Inbox

Autostrade del sud sempre più grigie

Lettera in redazione: area Monterotondo rasa al suolo

Un lettore ha inviato in redazione una lettera, arricchita da un ampio reportage fotografico, sull'abbattimento di alberi e cespugli sull'autostrada A14 e nell'area di sosta Monterotondo, a pochi chilometri dal casello di Trani. La riportiamo integralmente.

Se da un lato Autostrade per l'Italia promuove le bellezze del territorio con la campagna "Sei in un Paese meraviglioso", dall'altro il Paese sembra volerlo rovinare, eseguendo tagli indiscriminati di piante, alberi e vegetazione lungo l'A16 e A14 e nella piazzole di sosta Monterotondo, pochi chilometri a nord del casello autostradale di Trani. L'abbattimento di alberi rigogliosi, cespugli di oleandri, piante di alto fusto è uno sfregio alla bellezza dei territori attraversati dalle autostrade ed è contro ogni logica di contenimento delle emissioni nocive di C02. Un albero con fusto di 25/30 centimetri di diametro può assorbire 30 kg di anidride carbonica all'anno, una ventina di piante possono quindi azzerare l'inquinamento da CO2 prodotto da un'auto in un anno!

Con questi nuovi interventi di taglio, le autostrade del sud diventano così sempre più grigie: già da qualche anno i guard-rail di cemento hanno rimpiazzato le vecchie barriere sparti traffico che ospitavano migliaia di cespugli di oleandro. Ora è toccato ai pini e agli eucalipti radicati ai margini delle strade. Analoga sorte è toccata ai tanti alberi e cespugli delle uniche piazzole di sosta del tratto a nord di Bari: a Monterotondo è stato tagliato tutto, trasformando quella che in origine era un'area di fermata per autotrasportatori e famiglie (oltre agli alberi c'erano anche le panchine con i tavolini e i cartelli turistici) in un desolante spazio grigio privo di vegetazione.

La storia della nostra autostrada Adriatica, pubblicata su Wikipedia, racconta di piante e arbusti piantati per ridurre l'impatto sull'ambiente e per consolidare i terreni. «Vennero impiantate 8 milioni di piante, sia nello spartitraffico sia nelle scarpate. Nel tratto tra Bari e Taranto, in particolare, si utilizzarono 75.000 cespugli di oleandri per le barriere che separano le carreggiate, 5 milioni di piante e 12.000 alberi di alto fusto». Quanti ne restano oggi? Le foto che ho scattato poco prima dello svincolo A16/A14 con gli alberi tagliati accatastati sul ciglio stradale e l'area di parcheggio Monterotondo completamente rasa al suolo raccontano di una storia triste e grigia che sembra ispirata esclusivamente dal contenimento della spesa.
21 fotoAlberi tagliati in Autostrada
Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14Alberi tagliati in A16 e A14
La storia dell'autostrada A14 su Wikipedia: In seguito alla legge 729 del 1961 sul Piano di nuove costruzioni stradali e autostradali, il primo tratto di A14 a essere costruito fu quello da Bologna alla provincia di Forlì (nel 1966), mentre nel 1967 fu inaugurato il tratto della circonvallazione di Bologna[2]. Questo tratto ha assorbito una vecchia strada di raccordo tra l'A1 e la SS 9, denominata SS 9 racc, aperta a fine 1959 insieme al tratto bolognese dell'autostrada del Sole. Nel 1969 l'autostrada raggiunse Ancona, e fu aperto anche il tratto Pescara-Vasto (circa 50 km). Nel 1973 l'autostrada era completa da Bologna a Bari (considerando il tratto allora classificato A17); nello stesso anno fu completata anche la diramazione per Ravenna. Il prolungamento verso Taranto aprì infine nel 1975. Per ridurre l'impatto sull'ambiente e consolidare i terreni durante i lavori vennero impiantate 8 milioni di piante, sia nello spartitraffico sia nelle scarpate. Nel tratto tra Bari e Taranto, in particolare, si utilizzarono 75.000 cespugli di oleandri per le barriere che separano le carreggiate, 5 milioni di piante e 12.000 alberi di alto fusto.
  • Ambiente
  • Autostrada
Inbox

Inbox

La posta in arrivo della redazione

Indice rubrica
«Discarica, sull'argomento atteggiamento imbarazzante del Consiglio» «Discarica, sull'argomento atteggiamento imbarazzante del Consiglio» Il comitato Bene Comune dopo il ritiro della mozione
La torre dell'orologio è abbandonata La torre dell'orologio è abbandonata Lettera in redazione di Andrea Moselli
1 Differenziata, discarica, depuratore: a che punto sono i lavori? Differenziata, discarica, depuratore: a che punto sono i lavori? Il sindaco Bottaro illustra i progressi compiuti nell'ultimo anno di attività
Luci ed ombre dell'Ufficio vaccini, la denuncia delle mamme Luci ed ombre dell'Ufficio vaccini, la denuncia delle mamme Appuntamenti rimandati e non solo: è il caos
"Cara Befana", una lettera per Trani da Mimmo Santorsola L'assessore regionale: «Io sempre tirato in ballo anche quando non c'entravo nulla»
Nuovo canone Rai, tutte le regole per pagare Nuovo canone Rai, tutte le regole per pagare L'Adoc illustra esenzioni e opportunità per gli utenti
Tares 2013, Lignola risponde alla denuncia di un contribuente Tares 2013, Lignola risponde alla denuncia di un contribuente L'assessore: «Nessuna evasione, solamente solleciti»
Per riscattarsi a Trani serve la fiducia Per riscattarsi a Trani serve la fiducia Riflessione di Mauro Spallucci (Omi Trani)
«Bisogna costruire laboratori di esempi» «Bisogna costruire laboratori di esempi» Intervento di Mauro Spallucci (Omi Trani)
«Una città senza più il senso delle istituzioni» «Una città senza più il senso delle istituzioni» La riflessione di Mauro Spallucci
Banche e ripresa possibile, una riflessione di Mauro Spallucci Banche e ripresa possibile, una riflessione di Mauro Spallucci «A Trani, non si concorre più nel presentare progetti e idee utili per la comunità»
Trani bellissima, ma amara Trani bellissima, ma amara Lettera in redazione di Omero Balboni
Il nuovo sindaco: serve il cambiamento per Il nuovo sindaco: serve il cambiamento per "tre" motivi Lettera in Redazione di Mauro Spallucci
Altri contenuti a tema
Tutti su per la terra, al circolo Hastarci si parla di green jobs Tutti su per la terra, al circolo Hastarci si parla di green jobs Ultimo incontro della campagna itinerante promossa da Legambiente
Da Green Bat a terra dei veleni: tutti i rifiuti vengono a galla Da Green Bat a terra dei veleni: tutti i rifiuti vengono a galla Montaruli (Unimpresa) denuncia il «disastro ambientale»
Giovane esemplare di falco grillaio ritrovato nelle periferie di Trani Giovane esemplare di falco grillaio ritrovato nelle periferie di Trani E' stato tratto in salvo dal gruppo "Federiciani" di Andria
Blitz in autostrada: la polizia sequestra marijuana per un milione di euro Blitz in autostrada: la polizia sequestra marijuana per un milione di euro All'operazione ad Ascoli Satriano hanno partecipato anche gli agenti della sezione di Trani
Rifiuti e compostaggio, incontro formativo al Circolo Hastarci Rifiuti e compostaggio, incontro formativo al Circolo Hastarci Tra gli altri, ospite il presidente di CulturAmbiente Roberto Paladini
Trivellazioni in Adriatico, Trani scrive al ministero dell'Ambiente Trivellazioni in Adriatico, Trani scrive al ministero dell'Ambiente L'amministrazione comunale: «Scelte da rivedere. Si fa un danno all'economia locale»
Cartoni per strada, controlli e sanzioni per i trasgressori Cartoni per strada, controlli e sanzioni per i trasgressori Diversi commercianti sono stati richiamati al rispetto degli orari previsti
"Puliamo il mondo" parte da Trani con il ministro Orlando "Puliamo il mondo" parte da Trani con il ministro Orlando Iniziative in piazza Giovanni Paolo II il 22 settembre
© 2001-2017 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.