Chiaro e Tondo

Passami una mezza provincia

Chiaro e Tondo 64

Premesso che sul sempre più inquietante caso di Sant'Antuono mi sa tanto che ci toccherà ritornare (a proposito, chissà stavolta cosa dovrà escogitare il sindaco per replicare al vescovo dopo l'ultimo "pizzico" ricevuto sulla questione) mi sembra che, eccetto questo e qualche altro raro fatto (vedi l'infamata ai danni di Marco Pilone ad esempio,-leggi articoli correlati- grazie a quell'insulto per Trani che è stata l'istituzione di "Amet sevizi speciali", una vera vergogna per una città come la nostra, una presa per i fondelli legalizzata) ci si accapigli per quisquilie e pinzellacchere, mentre si perdono di vista, poiché sempre più in alto mare, vicende di primaria importanza per la nostra Trani.

Pensiamo alla nascente provincia BAT, che in verità sta assumendo i contorni dell'aborto, del mostriciattolo (ecco perché, fatta qualche eccezione,- come da noi sostenuto in passato,- molti hanno candidato delle "seconde linee") che rischia di partire e di rimanere, per chissà quanto, priva di alcuni uffici vitali per il buon funzionamento della quotidianità dei cittadini. Altro che il Vocabolario, a dire il vero alquanto scarno di Ventola, gli accademici appelli all'unità e alla serietà (?in politica serietà…? Mah!) della professoressa Marmo, "la tua voce" di De Feudis (ma non era uno slogan della SIP... Il telefono, la tua voce?), il "già visto" e il tanfo da antiquariato della politica dei comunisti, la vuotaggine delle liste specchietto...

Qui, cari politici ora presi unicamente dal voto e dalla corsa all'accalappiamento dei fessacchiotti da abbindolare, c'è da considerare che la Bat non avrebbe né l'Ufficio Scolastico Provinciale, il vecchio Provveditorato, per intenderci, con grave danno e scorno per il foltissimo gruppo nella BAT dei lavoratori della scuola (il ministero della Pubblica Istruzione non ne vorrebbe sapere di istituirne di nuovi, ma in altre neo provincie, vedi Monza politici e dirigenti scolastici, a differenza dei nostri "morti di sonno", si sarebbero già pesantemente mobilitati).

E che dire del rischio di essere una Provincia senza Ufficio del Tesoro, senza Ufficio della Motorizzazione e senza sede della Banca d'Italia? Tutti "nodi£ per cui attivarsi sin d'ora se, come spesso avviene, non vorremo restare indietro e, come già detto, se vorremo davvero diventare autonomi da Bari e non restarne un'eterna stazioncina di periferia. Con le vecchie spocchie e manie autolesionistiche (tipiche dei provincialotti).
  • Provincia Bat
Altri contenuti a tema
Papa Francesco sulle Province: «Un elemento di raccordo per azioni a favore dei bisogni più avvertiti dalle comunità locali» Papa Francesco sulle Province: «Un elemento di raccordo per azioni a favore dei bisogni più avvertiti dalle comunità locali» Il pontefice si rivolge ai presidenti dell’Unione delle Province d’Italia
Caldaie, c'è tempo fino al 31 marzo per la compilazione dei rapporti di controllo di efficienza Caldaie, c'è tempo fino al 31 marzo per la compilazione dei rapporti di controllo di efficienza I dati dovranno essere trasmessi telematicamente dal manutentore all'Ente preposto
Prevenzione dell'occupazione abusiva degli immobili, si riunisce il Comitato provinciale di sicurezza Prevenzione dell'occupazione abusiva degli immobili, si riunisce il Comitato provinciale di sicurezza Fornite ai Comuni linee guida ed un censimento degli occupanti
Precipitò nel vuoto a Barcellona, la Bat decide di contribuire alle cure mediche Precipitò nel vuoto a Barcellona, la Bat decide di contribuire alle cure mediche La presidenza sollecita Comuni e scuole per aiutare la giovane Chiara
2 Elezioni provinciali, parla il neoeletto Pasquale de Toma Elezioni provinciali, parla il neoeletto Pasquale de Toma «Questo mio ruolo possa aiutare Trani ad avere una dignità maggiore nel territorio»
1 Ecco gli eletti del nuovo consiglio provinciale: di Trani i consiglieri De Toma e Avantario Ecco gli eletti del nuovo consiglio provinciale: di Trani i consiglieri De Toma e Avantario Nessun intoppo per le operazioni di spoglio. Su 226 aventi diritto al voto hanno partecipato solo 166 elettori
1 In corso le elezioni provinciali di secondo livello In corso le elezioni provinciali di secondo livello Chiamati al voto sindaci e consiglieri dei 10 comuni della Bat
Elezioni provinciali, la potenziale composizione del Consiglio a poche ore dal voto Elezioni provinciali, la potenziale composizione del Consiglio a poche ore dal voto L'elenco dei più suffragati tra intuizioni e pronostici
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.