Perrone
Perrone
Eventi e cultura

Dino Perrone, lo chef itinerante che promuove Trani: "Facciamo squadra per un turismo tutto l'anno"

Gli influencer oggi sono indispensabili per far conoscere luoghi, eccellenze e tradizioni

"E mò, finalmenent, s' meng!" : dalla sua pagina instagram Dino Perrone alterna le sue fantasmagorie culinarie nelle quali non smette mai di stupire, con le preparazioni della più classica tradizione pugliese presentate con la sua mamma, di fronte alla sapienza risoluta della quale persino uno degli chef più popolari nel nostro paese deve alzare le mani! La storia di Dino Perrone è di quelle che potrebbero ispirare il soggetto di un film : da lavapiatti a ragioniere in un'azienda che fa forniture di pasti alle mense pubbliche e private fino a diventarne responsabile per i controlli qualità e addirittura ispettore e consulente in tutta Italia; e poi, un giorno , cuoco in una situazione di emergenza per duecento persone, il giorno che segnò il colpo di fulmine non semplicemente tra lui e la cucina, ma tra lui e la meraviglia di inventare , sperimentare, osare in cucina . Di recente Dino ha accompagnato a trani l'influencer Marco Togni, che dal Giappone condivide le sue esperienze in tutto il mondo - e l' ha portato a Trani in ristoranti, salumerie, in cima al campanile della Cattedrale , a mangiare la focaccia, tutte esperienze da quest'ultimo condivise in tantissimi post e storie sul suo affollatissimo profilo Instagram : "Troppe persone criticano e pensano sia inutile enfatizzare la presenza di queste persone a Trani, ma dovrebbero sapere che la promozione di un luogo ormai passa attraverso questi canali; oltretutto Marco si è mostrato in attività commerciali esaltandone il valore senza chiedere un centesimo", Perchè sottovalutare queste preziose occasioni?"

E promoter della sua tranesità a sua volta Dino lo è sempre, lui che, presa la decisione di seguire la strada della cucina non da supervisore di mense ma da chef con le mani in pasta, non perde tempo e frequenta una scuola di cucina di un'amica molfettese a Milano dove il suo estro si combina con lo studio, l'acquisizione di nuove tecniche, delle regole e dell'alfabeto che trasformano chi cucina in uno chef; e le occasioni arrivano presto, tanto da decidere che non c'e tempo da perdere e , anziché attendere un'assunzione nientemeno che dal tristelllato Bottura, comincia a proporsi e a lavorare in esperienze che lo portano dal Ristorante il Cortile a Milano e persino da Carlo Cracco. A milano Dino si fa notare con le sue contaminazioni tra Giappone e Puglia - le cime di rapa insaporite col katsuobushi, i fiocchi di tonno essiccati, solo per citarne una , e la genialità del "fattìll tù", che finisce sui media di tutta Italia, da Scatti di gusto al Corriere della sera , con tubetti che assomigliano a quelli delle tempere ma pieni di salse a sorpresa da abbinare con risultati sempre diversi a varie tipologie di pane, con effetti a sorpresa che rendevano imprevedibile e sempre nuova l' apertura della cena.

L'intuizione di fermarsi è provvidenziale , insospettito dalle prime mascherine, a un passo dall'acquisto di un locale in centro ispirato al Giappone - da sempre un legame profondo con la cultura del sol levante, pur con il desiderio di realizzare una impostazione tutta nuova e la possibilità di coinvolgere i clienti nella preparazione del piatto, come un gioco da condurre insieme. Invece, proprio con con la pandemia, la svolta: D di Repubblica, le ricette proposte per Giallo Zafferano e una professionalità in cui sono perfettamente combinati estro artistico , senso dell'armonia nel gusto - innata , a vedere come armeggia con la mamma in cucina- tecnica e audacia, un'audacia che riesce sempre a a sorprendere nei risultati finali, e Dino oggi è uno dei massimi consulenti per ristoranti in tutta Italia.

La popolarità social e la credibilità professionale, le trasferte all'estero in cui è capace di conquistare moltitudini come un vero condottiero della cucina italiana - su tutte l'avventura in Giappone con la Camera di Commercio in cui ha cucinato per cinquecento persone - riportano però Dino appena possibile nella sua amata Trani, città che, come tiene a sottolineare, davvero non ha nulla da invidiare a quelle che attraggono turisti trecentosessantacinque giorni l'anno: "Dobbiamo imparare a fare squadra - tra imprenditori privati e amministrazione pubblica- per esaltare le risorse che l'arte, la storia, il mare ci hanno donato e di cui siamo eredi fortunati; e risolvere le criticità che fanno un po' da freno a uno sviluppo maggiore" .

Dino dalla sua pagina social stupisce con la tiella - patate riso e cozze- reinventata come dessert e le cime di rapa condite con la "salsa di orecchiette": nulla di osceno, perchè la risposta a queste audacie è di appagante meraviglia al palato: "Cucinare è davvero realizzare un'opera d'arte, quel che conta è il risultato finale, quel che provi assaporando, così come quando ammiri un quadro". E il sorriso felice di Dino è eloquente della gioia di farsi tramite di emozioni e di esperienze, orgoglioso di appartenere e promuovere la sua meravigliosa Città e la straordinaria cultura che porta con sè in ogni modo possibile.
  • Turismo
Altri contenuti a tema
Ha riaperto i battenti il camping “La Batteria” a Bisceglie con La Pulita e Olì Olà Ha riaperto i battenti il camping “La Batteria” a Bisceglie con La Pulita e Olì Olà Oltre 8 mila metri quadri per camper e roulotte e numerosi servizi, dagli alloggi alle zone ombreggiate
Siamo solo custodi, tornano le visite guidate a Trani di Andrea Moselli Siamo solo custodi, tornano le visite guidate a Trani di Andrea Moselli Ogni fine settimana. Si parte il 20 luglio
"Benvenuti a Tarenum": Trani insorge contro i cartelli della Regione. "Pronti a correggere" "Benvenuti a Tarenum": Trani insorge contro i cartelli della Regione. "Pronti a correggere" I cartelli sono stati predisposti per segnalare le tappe della via Francigena
1 "È questa Trani?": ancora indecoroso il benvenuto dei turisti in piazza Gradenigo "È questa Trani?": ancora indecoroso il benvenuto dei turisti in piazza Gradenigo Schizofrenia di una città decantata per bellezza, ma ancora indietro per accoglienza
Dal 14 al 16 giugno il ciclo raduno di Fiab Puglia, tappa anche a Trani Dal 14 al 16 giugno il ciclo raduno di Fiab Puglia, tappa anche a Trani I partecipanti pedaleranno per oltre 200 km attraverso gli itinerari che dalla ciclovia Adriatica
Il Sunday Times incorona dieci città della Puglia "poco note all'estero": Trani è sesta Il Sunday Times incorona dieci città della Puglia "poco note all'estero": Trani è sesta La giornalista Charlotte Egglestone-Johnstone, vent'anni di vacanze nella Regione: oltre Polignano e Ostuni la vecchia Italia è altrove
Trani tra le 10 località pugliesi da visitare secondo Fanpuglia.it Trani tra le 10 località pugliesi da visitare secondo Fanpuglia.it Il porto «uno dei più belli d'Italia»
Il DUC Trani ha premiato i vincitori dei contest fotografici “Frecce Tricolori” Il DUC Trani ha premiato i vincitori dei contest fotografici “Frecce Tricolori” Sei i vincitori premiati per categoria
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.