento tariffe Tari, il Cta invita il Comune a rivedere alcune parti «onde evitare contenziosi» Regolamento tariffe Tari, il Cta invita il Comune a rivedere alcune parti «onde evitare contenziosi» Il presidente Michele De Marinis scrive al sindaco Bottaro
Tari ridotta del 15% per le utenze non domestiche, del 4% per le famiglie: il consiglio comunale approva Tari ridotta del 15% per le utenze non domestiche, del 4% per le famiglie: il consiglio comunale approva La massima assise approva a maggioranza
Tariffe Tari 2021, martedì 29 torna a riunirsi il Consiglio comunale Tariffe Tari 2021, martedì 29 torna a riunirsi il Consiglio comunale Quattro i punti all'ordine del giorno
Decreto sostegni, proroga Pef e tariffe Tari al 30 settembre Decreto sostegni, proroga Pef e tariffe Tari al 30 settembre De Marinis (Cta Trani): "Rimangono dei dubbi da chiarire"
Agevolazioni Tari, il 28 febbraio il termine ultimo per le domande Agevolazioni Tari, il 28 febbraio il termine ultimo per le domande Tutte le info
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.