Azione Trani Vieste
Azione Trani Vieste
Calcio

Trani e Fortis Altamura si dividono la posta, al Comunale è 1-1

Negro risponde alla punizione di Dentamaro. Mister Scaringella: «Orgoglioso di questo gruppo»

TRANI: Petranca, Muciaccia, Serino (35'st Di Lernia), Guerra, Ciardi, Bartoli, Colella (20'st Di Meo), Mazzilli, Moussa, Negro, Monopoli (41'st Mongiello) All. Scaringella

FORTIS ALTAMURA: Ferrugine, Carella, Maselli, Dispoto, Campanella, Di Matera, Sisalli, Lede, Dentamaro (17'st Cannito), Abrescia (10'st Rana), Lanave (19'st Rizzo) All. Maurelli

ARBITRO: Albano di Venezia

RETI: 4'pt Dentamaro, 48'pt Negro


La gara si sblocca già al 4' allorquando la Fortis Altamura realizza lo 0-1 grazie ad una punizione di Dentamaro che scavalca la barriera insaccandosi sotto la traversa. La reazione tranese porta la firma di Negro il cui primo tentativo è bloccato da Ferrugine mentre il secondo (velenosa parabola dalla distanza) lambisce la trasversale. I biancazzurri si rendono pericolosi con Mazzilli (sassata deviata in angolo da Dispoto) e soprattutto con Moussa, abile ad eludere l'intervento dell'estremo ospite con un morbido pallonetto per poi essere contrastato fallosamente da Maselli nel momento dell'incornata vincente: la Vigor reclama il penalty ma il contestato direttore di gara concede solamente un angolo.

E proprio da quel corner la sfera giunge sui piedi di Negro, falciato a pochi passi dalla porta da Sisalli: il veneziano Albano decreta il rigore che Negro spedisce a lato al 26' tra lo sbigottimento generale. I biancorossi replicano mediante uno spiovente di Lede che procura brividi al pubblico del Comunale ma sono i padroni di casa ad inseguire il pari che giunge al 48' in occasione di un maldestro rinvio del portiere murgiano intercettato da Colella e sul quale si avventa Negro che di testa deposita nella porta sguarnita.

In avvio di ripresa l'ex Sisalli manda sul fondo da posizione favorevole, risulta invece più insidiosa la doppia conclusione di Negro che nella seconda circostanza sfiora il palo con un tiro a giro. I ragazzi di Scaringella provano a ribaltare totalmente il punteggio creando opportunità in quantità industriale e mettendo alle corde i quotati avversari (nel mercato invernale sono stati effettuati acquisti di notevole spessore). Moussa serve al centro Negro ma la retroguardia sventa a fatica, in seguito è lo stesso attaccante ivoriano ad involarsi sulla sinistra per poi calciare dalla linea di fondo: la traiettoria attraversa interamente lo specchio senza essere raccolta da alcun compagno; identica sorte per un tentativo di Monopoli dal vertice destro dell'area e per un un inserimento del giovane Muciaccia sventato in corner. L'unica traccia lasciata dagli altamurani è rappresentata dai fendenti ravvicinati di Di Matera e Lede sui quali Petranca si oppone senza difficoltà.

L'1-1 conclusivo viene salutato dagli applausi convinti degli irriducibili supporters della gradinata, risultato che mantiene il Trani a -5 dal quarto posto occupato dalla Fortis. Quasi certamente la quinta piazza non garantirà la partecipazione ai playoff a causa del margine di punti dal Brindisi (secondo in graduatoria: 46 vs 36 del Vieste) per cui la quarta poltrona è verosimilmente l'ultima utile in chiave spareggi.

In sala stampa così mister Scaringella: «C'è grande rammarico non solo per gli ultimi 20 minuti in cui abbiamo confezionato numerose occasioni ma per il modo in cui abbiamo complessivamente gestito il match. Non era facile affrontare una compagine dai nomi altisonanti, tuttavia i ragazzi non hanno avuto timore dimostrando inoltre di possedere qualità. Sono davvero orgoglioso di questi calciatori perchè stanno facendo cose egregie, li ringrazio al di là dell'ottima prestazione sciorinata contro i murgiani. Sono fiero anche della reazione successiva allo svantaggio immediato: non ci siamo disuniti».
    © 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.