Cava dei veleni 2
Cava dei veleni 2
Cronaca

C'è una "nuova" cava dei veleni che continua a fumare

A distanza di due anni scoperto un altro sito ricco di rifiuti tombati

Ecco un'altra cava dismessa ricca di rifiuti tombati, o se preferite possiamo chiamarla la "nuova" cava dei veleni, per riprendere il nome precedentemente dato a quella scoperta ad inizio giugno del 2015. Ma a prescindere dal nome che si vuole attribuirle, a distanza di due anni torna l'incubo di emissioni nocive nell'aria di Trani, quella che respiriamo quotidianamente e che probabilmente di notte vengono avvertite maggiormente, ma che in pochi, fino ad ora, erano riusciti a spiegare.

Siamo stati sul posto, l'aria nelle immediate vicinanze è irrespirabile e lo diventa sempre di più man mano che ci si avvicina. La sua posizione precisa è difficile da spiegare, è in agro di Trani, zona nord, non molto distante da Santa Geffa, tra strada Vicinale Monachelle e strada Vicinale delle Tufare. Tutto intorno campagna, tanti terreni coltivati ad uva.

Non siamo i primi ad averla scoperta. Si tratta di una cava in funzione fino a non molto tempo fa e lo testimoniano i bancali di chiancarelle che sono ancora lì. Prima di noi ci sono arrivate le forze dell'ordine, i Carabinieri di Trani precisamente, che hanno posto l'intero sito sotto sequestro, impedendo di fatto che si continuasse a lavorare e a sotterrare rifiuti. Non sappiamo precisamente da quanto tempo sia stata sequestrata, ma siamo sicuri che nessuno ha ancora fatto nulla per "metterla in sicurezza", per bonificarla.

Dal terreno, che ha assunto un colore rosso intenso, esce parecchio fumo. Qualcosa brucia nel sottosuolo, non possiamo sapere di cosa si tratti. È necessario intervenire e farlo il prima possibile, esattamente come nel 2015, per evitare di farci continuare a respirare questi gas nocivi che non fanno bene alla nostra salute.
Cava dei veleni 2Cava dei veleni 2Cava dei veleni 2Cava dei veleni 2Cava dei veleni 2Cava dei veleni 2Cava dei veleni 2Cava dei veleni 2
Social Video51 secondi"Nuova" cava dei veleni
  • Rifiuti
  • Cave
  • Cava dei veleni
Altri contenuti a tema
Impianto di ricicleria, Trani candidata al finanziamento per la rifunzionalizzazione Impianto di ricicleria, Trani candidata al finanziamento per la rifunzionalizzazione La Regione accoglie la proposta ed invita il Comune ad un tavolo tecnico
Rifiuti zero, per il Movimento 5 Stelle era già tutto previsto Rifiuti zero, per il Movimento 5 Stelle era già tutto previsto Le consigliere Papagni e Di Lernia: «Le buone intenzioni delle altre forze politiche restano promesse»
1 Rifiuti ovunque tranne nei bidoni: la storia si ripete Rifiuti ovunque tranne nei bidoni: la storia si ripete La denuncia di un cittadino: «Una grande mancanza di rispetto»
Cave dismesse, vietato lasciarle incustodite e l'accesso a soggetti non autorizzati Cave dismesse, vietato lasciarle incustodite e l'accesso a soggetti non autorizzati A stabilirlo un'ordinanza a firma del sindaco Bottaro, pena azioni penali
1 Troppi rifiuti a Roma, la Regione Lazio chiama in aiuto la Puglia Troppi rifiuti a Roma, la Regione Lazio chiama in aiuto la Puglia L'accordo temporaneo per far fronte all'emergenza nella capitale
1 Via Gramsci, non si fa in tempo a ripulirla che spuntano i primi rifiuti Via Gramsci, non si fa in tempo a ripulirla che spuntano i primi rifiuti Continuano senza sosta gli episodi d'inciviltà nella zona sud di Trani
2 Ancora rifiuti ingombranti abbandonati in città: ecco via Gramsci Ancora rifiuti ingombranti abbandonati in città: ecco via Gramsci Sono lì da circa una settimana, protestano i cittadini
1 Mare di Trani, rifiuti nelle coste e nelle acque: è allarme degrado Mare di Trani, rifiuti nelle coste e nelle acque: è allarme degrado La testimonianza di un nostro lettore. L’appello alle autorità per i dovuti controlli
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.