Francesco Ventola 4
Francesco Ventola 4
Scuola e Lavoro

Dietro front sulle borse di studio, ora bando aperto a tutte le facoltà

Ventola: «La Provincia non ha mai erogato fondi in favore della Lum»

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Con la determina n.338 del 10 febbraio 2014, la Provincia ha rettificato il precedente bando per l'erogazione di borse di studio in favore di studenti universitari residenti sul territorio provinciale. Se prima erano esclusi gli iscritti in corsi di laurea con indirizzi già erogati nel territorio provinciale (corsi di Laurea in Giurisprudenza ed Economia), ora i destinatari sono tutti gli studenti iscritti a qualsiasi università italiana senza eccezioni.

«Con la scadenza dei termini del bando del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino nel frattempo intervenuta, così come di quella per le iscrizioni nelle Università italiane – ha dichiarato il Presidente della Provincia Francesco Ventola - sono venuti meno i presupposti che avevano motivato la limitazione iniziale». La esclusione dai benefici delle borse di studio era generata dalla convenzione sottoscritta dal Patto e dalla Lum che per la parte pubblica si concretizza nell'impegno a finanziare le borse di studio in favore degli studenti iscritti (che per l'Anno Accademico 2012/2013 ha visto erogare n. 12 borse di 2.500 euro ciascuna). «Per la decisone assunta, una adeguata valutazione è stata data anche alle esigenze ed alle istanze rappresentate da studenti e loro associazioni, viste le particolari difficoltà delle famiglie in questa fase congiunturale. Se l'iniziativa del Patto Territoriale e della Provincia aveva un preciso intento, quale è quello teso a favorire l'insediamento di corsi universitari sul nostro territorio, è anche vero che non si può tenere in debita considerazione il crescente bisogno da tante parti manifestatomi».

Per fare maggiore chiarezza può essere utile ricordare quanto successo nei giorni scorsi il cui eco ha trovato spazio sui social network e su tutte le testate giornalistiche locali. Nel 2011 i Sindaci dei Comuni del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino (i dieci della Bat più il Comune di Corato), condividevano il progetto di insediamento di una sede universitaria nel territorio della Provincia di Barletta - Andria - Trani. Riscontrato l'interesse della Provincia a sostenere il progetto, il Patto Territoriale interessava tutte le università pubbliche o private pugliesi (Università degli Studi di Bari, di Foggia, del Salento, Politecnico di Bari e Lum) attraverso una manifestazione di interesse per l'istituzione di una sede universitaria. Entro i termini previsti, l'unica manifestazione d'interesse pervenuta fu quella della Lum di Casamassima. Per cui nel settembre del 2011, il Patto Territoriale (in rappresentanza degli undici comuni) e la Lum sottoscrissero un'apposita convenzione.

«Alla luce di quanto accaduto – ha dichiarato in quella sede il Presidente Ventola - tengo a precisare, ancora una volta per quanti non ne fossero ancora a conoscenza, che la Provincia di Barletta - Andria - Trani non ha mai erogato fondi in favore della Lum, ma ha semplicemente sostenuto gli studenti meritevoli e con difficoltà economiche. Perciò il confronto, il dialogo e le critiche, quando sono costruttive e non meramente strumentali – ha concluso il Presidente Ventola – non possono che facilitare le scelte ed il lavoro di tutti, partendo dal presupposto della conoscenza degli atti e dei fatti che li hanno determinati».
  • Incentivi e contributi
  • Università
  • Università LUM
Altri contenuti a tema
Sabino Zinni: «Gli studenti universitari della Bat iscritti a Bari, considerati fuorisede e non più pendolari» Sabino Zinni: «Gli studenti universitari della Bat iscritti a Bari, considerati fuorisede e non più pendolari» «Adesso potranno accedere a tutte le misure previste dall’Adisu per questa categoria di studenti» sottolinea il consigliere regionale
Lauree post Covid: mascherine, cinque ospiti per laureando e accesso con pass Lauree post Covid: mascherine, cinque ospiti per laureando e accesso con pass Presentato il protocollo che porterà alle sedute in presenza. Bronzini: «È solo l’inizio di un percorso»
Studenti fuori sede Bat, in centinaia sono esclusi dalle borse di studio Studenti fuori sede Bat, in centinaia sono esclusi dalle borse di studio Il consigliere regionale Amati: «Si cambino i criteri o presenterò una norma per aiutare studenti di Cisternino, Fasano e Trani»
Università di Bari, da luglio si torna alle lauree in presenza Università di Bari, da luglio si torna alle lauree in presenza Il rettore Bronzini: «Riteniamo fondamentale ritrovare al più presto la funzione educativa, quella culturale e del confronto»
Borsa di Studio in Medicina dalle "Terme di Margherita di Savoia" Borsa di Studio in Medicina dalle "Terme di Margherita di Savoia" Valentina Colaianni - Università degli Studi di Bari - è la studentessa che diventerà Medico con la Borsa di Studio finanziata dalle Terme
UniCusano propone le lauree con maggiori opportunità di lavoro UniCusano propone le lauree con maggiori opportunità di lavoro Percorsi di studio che permettono un rapido inserimento occupazionale
2 La tranese Clara Papagno tra gli studenti più bravi dell’Università di Bologna La tranese Clara Papagno tra gli studenti più bravi dell’Università di Bologna La giovane studentessa trionfa con i suoi ottimi voti e ottiene un premio di 1500 euro
1 L'Università della terza età di Trani compie 20 anni L'Università della terza età di Trani compie 20 anni Un'isola felice del sapere per chi desidera mettersi ancora in gioco
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.