Teatro
Teatro
Eventi e cultura

Venerdì a teatro, oggi in scena "Il malato immaginario" di Molière

Sul palco la compagnia Artemisia Teatro di Bari

Penultimo appuntamento con "Venerdì a Teatro", la Rassegna Nazionale di Teatro Amatoriale co- organizzata dalla Compagnia dei Teatranti e dall'Assessorato alle Culture del Comune di Trani, con il patrocinio della Unione Italiana Libero Teatro: venerdì 14 febbraio la compagnia Artemisia Teatro di Bari con la commedia "Il malato immaginario" di Molière per la regia di Ernesto Marletta.

In un allestimento scenico essenziale, decontestualizzato, moderno nelle forme, ma autentico nei contenuti, ispirato alle figure geometriche di Mondrian, troneggia la poltrona rossa delle nevrosi e delle ipocondrie del malato, intorno al quale ruotano i personaggi che alternano quadri colorati e situazioni esilaranti.

Nel gioco delle parti si evidenzia il male del tempo, i vizi della società e si stabilisce un parallelo con le ossessioni dell'uomo moderno.

La commedia mette in scena le vicende familiari di un ipocondriaco, Argante, che si circonda di medici inetti, e furbi farmacisti, ben contenti di alimentare le sue ansie per tornaconto personale.

Argante è a tal punto prigioniero della sua paura da voler maritare la figlia, Angelica, con il figlio del suo medico, benché la ragazza sia innamorata del giovane Cleante. Sposato oltretutto con una donna meschina, Argante è vittima di sé stesso e burattino di chi gli sta intorno, ma grazie all'intervento della cameriera Tonina e del fratello Beraldo ordirà un inganno in grado di fargli aprire gli occhi sulla realtà che la circonda.

Molière, per triste ironia del destino, morirà sul palcoscenico, proprio durante una replica del Malato immaginario.
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.