Dr Hauze

Lezione facile facile sugli impianti pubblicitari

Dottor Hauze 51

E' dello scorso sabato la notizia della notifica, da parte della procura di Trani, degli avvisi di garanzia a sette gestori di impianti pubblicitari e ad un ex dipendente comunale, per la vicenda degli impianti pubblicitari posizionati in città fra il 2005 ed il 2008. Come giustamente evidenziato nell'articolo, la vicenda non mancherà di produrre sviluppi, atteso che, come più volte segnalato da Forza Trani e da qualche consigliere comunale, l'installazione di impianti pubblicitari (abusivi e non), non solo è continuata, ma anzi negli ultimi mesi ha subito una forte accelerazione, forse in vista della predisposizione del nuovo piano degli impianti pubblicitari.

Ad aggravare il quadro della situazione vi è anche il modus operandi di taluni operatori: pare infatti, come segnalato in una denuncia presentata dal titolare di un azienda operante nel settore della cartellonistica stradale, che un noto operatore di Conversano (presente tra i sette avvisati dal magistrato), al probabile fine di eludere il pagamento dell'imposta sulla pubblicità e sull'occupazione di suolo pubblico, nonché le sanzioni per gli impianti abusivi (e forse anche per eludere il fisco, ma di quest'ultimo aspetto dovrebbero, doverosamente, occuparsene gli specifici Organi dello Stato) ha cambiato più volte la ragione sociale, pur mantenendo la stessa sede e lo stesso numero telefonico ed addirittura trasferendo i contratti in essere con i fruitori degli spazi pubblicitari da una società all'altra!

In questo quadro di diffusa e dilagante illegalità, mal si recepiscono le dichiarazioni, riportate dalla stampa, del dirigente della polizia municipale, il quale ha dichiarato che «l'ufficio è e sarà sempre disponibile alla rimozione degli impianti pubblicitari abusivi, a condizione che siano assegnate allo stesso le risorse umane e finanziarie idonee e sufficienti, nonché i mezzi tecnici operativi, per eseguire tali lavori e operazioni». Giusto. Ma, tuttavia, è appena il caso di evidenziare che spetta proprio ai dirigenti, in base alla vigente normativa sulla gestione degli Enti locali, predisporre il piano esecutivo di gestione, nel quale vengono indicate le attività da svolgere, nonché la fonte per il relativo finanziamento. Per incidens voglio anche ricordare come, parte della retribuzione dei dirigenti, sia legata proprio al raggiungimento degli obiettivi prefissati nel piano di gestione, da valutarsi da parte del nucleo di valutazione. Buonanotte!

A quanti (sedicenti pubblici amministratori e dipendenti) che mensilmente ricevono uno stipendio dal Comune voglio sommessamente ricordare che, in materia di cartellonistica stradale, la competenza viene definita dall'articolo 56 (primo comma) del regolamento di attuazione del codice della strada: «Gli Enti proprietari delle strade sono tenuti a vigilare, a mezzo del proprio personale competente in materia di viabilità, sulla corretta realizzazione e sull'esatto posizionamento dei cartelli, delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari rispetto a quanto autorizzato. Gli stessi Enti sono obbligati a vigilare anche sullo stato di conservazione e sulla buona manutenzione dei cartelli, delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari oltreché sui termini di scadenza delle autorizzazioni concesse».

Pochi giorni fa, l'assessore alla polizia municipale, giustamente preoccupato per la situazione venutasi a creare, ha inviato alcune note (a sindaco, dirigenti e colleghi) con cui, tra l'altro, suggerisce alcune soluzioni low cost, come, per esempio, la copertura degli impianti pubblicitari irregolari con fogli riportanti l'indicazione di impianto abusivo, sulla falsariga di quanto viene effettuato durante la campagna elettorale con le affissioni abusive. Per la verità, tale soluzione, economica per il Comune (è certamente molto meno costoso coprire un cartellone che rimuoverne la struttura) e che ha anche un forte potenziale deterrente (in quanto, coprendo il messaggio pubblicitario abusivo, va ad impedire che si tragga profitto da un'attività illecita), era già prevista dallo (sconosciuto e disapplicato) quinto comma dell'articolo 42 del vigente regolamento comunale per la disciplina della pubblicità e delle affissioni (approvato dall'allora commissione straordinaria il 29 giugno del 1994), che testualmente recita: «Indipendentemente dalla procedura di rimozione degli impianti, il Comune può effettuare l'immediata copertura della pubblicità, in modo che sia privata di efficacia pubblicitaria». Non è di difficile comprensione, se si sa leggere e se si vuole. E non vale per giustificazione che quando fu fatto il regolamento (cioè nel 1994) quasi tutti gli attuali SS.RR.CC. avevano, nel migliore dei casi, cognizioni molto sommarie ed approssimative di amministrazione comunale tranese.

Se si aggiunge poi che il citato regolamento (vedere il sesto comma dell'articolo 42) dispone che «i mezzi pubblicitari esposti abusivamente possono essere sequestrati con ordinanza del sindaco, a garanzia del pagamento sia delle spese di rimozione e custodia, sia dell'imposta, delle soprattasse e interessi» e che l'ultimo capoverso del comma 13-bis dell'articolo 23 del codice della strada stabilisce che «nel caso in cui non sia possibile individuare l'autore della violazione, alla stessa sanzione amministrativa è soggetto chi utilizza gli spazi pubblicitari privi di autorizzazione», ebbene è del tutto evidente che l'amministrazione comunale, laddove lo volesse, abbia tutte le possibilità di sanzionare efficacemente gli impianti pubblicitari totalmente o parzialmente abusivi, anche appropriandosene. Senza grandi e trascendentali spese e sforzi organizzativi. Sempre che lo si voglia e non vi siano altri motivi (a me sconosciuti) determinanti la lunga inattività comunale. Diversamente ragionando si arriverebbe a ritenere che al Comune di Trani ci siano degli ignoranti (nel senso che ignorano) retribuiti. Mah.

Vale la pena, infine, di ricordare che la rimozione degli impianti pubblicitari abusivi non è una novità assoluta per il Comune di Trani, atteso che già nel maggio 2008 la polizia municipale effettuò la rimozione di ben 260 cartelli abusivi (http://www.traniweb.it/trani/informa/7286.html). Peraltro, per sua natura, l'installazione di impianti pubblicitari viene effettuata in luoghi altamente frequentati e quindi facilmente controllabili. Inoltre i cartelli abusivi una volta posizionati non vengono rimossi, per cui non è necessario dedicare un controllo continuo (come, per esempio, quello necessario per scoraggiare la sosta selvaggia dei veicoli o di portare i cani a fare la cacca senza raccoglierla), ma basta che poche unità, ad intervalli regolari (pochi mesi), facciano un giro delle principali vie cittadine, rilevando gli impianti abusivi sorti, per stroncare sul nascere il fenomeno. Ripeto, sempre che lo si voglia. Non è difficile! Tra l'altro in questa vicenda rinvengo la presenza di ben tre dirigenti comunali. Ma nonostante ciò (o proprio per questo) stiamo frecati. E' proprio vero che dove ci sono troppi galli non diventa mai giorno!

Per ora, preferisco finire qua l'odierna lectio magistralis sugli impianti pubblicitari abusivi, anche perché a continuare mi sembrerebbe di sparare sulla Croce Rossa e, francamente, non mi va di maramaldeggiare. Mi auguro sinceramente che con questi miei facili appunti abbia disturbato il piacevole tran-tran dei SS.RR.CC. inducendoli, finalmente, a muoversi. A Trani si dice: la cera si consuma ma la processione non cammina. E anche che: la processione si vede quando si ritira. Starò a vedere. Perché io, parafrasando quanto si diceva negli anni 60, resisterò un attimo più di questa amministrazione.
Incontro una compagna di liceo che mi ferma per dirmi: «Io sono una delle 23 persone che ti leggono e ti devo confessare che, effettivamente, non ci facevo più caso ai cartelli che segnalano il divieto di sosta per il lavaggio della strada. Stesso discorso per i segnali di pagamento della sosta. Ed è una situazione che non è capitata solo a me ma anche ad altre persone con cui ne ho parlato. Invero si crea l'abitudine all'illegalità, allo sciupio, alle grida manzoniane». Il marito della mia amica, molfettese, aggiunge che recentemente a Molfetta ci sono state persone che sono state arrestate per l'occupazione delle aree sotto sequestro, mentre a Trani, al porto, è anarchia. Avete ragione miei cari, ma da me che volete? Andate a protestare con quelli che vi hanno carpito il voto.

Ancora. Sul forum qualcuno mi chiede di andare a controllare se al Comune i dipendenti lavorano. Ma io chiedo a costui: perché non ci vai tu a controllare? La verità è che in questo momento di crisi etica ognuno di noi non deve delegare ma si deve impegnare direttamente, nel suo piccolo o grande che sia, ad aggiustare le cose. E poi, quando ci sono le votazioni, a non far votare e a non votare (per vincolo parentale, per promesse di lavoro, per 50 euro, per abitudine, perché viene messo il figlio a fare lo scrutatore o il rappresentante di lista) persone che dall'oggi al domani si inventano politici e che al massimo si impegneranno a mettere le firme di presenza nelle commissioni consiliari fantasma o a diventare ostaggi etero diretti da furbi dirigenti. Continuando a sbagliare nel voto si va a giustificare coloro che commettono il massimo degli errori: non andare a votare. Infatti, così facendo fanno un immenso piacere ai soliti furbacchioni organizzati nelle conosciute conventicole, prive di comuni sentimenti, di nobili ideologie, di vere gerarchie formatesi sul campo del quotidiano impegno e non nelle stanze da letto!

Se non si vuole, insomma, che continuino a vincere i leccaculi del potente di turno, gli ignoranti opportunisti, i migrantes della politica, i veri tranesi devono riprendere l'iniziativa e scendere direttamente in campo per dimostrare di essere i veri eredi di coloro che 900 anni orsono, mentre altri uscivano dal paganesimo e vivevano nelle capanne, eressero la nostra superba Cattedrale. Trani sveglia!

Dalla provincia di burletta alla provincia in bolletta? Leggo che sono stati spesi oltre 80.000 euro per lo studio del presidente e della segretaria, 20.000 euro (aumentabili) per lo spettacolo di Elton John ma non ci sono soldi per i banchi scolastici ai nostri figli. Mi astengo da qualsiasi commento!

In tema di sperperi, una cosa la voglio chiedere: perché ogni giorno incontro a Trani, dalle parti di corso Regina Elena, la macchina del presidente della Provincia? Che Ventola si sia trasferito da Canosa a Trani? Oppure che di prima mattina venga a trovare qualche conoscente? Sinceramente, tanto non mi risulta. Mi auguro che qualcuno dei nostri rappresentanti nella Provincia abbia notato lo strano vai e vieni e che ci possa illuminare. Non ne sanno niente? Stiamo proprio a posto! E, nel contempo, come diceva l'indimenticabile Toto, «Io pago!».
  • Roberto Visibelli
  • Cartelli pubblicitari
Dr Hauze

Dr Hauze

La rubrica a firma di Roberto Visibelli

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
5 Selva di pali in città: nuovi cartelloni pubblicitari abusivi? Selva di pali in città: nuovi cartelloni pubblicitari abusivi? Sono comparsi a decine dal centro alla periferia
La pubblicità in città tra cartelloni abusivi e contratti scaduti La pubblicità in città tra cartelloni abusivi e contratti scaduti La denuncia di un cittadino: «Troppi impianti vecchi e pericolosi»
"Sparito" l'impianto pubblicitario pericoloso sulla provinciale Trani-Andria "Sparito" l'impianto pubblicitario pericoloso sulla provinciale Trani-Andria Dopo la nostra segnalazione qualcosa si è mosso
Impianti pubblicitari abusivi, due interventi preventivi della Polizia Municipale Impianti pubblicitari abusivi, due interventi preventivi della Polizia Municipale Bottaro ringrazia: «Fondamentali le segnalazioni dei cittadini»
Impianti pubblicitari, quando l'applicazione del nuovo piano? Impianti pubblicitari, quando l'applicazione del nuovo piano? Per la città, in vista della campagna elettorale, spuntano nuovi "spazi"
Comune, arrivano due nuovi regolamenti Comune, arrivano due nuovi regolamenti Impianti pubblicitari e il rilascio del contrassegno per disabili
Approvato il piano degli impianti pubblicitari Approvato il piano degli impianti pubblicitari Nessuna "questione Vas", si ridurranno le superfici affissionistiche
Piano impianti pubblicitari, vigili per strada per i sopralluoghi Piano impianti pubblicitari, vigili per strada per i sopralluoghi Il nuovo regolamento comunale tra le priorità del commissario Iaculli
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.