Michele Ruggiero
Michele Ruggiero
Inbox

Inchiesta vaccini, il pm Michele Ruggiero a muso duro contro Mentana

Il giudice tranese: «Occorre riportare i fatti nella loro sequenza cronologica»

Il pm tranese Michele Ruggiero replica a Enrico Mentana che qualche giorno fa era intervenuto sull'archiviazione del fascicolo d'inchiesta sul presunto rapporto tra vaccini ed autismo, richiesta dal pubblico ministero Michele Ruggiero (leggi qui). Riportiamo di seguito la risposta.

Gentile Direttore,

sono certo che converrà con me che quella che ormai denominiamo 'disinformazione' non sia solo la narrazione o diffusione di false notizie (le cosiddette fake-news), ma anche (e direi soprattutto) quella più subdola ed insidiosa attività di narrazione 'incompleta e superficiale' di notizie 'vere': una narrazione, quest'ultima, che rappresentando in modo parziale il fatto storico oggetto dell'informazione, lo deforma così deviandone la percezione, la conoscenza e l'apprezzamento nel destinatario (ed 'utilizzatore finale') dell'informazione.

In questi giorni si assiste - con riferimento all'intervenuta archiviazione dell'indagine sul potenziale nesso di causalità tra vaccini ed autismo (archiviazione, si badi bene, richiesta dal Pubblico Ministero) - ad una cinica deformazione della corrispondente informazione da parte di autorevoli testate giornalistiche (non da parte della Gazzetta del Mezzogiorno) che hanno narrato di quella fisiologica evenienza data dalla archiviazione di un procedimento, come di una sorta di sconfessione di un'idea balzana o di una battaglia personale del Pubblico Ministero che aveva dato avvio all'indagine.

Dove sta, gentile Direttore, il 'disservizio' informativo in questo caso?

Sta nel trascurare e nell'omettere di informare l'opinione pubblica (su di un tema scottante ed attuale che interessa la salute e la vita dei nostri figli) in ordine ad alcune circostanze che, laddove narrate con completezza (e correttezza), avrebbero rasserenato non poco i cittadini rendendo loro un autentico 'servizio'.

Non si è detto, e qui colgo l'occasione per tentare di colmare il deficit informativo, che:
1) il 'fascicolo' di quella indagine è stato doverosamente aperto non per una qualche balzana curiosità personale del Pubblico Ministero, ma su articolata e puntuale denunzia di due cittadini, genitori di bimbi autistici, che corredavano la loro segnalazione alla Autorità Giudiziaria con una ponderosa consulenza medico legale che affermava la sussistenza di una relazione di causalità tra i vaccini pediatrici somministrati ai piccoli e l'autismo da cui gli stessi erano risultati affetti: di tal che l'apertura di un'indagine costituiva un preciso dovere per l'Ufficio di Procura investito da quella denunzia contenente una notizia di reato da vagliare;
2) il Pubblico Ministero ha disposto, doverosamente, una consulenza collegiale delicatissima facendo guidare il pool di esperti da un Dirigente dell'Istituto Superiore di Sanità al fine di assicurare 'qualità' e autorevolezza alla valutazione tecnica;
3) a fronte delle conclusioni rassegnate dal collegio di esperti che, studiato il caso dei due bimbi e valutate le ulteriori emergenze delle indagini svolte dai Carabinieri del N.A.S., hanno smentito ed escluso ogni correlazione tra vaccini e autismo, il Pubblico Ministero immediatamente proponeva motivata richiesta di archiviazione per assoluta infondatezza della denunzia;
4) a seguito della pronta richiesta di archiviazione dell'indagine, i denunziarti hanno proposto al Gip - come è loro consentito dalla legge - opposizione alla richiesta di archiviazione del Pubblico Ministero;
5) il Gip ha, quindi, fissato apposita udienza in cui il Pubblico Ministero ha convintamente ribadito le ragioni della richiesta di archiviazione per infondatezza della iniziale denunzia (e della notizia di reato ad essa sottesa);
6) dopo alcuni mesi, quindi, il Giudice ha condiviso ed accolto la richiesta del Pubblico Ministero emettendo decreto di archiviazione.

Questi, in sintesi, i fatti: semplicemente nella loro sequenza storica e cronologica; è troppo pretendere che essi vengano narrati nella loro completezza?

Non si trattava, dunque - come si è voluto far credere da taluni media e da qualche direttore di testata giornalistica televisiva - di una 'battaglia' ingaggiata da un Pubblico Ministero contro i vaccini; nè si tratta di una battaglia 'persa' a seguito di un'archiviazione (peraltro disposta dal giudice su precisa richiesta dell'organo inquirente): è, infatti, nella fisiologia del procedimento penale che un'inchiesta possa sfociare in una richiesta di rinvio a giudizio ovvero in una richiesta di archiviazione.

Sembra davvero che in ogni campo, non solo in politica, si cerchi sempre un 'nemico' contro cui scagliarsi, qualcuno da demonizzare, pur di distrarre l'opinione pubblica dai veri problemi che giacciono irrisolti sul tappeto; ed è così che la 'disinformazione' finisce con l'alimentare dibattiti e polemiche in un Paese che avrebbe, invece, solo bisogno di maggiore Responsabilità e Verità.

- Michele Ruggiero
  • vaccini
Altri contenuti a tema
Vaccini, spunta un emendamento per prorogare l'autocertificazione Vaccini, spunta un emendamento per prorogare l'autocertificazione Valida fino al 1' marzo del 2019. Resta l'obbligo
2 Vaccini e autismo, attacco di Enrico Mentana alla Procura di Trani Vaccini e autismo, attacco di Enrico Mentana alla Procura di Trani Ironica e tagliente la presa di posizione del direttore di TG LA7
Vaccini e autismo, si smette di indagare sul presunto rapporto Vaccini e autismo, si smette di indagare sul presunto rapporto All'archiviazione si era opposta una coppia di coniugi tranesi
Vaccini obbligatori, la Puglia favorevole alla nuova legge Vaccini obbligatori, la Puglia favorevole alla nuova legge Il presidente Emiliano: «Stiamo cercando di dare assistenza alle famiglie»
1 Inchiesta vaccini, il Gip del Tribunale di Trani si riserva la decisione Inchiesta vaccini, il Gip del Tribunale di Trani si riserva la decisione Intanto due genitori rinunciano all'opposizione
Inchiesta sui vaccini, la famiglia si oppone all'archiviazione Inchiesta sui vaccini, la famiglia si oppone all'archiviazione Il 30 giugno il caso sarà discusso davanti al Gip del Tribunale di Trani
Meningite, in Puglia vaccini gratuiti o no? Caos Asl Meningite, in Puglia vaccini gratuiti o no? Caos Asl E una mamma segnala: «Mi hanno chiesto di pagare due bollettini da 75 euro l'uno»
Vaccini facoltativi, Delvecchio: «Bat con la percentuale più bassa della Puglia» Vaccini facoltativi, Delvecchio: «Bat con la percentuale più bassa della Puglia» Il presidente dell'Ordine dei medici della Bat: «È necessario sensibilizzare»
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.