Chiaro e Tondo

Trani reggime er moccolo stasera

Chiaro e Tondo 32

Una cosa è fare delle analisi dall'interno, procedendo sì con spirito critico, ma anche con cognizione di causa e conoscendo bene alcuni profili e personaggi della nostra città, come da parte di questa rubrica o da parte di altri organi di stampa tranesi; un'altra è mettersi a sbeffeggiare Trani o i tranesi, forse anche in modo "interessato", con una svalutazione ad hoc e scientifica, per tagliare le gambe ad una città che potenzialmente potrebbe, volendo, tornare davvero al centro del contesto provinciale e regionale socio - culturale. Nel secondo caso ad operare sono vari Soloni del giornalismo locale. E naturalmente vado oltre l'ultimo intervento di Nolasco: non si senta chiamato ulteriormente o singolarmente in causa.

E allora, a priori, da parte dell'entourage politico - giornalistico Provinciale, meglio continuare a sbeffeggiare i tranesi o prenderli un po' per i fondelli, tanto non faranno male a nessuno. Vedi la questione della nuova Provincia, con la corsa di Andria e Barletta ad avere un Ruolo e noi relegati a reggere il moccolo, nonostante l'ultima precisazione del Sindaco di voler utilizzare Palazzo Beltrani come sede per la Prefettura, proposta poi bocciata.

E' indubbio che manchi il mordente, che i tranesi, se non ce l'hanno in questa parte della loro storia, non se lo possono dare. Vedi le inquietanti altalene sulla sorte del nostro ospedale, "chiuso" dalle spinte espansionistiche e ambiziose biscegliesi, pilotate dai loro altrettanto ambiziosi politici. Oggi, ieri domani, un presidio, quello tranese, che non riesce a trovare una sua caratterizzazione, un rilancio vero nonostante gli slanci abbozzati nelle campagne elettorali, le promesse e di tanto in tanto le notizie bomba sulla riapertura di o l'instaurazione di qualche reparto. E anche su questo, vai con le battute sull'inconsistenza e sul peso specifico di Trani. Tutti problemi reali, ma trattati dall'esterno in un modo che porta alla rovina dell'immagine e non, come da questa parte, con l'intento di provocare per migliorare. E' un tema sottile e spesso poco notato dalla gente.

Comincio a provare un fastidio sempre più intenso per le "pizzicate" velate, esplicite o implicite, che i vari panzuti giornalisti e politici locali, soprattutto dei paesi limitrofi, si prendono in modo sempre più ripetuto su vari aspetti riguradanti Trani. L'ho notato in qualche dialogo, in qualche conferenza: sempre, nominando Trani, quel sottile sorriso di compiacente serenità verso una città che non mostra e non mostrerà competitività, non pianterà grane. Mi è capitato di essere presente a riunioni di partiti, di destra e di sinistra, da ospite, in cui su Trani si ironizzava, con i responsabili regionali che nemmeno prendevano in considerazione nomi di tranesi per la benchè minima opzione. Ho visto trasmissioni tv in cui ci si permetteva di prendere per i fondelli Trani solo perchè era incappata nel problema dei debiti, problema che, documentandomi, ho scoperto essere comune a tante altre realtà.

Salvo scappellarsi quando ospitano in studio il Sindaco, con domandine lattemiele e sorrisetti o quando intervistano qualche assessore, in sempre maggiori occasioni, al di fuori di quelle situazioni, eccoli "pontificare" su come dovremmo, noi tranesi, impostare la nostra politica, ripianare i nostri debiti, rilanciare l'ambito sanitario o come vincere la nostra atavica inerzia. Saranno pure cavoli nostri ed il sindaco, deciso a prendere sulle sue spalle la cura dell'immagine e della comunicazione, dell'intervento chiarificatore a mezzo stampa, dovrebbe rispolverare più spesso la "letale" dialettica che lo accompagna, per farci rispettare un po' di più all'esterno. Certo non è impresa facile se quando va in tv molti, ipocritamente, gli allisciano il pelo. Poi le stilettate arrivano dopo. E Trani resta a reggere er moccolo stasera.
  • Prefettura
Altri contenuti a tema
"Giornata della legalità contrattuale", sit-in delle guardie rurali della Bat "Giornata della legalità contrattuale", sit-in delle guardie rurali della Bat Il segretario generale della FS Cosp Mastrulli: "Siamo già pronti per la piazza con striscioni e bandiere"
Il cordoglio dell'arcivescovo per la scomparsa del prefetto Cerniglia Il cordoglio dell'arcivescovo per la scomparsa del prefetto Cerniglia Monsignor D'Ascenzo: «Mi hanno colpito la sua capacità di ascolto e il suo alto senso dello Stato»
Perde la vita Maria Antonietta Cerniglia, ex prefetto della Bat Perde la vita Maria Antonietta Cerniglia, ex prefetto della Bat Ora in servizio a Enna, si è spenta nella sua Messina
Terremoto nel centro Italia, premiati dodici geometri della Bat per il lavoro svolto Terremoto nel centro Italia, premiati dodici geometri della Bat per il lavoro svolto La cerimonia si svolgerà il 10 ottobre in Prefettura
Sicurezza, la Prefettura approva il nuovo progetto di video sorveglianza di Trani Sicurezza, la Prefettura approva il nuovo progetto di video sorveglianza di Trani Avviata la richiesta per l'ammissione al finanziamento
Ferragosto, pronto un piano per la sicurezza e l'ordine pubblico Ferragosto, pronto un piano per la sicurezza e l'ordine pubblico Incontro in Prefettura con le forze dell'ordine
Il nuovo Prefetto della Bat visita per la prima volta il Comune di Trani Il nuovo Prefetto della Bat visita per la prima volta il Comune di Trani Scambi di doni e stretta di mano tra Sensi e il sindaco Bottaro
Provincia Bat, insediato il nuovo prefetto Emilio Dario Sensi Provincia Bat, insediato il nuovo prefetto Emilio Dario Sensi Incontrati dirigenti e personale per stabilire il nuovo programma di lavoro
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.