Nuove costruzioni
Nuove costruzioni
Associazioni

Edifici torre in costruzione a Trani, Oikos mette in guardia: «Problemi in termini di sostenibilità ambientale ed economica»

«Non si cada nell’errore di sottovalutare l’enorme impatto anche visivo»

«Giungono sempre più insistenti e allarmanti notizie circa la prossima realizzazione di edifici torre di altezza superiore a quella già realizzata in zona di espansione Pozzo Piano, che potrebbero, una volta completate, stravolgere completamente lo skyline della città»: lo scrive in una nota l'associazione Oikos Trani.

«Ricordiamo che la nostra è una città di tipo medio, dove la crescita della popolazione è molto lenta e la necessità di realizzare nuovi edifici è dettata più dalla volontà di attirare persone facoltose forestiere che intendono investire nel settore immobiliare di prestigio piuttosto che da esigenze abitative dei residenti.

Uno sviluppo urbanistico repentino e disarmonico potrebbe creare non pochi problemi in termini di sostenibilità ambientale ed economica.

Basti pensare come l'improvviso proliferare di locali della movida abbia visto in contemporanea aumentare inquinamento atmosferico e acustico, fenomeni di delinquenza e in generale, disagio per i residenti, senza tuttavia un reale ritorno economico per la città.

Non si cada oggi nell'errore di sottovalutare l'enorme impatto anche visivo che produrrebbero queste costruzioni torre, pare alte fino a 17 piani, che togliendo la visuale del mare e soprattutto del campanile della nostra Cattedrale, un gioiello del Romanico che ci invidia tutto il mondo, produrrebbero disastri irreversibili.

Perfino a New York c'è chi si sta preoccupando di frenare la costruzione di nuovi edifici sempre più alti, per tutelare l'andamento delle linee che guardano verso il cielo ed evitare quella che è stata definita la "gentrificazione del cielo". Si parla di errori del vecchio piano regolatore che non imponeva limiti di altezze, ma lì il piano regolatore risaliva al 1961 e forse non teneva conto dell'evoluzione dei sistemi costruttivi.

A Trani il Piano urbanistico è recente, risale al 2009 e sta già dimostrando le sue carenze, testimoniate dai tanti ricorsi al tribunale amministrativo il cui esito ha stravolto l'impianto originario, a partire dagli edifici sottoposti a tutela del Pug ma mai sottoposti all'attenzione degli Organi dello Stato preposti alla tutela vincolistica e le recenti demolizioni di costruzioni storiche gentili che hanno lasciato il posto ad edifici multipiano indistinguibili l'uno dall'altro, frutto in questo caso di norme poco chiare e, pare, interpretabili, ma non solo.

Il Campanile deve essere l'unico elemento architettonico che deve svettare sull'intera città, eredità dei nostri avi e che oggi rischia di scomparire tra i simboli di una modernità omologata e protesa verso la speculazione edilizia.
Si chiede, agli addetti ai lavori e ai politici di adottare urgenti provvedimenti di tutela del nostro territorio, iniziando dal ripristinare tra le norme del Piano urbanistico l'altezza massima degli edifici sia nella città consolidata che nelle zone di nuova espansione.

L'associazione Oikos – cittadinanza attiva Trani chiede ai cittadini, alle Associazioni culturali e gli Ordini Professionali di aprire un sereno confronto sulle tematiche esposte.

Chiunque sia interessato può raggiungerci in sede in via Calatafimi, n.89 o contattarci alla mail cittattivaoikos.trani@gmail.com o attraverso la pagina Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/417717846906882/» .
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
A Trani la proiezione del docufilm Food for profit con Giulia Innocenzi A Trani la proiezione del docufilm Food for profit con Giulia Innocenzi L'iniziativa di Legambiente sabato 6 aprile
Al via il Laboratorio ecomuseale pubblico a Trani Al via il Laboratorio ecomuseale pubblico a Trani Oggi il primo appuntamento
Al via il Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 Al via il Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 Lanciata la prima call per la presentazione del progetto
Consulta ambientale di Trani: convocazione irrituale e associazioni fantasma Consulta ambientale di Trani: convocazione irrituale e associazioni fantasma E' polemica tra associazioni e amministrazione sull'ultima riunione del 30 novembre e sul ruolo dell'organo consultivo
Zona nord in preda al degrado e ai rifiuti, la denuncia di alcune associazioni cittadine Zona nord in preda al degrado e ai rifiuti, la denuncia di alcune associazioni cittadine «Una vera e propria discarica a cielo aperto»
Verde pubblico e amministrazione trasparente, interviene Oikos Verde pubblico e amministrazione trasparente, interviene Oikos L'associazione torna sulla questione del censimento del verde tranese, denunciando una scarsa trasparenza amministrativa
La Puglia tra “bellavita e malavita”, le sei province fra le peggiori d’Italia in cui vivere La Puglia tra “bellavita e malavita”, le sei province fra le peggiori d’Italia in cui vivere Lavoro, ambiente, sicurezza e sanità alla base della classifica di ItaliaOggi e Università “La Sapienza” di Roma sulla qualità di vita nelle province italiane
Abbattimento alberi, Di Leo (Lega) si interroga sulle  priorità dell'amministrazione Abbattimento alberi, Di Leo (Lega) si interroga sulle priorità dell'amministrazione Il consigliere comunale critica la gestione del verde pubblico, parlando delle palme lasciate in stato di abbandono e della mancata verifica di alcuni alberi pericolanti in città
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.