Standing Ovation

Quel Valdemaro Vecchi in presa diretta

Le recensioni di Giovanni Ronco

Questa settimana ho recuperato un gioiellino degno delle migliori collezioni da bibliofili. Un piccolo "tesoro" che segnalo ai lettori di TraniViva. Il libretto che continuo a passarmi tra le mani, con la consapevolezza di avere qualcosa di bello da leggere e da rileggere, è una specie di diario, di raccolta di riflessioni scritte da Valdemaro Vecchi, leggendario tipografo, ma anche editore, che incrociò il suo destino con quello della nostra città. Convinto della bontà della diffusione della cultura come strumento di civilizzazione e progresso umano, egli scommise sulla forza dei libri, della scrittura, della parola, della stampa, come elementi di riscatto sociale, rispetto alla difficile situazione del Meridione d'Italia, della Puglia, in cui operò, in particolare, tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento.

Tante furono le difficoltà di fatto incontrate dal Valdemaro Vecchi mentre si giocava la "carta" della stampa come elemento decisivo per risollevare o valorizzare,a seconda dei casi, le sorti delle comunità nelle quali visse e lavorò. E il "matrimonio" fra Trani e Valdemaro Vecchi andò sicuramente a buon fine. Coraggioso fin dall'inizio, il Vecchi, da quando, in controtendenza, decise di lasciare la natia terra parmense, ricca e tranquilla, per "scendere" in Puglia a misurarsi in un settore come quello dell'arte tipografica che gli avrebbe fornito molto onore morale, ma di certo poche soddisfazioni economiche. Fu convinto sponsor della formazione per i giovani nell'ambito dell'arte della stampa, resosi conto che, in particolare al Sud, vi era molto dilettantismo ed improvvisazione nel settore. Promosse riviste culturali, giuridiche ed economiche di grande livello. Dopo esperienze a Giovinazzo e San Severo, oltre che a Barletta, decise di concentrare forze e capitali nella nostra Trani. La sua opera fu lodata persino da Benedetto Croce e Giovanni Gentile e fondamentale per conoscere questo personaggio è il saggio dedicatogli da Benedetto Ronchi, nel 1966 sulla "Rassegna Pugliese".

Il "libriccino" in questione è "Trent'anni di lavoro in Puglia", di Valdemaro Vecchi, di Palladino editore e curato da Massimo Gatta, autore tra l'altro, d'un pregevole saggio biografico finale. L'iniziativa culturale, con la collana Documenti d'arte Tipografica, diretta dallo stesso Massimo Gatta, ha come obiettivo quello di ripubblicare opere inedite o per lo più rare, che riguardano il settore dell'editoria e della stampa, dell'editoria, in Italia, a cavallo tra l'Ottocento ed il Novecento. Un Vecchi inedito ed intimistico, che vi consigliamo di leggere, per capire come un uomo, con le sue qualità e coraggio, può realmente impegnarsi per il progresso della comunità in cui ha vissuto. Trani ringrazia.
  • Storia di Trani
  • Valdemaro Vecchi
Altri contenuti a tema
Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Damiano Carola: ci lascia un vero custode della Storia tranese Ex dipendente comunale si è spento all'età di 73 anni
Oggi al liceo Vecchi il professor Mario Grosso per parlare di mobilità sostenibile Oggi al liceo Vecchi il professor Mario Grosso per parlare di mobilità sostenibile Continua il ciclo d'incontri con professionisti per orientare gli studenti
Professionisti al Vecchi, nuovo incontro con Gia Serlenga Professionisti al Vecchi, nuovo incontro con Gia Serlenga Il consigliere Tar e vicepresidente Anma a Trani per un confronto con gli studenti
Gli studenti del Vecchi impegnati alla scoperta delle aziende farmaceutiche del territorio Gli studenti del Vecchi impegnati alla scoperta delle aziende farmaceutiche del territorio L'iniziativa nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro "Scienza e salute"
Il liceo Vecchi premiato a Bologna per il progetto dell'Ant, "Cominciamo dalla fine" Il liceo Vecchi premiato a Bologna per il progetto dell'Ant, "Cominciamo dalla fine" La somma vinta sarà impiegata per l'acquisto di cinque computer per uso didattico
1 Studenti del liceo Vecchi vincitori di un concorso dedicato a don Tonino Bello Studenti del liceo Vecchi vincitori di un concorso dedicato a don Tonino Bello Sono stati premiati con un corto dedicato ai giovani e alla pace
Liceo scientifico, Marco Giallonardo vince il concorso internazionale di scrittura creativa Liceo scientifico, Marco Giallonardo vince il concorso internazionale di scrittura creativa L'alunno ha raggiunto il terzo posto con un suo tweet
Gli studenti del "Vecchi" in visita al Consiglio regionale Gli studenti del "Vecchi" in visita al Consiglio regionale L'istituto impegnato nello sviluppo delle competenze di cittadinanza attiva
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.