Porto di Trani: la Cattedrale sul mare
Porto di Trani: la Cattedrale sul mare
Enti locali

Valorizzazione aree culturali, anche Trani partecipa al bando ministeriale

Sono 13 i Comuni che hanno aderito all'iniziativa

Con il progetto "Illuminiamo la Puglia Imperiale: viaggio nelle Terre di Federico II, tra Storia, miti e leggende", i 13 Comuni limitrofi dell'area nord barese ofantina ("area turisticamente rilevante" individuata dalla Regione Puglia con DGR. n. 2873/2012) con il supporto tecnico e progettuale del Patto Territoriale NBO, hanno candidato una proposta condivisa, aderendo all' Avviso pubblico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Turistiche per la "Selezione di proposte di sostegno alla progettazione integrata di scala territoriale/locale per la valorizzazione culturale nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia", nell'ambito del "Piano di Azione e Coesione 2007-2013 – Interventi per la valorizzazione delle aree di attrazione culturale – Linea di Azione 2 "Progettazione per la Cultura".

Insieme a quello di Corato, individuato come capofila, i Comuni aderenti alla proposta sono Andria, Barletta, Bisceglie, Canosa, Margherita di Savoia, Minervino Murge, Ruvo, San Ferdinando, Spinazzola, Terlizzi, Trani e Trinitapoli, che insieme rappresentano un tessuto identitario, culturale, storico e paesaggistico, con forti tratti di omogeneità, con una consolidata esperienza pluriennale di progetti integrati condivisi "dal basso", nella quale si concentrano numerosi attrattori culturali di valore straordinario. Fra tutti il fulcro di Castel del Monte, simbolo della Puglia nel mondo, patrimonio UNESCO, iconema unico del paesaggio di questa area omogenea della Puglia, che il PON "Cultura e Sviluppo" definisce "area di attrazione culturale di rilevanza strategica nazionale", proprio per la sua capacità di esprimere una continuità storica di lungo periodo.

Gli interventi del progetto sono finalizzati a sostenere la cooperazione istituzionale tra i Comuni e con gli altri Enti pubblici e i soggetti del partenariato; ad aumentare la fruizione del patrimonio culturale da parte di più ampie fasce di utenza, incrementando la dotazione di servizi e di iniziative di fruizione esperienziale ed emozionale (laboratori didattici, mostre di arte contemporanea, convegni, rappresentazioni teatrali, concerti); a ridurre il divario esistente tra grandi attrattori e siti meno conosciuti incrementando la comunicazione e promozione esterna, integrando le attività di promozione in forma congiunta tra beni primari e "secondari" con i prodotti della filiera enogastronomica.

La strategia generale di sviluppo locale è imperniata su interventi per la valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, ambientale e paesaggistico, secondo tre direttrici e ambiti di azione: Coordinamento e integrazione dei servizi di fruizione per orientare le attività degli operatori verso il conseguimento della migliore esperienza globale del visitatore (cittadino e turista); Collegamenti e connessioni materiali e immateriali tra i grandi attrattori e quelli meno conosciuti e tra i beni culturali in ambito urbano e rurale e le altre filiere produttive tipiche, per diversificare e rendere più appetibile l'offerta, anche ai turisti, con l'obiettivo economico di allungare la permanenza media e massimizzare il livello di spesa pro-capite per consumi culturali; "Brand identity" dell'area di "attrazione strategica" in termini di posizionamento dell'offerta verso specifici target di domanda, per aumentare l'affetto territoriale della comunità e favorire l'inserimento competitivo della destinazione nei circuiti internazionali del turismo culturale.

L'Associazione dei 13 comuni dell'area "Puglia Imperiale" assicurerà la governance del progetto come Organo istituzionale di indirizzo politico-strategico, di governo e gestione dell'area territoriale, avvalendosi del supporto tecnico e di animazione territoriale del Patto Territoriale NBO. Ad indirizzare l'Assemblea dei Comuni nella definizione delle priorità d'intervento sarà il "Forum" formato dal partenariato pubblico-privato, delle imprese culturali e creative, del Terzo settore, soggetti pubblici e privati portatori d'interesse della filiera culturale ed economico-produttiva, che svolgerà l'importante ruolo di Organo consultivo dell'Associazione.

Nelle prossime settimane il Ministero procederà alla selezione, finanziando fino a 300mila euro ogni progetto integrato territoriale per la valorizzazione dei beni culturali prescelto, che verrà poi realizzato con i fondi della nuova programmazione PO Puglia 2014-20, che assegna "una piena funzione trasversale alla cultura, considerata quale strumento di sviluppo locale e regionale di rigenerazione urbana, di sviluppo rurale e di occupabilità, di promozione della creatività e di nuovi processi innovativi".
  • Mibact
Altri contenuti a tema
Terremoti, dal Mibact i fondi per la sicurezza dei monumenti: c'è anche la cattedrale di Trani Terremoti, dal Mibact i fondi per la sicurezza dei monumenti: c'è anche la cattedrale di Trani Il consigliere regionale Menna: «Il più importante piano antisismico finora mai finanziato»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.