Via Malcangi alberi
Via Malcangi alberi
Ambiente

Verde pubblico, nove associazioni tranesi scrivono a sindaco e consiglieri

«Alla cattiva gestione del verde pubblico si affianchi una scarsa o addirittura inesistente programmazione del verde privato»

«L'articolo 5.06 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano urbanistico generale – Piantumazione delle aree scoperte prevede che "nelle aree scoperte destinate a verde, il PUE/PDL (Piano urbanistico esecutivo/ piano di lottizzazione) e/o il Pdc (permesso di costruire) devono prevedere il numero, le essenze e le dimensioni delle piante da porre a dimora e a quali interventi devono essere sottoposte le piantumazioni esistenti"»: è quanto scrivono nove associazioni operanti nella città di Trani costituite in coordinamento a tutela dell'ambiente in una lettera aperta al sindaco e ai consiglieri comunali.

«L'articolo 2.2.31.7 sempre delle NTA – Ipi _ Indice di piantumazione precisa che "E' il numero degli alberi ad alto fusto presenti o da mettere a dimora per ogni metro quadrato di superficie fondiaria (Ipif) oppure di superficie territoriale (Ipit). (oss. 96). L'osservazione n. 96 presentata dalla Legambiente e recepita dal Pug sembra essere rimasta solo un mero buon proposito senza tuttavia tradursi in vero e proprio obbligo in tutte le zone urbanistiche di espansione e produttive. L'indice di piantumazione, ad esempio, trova applicazione solo nelle ZRT – zone di recupero territoriale dove si deve rispettare l'obbligo di un indice di piantumazione di appena 0.04 (4 alberi ogni 100 mq). Nulla è previsto invece nelle altre zone urbanistiche. Nei soli comparti urbanistici, dove vi è obbligo di presentazione dei Pue, si prevede che "le aree a verde devono essere sistemate con piantumazione autoctona a medio ed alto fusto e/o arbustive", senza tuttavia prevedere nessuna percentuale minima di alberi per mq di superficie.

La conseguenza inevitabile è che spesso gli edifici di nuova costruzione non hanno nessuna area verde o tutt'al più qualche piccola aiuola di abbellimento senza nessun obbligo di successiva manutenzione, stante l'assenza di un regolamento cittadino del verde pubblico e privato. Succede così che alla cattiva gestione del verde pubblico si affianchi una scarsa o addirittura inesistente programmazione del verde privato e assenza di un controllo sulla sua manutenzione. Il pessimo esempio dato dalla manutenzione del verde esistente e realizzazione e gestione del verde pubblico di nuova implementazione non sia un alibi per i privati, dalle imprese edili ai condomini ai singoli cittadini, per il costante e silenzioso depauperamento del verde privato, in particolare degli alberi ad alto fusto, eliminati perché per molti sono solo un fastidio e un costo extra.

In questo panorama a dir poco sconfortante, riteniamo di dover intervenire non solo come già fatto più volte in passato singolarmente e come coordinamento di associazioni, stigmatizzando le cattive pratiche nella cura e manutenzione del verde pubblico, ma anche proponendo soluzioni migliorative.

Ci riferiamo in particolare alle carenze del piano urbanistico generale, laddove in diverse zone residenziali prevede un indice minimo di permeabilità, senza tuttavia prevedere un indice di piantumazione per cui l'obbligo si può benissimo tradurre nella previsione progettuale di posa in opera di pavimentazione permeabile che poi l'ufficio preposto non verifica se realmente posta in opera o meno, sia attraverso l'invio obbligatorio di documentazione a fine lavori, sia attraverso il controllo in cantiere.

Come è possibile che ad esempio nelle aree destinate a ville e sottratte a quella che fino a poco tempo fa era campagna, non si mitighino gli interventi edilizi prevedendo aree verdi? E perché il verde non può essere introdotto a mitigare l'impatto anche visivo nelle zone industriali?

Ci rivolgiamo pertanto al Sindaco, agli assessori e ai consiglieri comunali affinché si provveda non solo ad approvare una variante al Pug sul tema esposto, ma a porre finalmente la questione del verde pubblico e privato in città tra le priorità dell'attività ammnistrativa».

Associazione Cittadinanza Attiva OIKOS – Trani
Associazione Esposti Amianto e rischi per la salute – BAT
Codacons Sede locale di Trani
Comitato Bene Comune – Trani
Il Colore degli Anni – Trani
Legambiente – Trani
Movimento Civico Articolo 97 – Trani
Movimento Turismo Rurale – Trani
UILDM – Trani
  • Verde pubblico
Altri contenuti a tema
La Consulta Ambientale incontra il vicesindaco e l'agronomo Guerra La Consulta Ambientale incontra il vicesindaco e l'agronomo Guerra Al centro del dibattito la questione abbattimenti e censimenti alberi
24 Giardini Urbani, grande successo di pubblico in piazza della Repubblica Giardini Urbani, grande successo di pubblico in piazza della Repubblica Si conclude la terza edizione dell'evento organizzato dall'associazione Forme
Abbattimento alberi, Legambiente: «Gli unici a preoccuparci realmente del verde pubblico» Abbattimento alberi, Legambiente: «Gli unici a preoccuparci realmente del verde pubblico» L'associazione era intervenuta sull'argomento già dal marzo 2022
Questione abbattimenti, Ferrante: “Legambiente non può dire di non conoscere” Questione abbattimenti, Ferrante: “Legambiente non può dire di non conoscere” Il vicesindaco richiama notizie riportate sui media lo scorso anno circa il censimento
Abbattimento alberi, Di Leo (Lega) si interroga sulle  priorità dell'amministrazione Abbattimento alberi, Di Leo (Lega) si interroga sulle priorità dell'amministrazione Il consigliere comunale critica la gestione del verde pubblico, parlando delle palme lasciate in stato di abbandono e della mancata verifica di alcuni alberi pericolanti in città
In azione per salvare gli alberi di Trani In azione per salvare gli alberi di Trani Mobilitazione di associazioni e cittadini per ottenere spiegazioni sulla questione abbattimenti
8 Sfoltire per un futuro più verde? Sfoltire per un futuro più verde? Via alle operazioni di abbattimento degli alberi pericolanti in Città
Palme abbandonate nell'ex mercato ortofrutticolo, continua il botta risposta tra Merra e Comune Palme abbandonate nell'ex mercato ortofrutticolo, continua il botta risposta tra Merra e Comune «L'assessore all'ambiente è solo una figura astratta o esiste davvero?»
© 2001-2023 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.