Centro You and Me
Centro You and Me
Vita di città

Centro "You&Me": l'ennesimo spreco pubblico

Investiti 200 mila euro solo per la ristrutturazione in via Nigrò. Ora è tutto abbandonato

Doveva essere il fiore all'occhiello delle politiche giovanili di questi anni e, invece, si è rivelato l'ennesimo caso di spreco di denaro pubblico. Il centro "You&Me" di Trani, inaugurato solo due anni fa, nel novembre 2013, è ora il fantasma di se stesso: solo la porta d'ingresso bianca è rimasta a ricordare i tanti soldi investiti, dei quali è rimasto ben poco. Il Comune di Trani, risultato vincitore del progetto "Giovani, legalità, cittadinanza e partecipazione", ha ristrutturato l'immobile di via Nigrò, ora devastato dalla poca attenzione e sorveglianza dedicata ai frequentanti, che hanno addiritura sfondato pareti a suon di calci e pugni, pagato i responsabili, i tutor e i docenti dei corsi e, infine, acquistato il materiale per animare il centro. Computer, televisori, videocamere, videogiochi, oltre al classico materiale d'ufficio. Tutto, ovviamente, svanito nel nulla.

Il progetto ministeriale, finanziato con il "Pon Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo convergenza 2007-2013", prevedeva un fondo di 3 milioni di euro da suddividere per otto centri nel Sud Italia, con un totale quindi di circa 375mila euro per ogni città protagonista. A Trani, solo i lavori di riqualificazione della sede sono costati ben 200mila euro. Chiuso e non funzionante ormai da mesi, non è mai decollato, nonostante le tante risorse economiche disponibili. Figurarsi quale può essere stato l'impatto sulle situazioni di devianza di ragazzi, di età compresa tra i 14 e i 25 anni, che si sarebbero dovuti "recuperare" con le attività. I racconti di chi ha frequentato gli appuntamenti e gli orari di apertura descrivono una situazione di totale mancanza di controllo. Sforzi e risorse sprecate per il tornaconto di pochi.

A inaugurare il centro, con le classiche speranzose parole di rito, l'allora assessore alle Politiche Giovanili, Fabrizio Sotero, l'ex sindaco Luigi Riserbato e il responsabile del centro, Marcello Colopi. Negli ultimi mesi, un nuovo progetto, denominato "Yepp", era stato presentato per proseguire le attività in quei locali, ma senza che fosse ben chiara la titolarità con cui sarebbe stato utilizzato quel luogo. La città resta, ancora una volta, nonostante spese indifferenti, con qualche ciuffo d'erba in mano o poco più.
  • Gigi Riserbato
  • Sociale
  • Fabrizio Sotero
  • Giovani
Altri contenuti a tema
Presentato il progetto Next Generation: coinvolte l'Uc Sampdoria e l'Asd Soccer Presentato il progetto Next Generation: coinvolte l'Uc Sampdoria e l'Asd Soccer La prestigiosa collaborazione punta alla crescita dei giovani in ambito calcistico
Minori fuori controllo in azione nei garage Minori fuori controllo in azione nei garage In tre dopo esser stati beccati hanno tentato la fuga con un estintore in mano
A scuola e a casa: adulti sull'orlo di una crisi di nervi A scuola e a casa: adulti sull'orlo di una crisi di nervi Mazza e panella di Giovanni Ronco
Tagli al servizio civile, la protesta dell'Anpas Tagli al servizio civile, la protesta dell'Anpas «Sono state smarrite 14 mila opportunità da poter offrire ai giovani»
2 Quei giovani (anche tranesi) senza umiltà e buona educazione Quei giovani (anche tranesi) senza umiltà e buona educazione A Trani e altrove non mancano solo lavoro e sacrificio ma anche le buone maniere
Trani Sociale non si ferma più: bonificata la zona del lido Mongelli Trani Sociale non si ferma più: bonificata la zona del lido Mongelli Un contributo quotidiano per risolvere con l'azione tanti piccoli e grandi disservizi cronici tranesi
L’ambito sociale di zona "Trani-Bisceglie" proroga le attività dello Sportello Kipepeio L’ambito sociale di zona "Trani-Bisceglie" proroga le attività dello Sportello Kipepeio L'ufficio per l’integrazione socio sanitaria e culturale degli immigrati aperto fino al 31 agosto
Politiche sociali, famiglia e sicurezza: il primo anno di Ops Politiche sociali, famiglia e sicurezza: il primo anno di Ops A Trani il bilancio del primo anno dell'osservatorio
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.