Apatheia

Mal di casa

Quando si esegue uno sfratto, lo spettacolo non è gradevole

Quando si esegue uno sfratto, lo spettacolo non è gradevole. Ci sono gli avvocati, la polizia, i carabinieri, l'ufficiale giudiziario, i curiosi, il padre preoccupato, i bambini divertiti, la madre sofferente ed il proprietario dell'appartamento. Non è una guerra, non ci sono invasori ed oppressi. Hanno ragione tutti nella loro grande disperazione e tutti hanno l'aspetto ed il fare di chi ha ragione. Ha ragione il locatore perché ha il diritto di riprendersi la sua casa, ha ragione il padre di famiglia disperato perché non sa dove andare, hanno ragione i bambini smarriti tra cartoni, leggi ed urla di uomini adirati perché non sanno come gira il mondo, ha ragione la madre a stramazzare addolorata perché lo sa come gira il mondo, perché è madre. In questa storia non ci sono buoni e cattivi anche se potrebbe sembrare, ad un occhio malaccorto, di intravedere certe facce belle ed altre meno belle. Ma proprio perché sono tutti buoni o tutti cattivi può sembrare difficile dirimere il grattacapo.

In realtà il problema non riguarda nessuno dei personaggi della storia anche perché possono esserci tanti particolari sconosciuti della storia. Morosità, matrimonio imminente del figlio del locatore o altri fatti personali. Conoscere la storia ed i suoi personaggi non è importante. Se una famiglia non ha una casa, il fallimento riguarda tutti noi, non un locatario ed un conduttore. Una città per essere ridente oltre ad avere una cattedrale sul mare, lussuosi uffici comunali, cumuli di ville inavvicinabili per i comuni mortali e palazzoni eleganti svenduti deve avere anche case popolari non brutte e con affitti equi. Le case popolari sono un diritto in una società civile e un dovere per chi amministra, ad un prezzo equo dovrebbero essere tra le cose più importanti da fare per qualunque amministrazione, un tema condiviso da tutti gli amministratori. Mi chiedo se sia più importante stabilizzare dirigenti, rendere vivibili uffici di governanti o piantare alberi, quasi regalati, da campo dei miracoli. La scelta, secondo me, deve essere tra costruire case popolari o costruire nuove carceri. Sì perché se non vogliamo imbatterci tra nuovi accampamenti e baraccopoli, tra sempre più disperati, infreddoliti ed affamati che tra una baracca ed una cella non è così importante scegliere, costruire case per chi ne abbia davvero bisogno è una necessità, è un passo avanti, più di ogni alleanza vincente, al quale deve seguire immediatamente la risoluzione del problema lavoro.

Promuovere e creare opportunità di lavoro e costruire case popolari a fitti equi mi sembrano due ingredienti per cominciare a stilare un programma politico che favorisca le classi più deboli ed indirettamente tutti i cittadini. Offrendo alle famiglie bisognose la possibilità che almeno un componente percepisca uno stipendio minimo e riducendo le spese destinate all'affitto della casa, avremo famiglie che rivolgeranno maggiore fiducia al futuro ed alle istituzioni e che quindi contribuiranno più favorevolmente al progresso della città. E dopo aver costruito case per i nostri bambini e lavoro per i loro padri, il terzo ingrediente è la creazione di giardini e parchi gioco per loro.

È solo un idea per iniziare a fare sul serio.
  • Casa
Apatheia

Apatheia

La rubrica di Rino Negrogno

Indice rubrica
La telefonata 6 marzo 2015 La telefonata
Le primarie 15 febbraio 2015 Le primarie
Il professore di Trani 25 gennaio 2015 Il professore di Trani
Terra mia 13 gennaio 2015 Terra mia
Le  "dita " 31 dicembre 2014 Le "dita"
Altri contenuti a tema
Contratto di quartiere, pubblicato il bando per l’assegnazione di 3 alloggi Contratto di quartiere, pubblicato il bando per l’assegnazione di 3 alloggi Lo stabile si trova in via Grecia. Sul sito del Comune i requisiti di partecipazione
Fitto casa, online il bando per l'assegnazione dei contributi Fitto casa, online il bando per l'assegnazione dei contributi Tutti i requisiti e le modalità di partecipazione. Domande entro il 21 settembre
Fitto casa 2016, il Comune mette a disposizione altri 114.645 euro Fitto casa 2016, il Comune mette a disposizione altri 114.645 euro Sono circa 1400 le famiglie tranesi che potranno beneficiare del sostegno
1 Case popolari e abusivismo a Trani, Santorsola: «Serve un Tavolo di concertazione» Case popolari e abusivismo a Trani, Santorsola: «Serve un Tavolo di concertazione» Per il consigliere regionale bisogna intervenire il prima possibile
Problemi di proprietà? Nasce l'arbitro immobiliare Problemi di proprietà? Nasce l'arbitro immobiliare Il 20 gennaio la presentazione dell'iniziativa a Trani
Senza casa,  due sessantenni vivono sotto il ponte della statale 16 Senza casa, due sessantenni vivono sotto il ponte della statale 16 I consiglieri Merra e Lima: «Non possiamo rimanere indifferenti»
Emergenza sfratti, il Comune di Trani stanzia diecimila euro Emergenza sfratti, il Comune di Trani stanzia diecimila euro Somma destinata alla morosità incolpevole
Dalla Regione arriva la proroga del "Piano Casa" Dalla Regione arriva la proroga del "Piano Casa" Decisiva l'audizione degli operatori della pietra di Trani, provvedimento unanime
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.