Masseria pugliese - foto generica
Masseria pugliese - foto generica
Turismo

25 Aprile senza gite, crack da 5 milioni per gli agriturismi pugliesi

Questa la stima di Coldiretti Puglia, sulla base delle rilevazioni di Terranostra Puglia

Un crack da 5 milioni di euro in Puglia senza le classiche gite di primavera, con i pugliesi costretti a rimanere chiusi tra le mura domestiche per il lockdown iniziato da quasi due mesi per fermare la pandemia da Coronavirus. E' quanto stima Coldiretti Puglia, sulla base delle rilevazioni di Terranostra Puglia, in occasione del ponte del 25 aprile, dedicato tradizionalmente alle gita fuori porta, in attesa del prossimo inizio della Fase 2 dell'emergenza con la progressiva ripartenza del Paese.

Un sacrificio necessario ma doloroso – aggiunge Coldiretti - con lo stop agli spostamenti verso seconde case, parenti, amici, vacanze o gite fuori porta che interessa la stragrande maggioranza dei pugliesi che tradizionalmente escono di casa per i ponti di primavera del 25 aprile e primo maggio, che quest'anno cadono rispettivamente di sabato e venerdì, oggi sostituite da picnic e grigliate casalinghe, anche sfruttando terrazze, balconi e giardini.

"E' stato colpito un settore che sta registrando in Puglia una crescita a due cifre con il 16,5% di aumento del numero degli agriturismi in Puglia con 850.000 presenze annue registrate nelle aziende agrituristiche pugliesi. Anche i vip contadini che hanno masserie e aziende agricole in Puglia hanno annullato i viaggi verso la regione per la preoccupazione di essere messi in quarantena al rientro nei loro Paesi. E' un momento di crisi grave per l'itero settore turistico, agrituristico e della ricettività, con il rischio che vadano in fumo 700 milioni di euro di fatturato fino alla fine della stagione turistica", dichiara Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche – continua Coldiretti – è la qualità più apprezzata negli agriturismi pugliesi, ma nel tempo è aumenta anche la domanda di servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti.

"L'attività agrituristica è tra le più colpite dall'emergenza Covid–19, è stata la prima a risentire della chiusura totale delle attività ricettive. Per gli alloggi, sono state cancellate le prenotazioni da tutti gli Stati esteri anche per i prossimi mesi. Bloccate le richieste di preventivo per feste di matrimonio di coppie estere, considerato il clima di incertezza, mentre pranzi e cene in agriturismo sono solo un bel ricordo. Per questo abbiamo chiesto alla Regione Puglia di deliberare la richiesta di stato di calamità anche per l'agriturismo, aggiornando tempestivamente il portale www.agriturismoitalia.gov.it con l'indicazione esatta del numero dei posti letto per le strutture agrituristiche attive in Puglia, attività affidata all'Assessorato regionale all'Agricoltura della Regione Puglia per la parte di propria competenza territoriale. A questo proposito Coldiretti e Terranostra possono coadiuvare la struttura della Regione Puglia nel vitale e indispensabile aggiornamento, utile alla quantificazione del danno", denuncia Filippo De Miccolis, presidente di Terranostra Puglia.

A pesare sono state anche le cancellazioni forzate delle cerimonie religiose (cresime, battesimi, comunioni, matrimoni) che si svolgono tradizionalmente in questo periodo dell'anno. In primavera – continua la Coldiretti - si concentrano anche tutte le attività di fattoria didattica che molti agriturismi svolgono per dare la possibilità ai ragazzi di stare all'aria aperta in collaborazione con le scuole, ora chiuse.

"Abbiamo continuato a garantire il servizio di consegna a domicilio dei prodotti agricoli delle nostre aziende e in alcuni casi anche di pasti a domicilio – conclude il presidente De Miccolis – e siamo pronti a ripartire per la difesa del Made in Italy, del territorio, dell'economia e del lavoro, ma chiediamo chiarezza circa le misure di prevenzione e protezione, consapevoli di dover garantire sicurezza ai nostri ospiti, ma impossibilitati a sostenere in solitudine ulteriori costi dopo due mesi di chiusura che ci hanno tolto reddito e liquidità".
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Caldo, Coldiretti: "Boom di frutti esotici in Puglia" Caldo, Coldiretti: "Boom di frutti esotici in Puglia" Incremento di avocado, mango e bacche di Aronia
Allarme insetti in Puglia, Coldiretti: «Strage nei nostri campi» Allarme insetti in Puglia, Coldiretti: «Strage nei nostri campi» L'associazione degli agricoltori punta il dito contro l'Unione Europea: «Le loro barriere sono un colabrodo»
Coldiretti Puglia, crack ristoranti costa: 150 milioni in cibi e vino​ Coldiretti Puglia, crack ristoranti costa: 150 milioni in cibi e vino​ Pesano le difficoltà economiche e l'assenza di turisti stranieri in Puglia con 800mila vacanzieri che mancano all’appello
Grano in Puglia, Coldiretti: «Inaccettabile ribasso dei prezzi» Grano in Puglia, Coldiretti: «Inaccettabile ribasso dei prezzi» In pericolo la sopravvivenza delle aziende dopo un calo produzione del -20%  
Fase 3, Coldiretti Puglia: il cuore solidale dei consumatori verso i nuovi poveri per effetto Covid​ Fase 3, Coldiretti Puglia: il cuore solidale dei consumatori verso i nuovi poveri per effetto Covid​ Le associazioni dei consumatori donano il cibo a Km 0 alle famiglie indigenti
Fase 3: Coldiretti Puglia, con gruppi solidali crescono acquisti di comunità per consegne a domicilio Fase 3: Coldiretti Puglia, con gruppi solidali crescono acquisti di comunità per consegne a domicilio Il 41% dei consumatori fa la spesa direttamente dal produttore scegliendo le eccellenze del territorio
1 Pescato non "made in Italy", in Puglia sequestrate 9 tonnellate di prodotti ittici Pescato non "made in Italy", in Puglia sequestrate 9 tonnellate di prodotti ittici Da Coldiretti plauso alla stretta sui controlli della Guardia Costiera
Coldiretti: «Esportazioni di olio pugliese scese del 10.4%» Coldiretti: «Esportazioni di olio pugliese scese del 10.4%» L'allarme del presidente Muraglia: «Bisogna risollevare un settore determinante per l'economia della nostra regione»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.