Soldi, banconote
Soldi, banconote
Vita di città

Federconsumatori, l'aumento dell'Iva è «fatto demenziale»

Si parla di rincaro della quota agevolata dal 4% al 10%

Un "no" categorico al possibile nuovo aumento dell'Iva. Ad affermarlo è la Federconsumatori, che sull'argomento in questi giorni ha diffuso una nota stampa piuttosto esplicita.

«Anche se fossero semplici voci - commenta l'associazione - quelle relative alle modifiche delle percentuali IVA, non ci piacciono proprio per nulla, anche a fronte dell'ultima esperienza dell'aumento IVA dal 21 al 22%. Ipotesi contrastata da tutti i gruppi parlamentari che ben presto, poi, è diventata realtà, ottenendo effetti deleteri sia per l'aumento di prezzi e tariffe e sia ribadendo un'ulteriore contrazione dei consumi».

«Le ultime notizie parlano di rincaro della quota agevolata dal 4% al 10%, e che riguarderebbe beni importanti, quali quelli alimentari e quelli delicatissimi in campo sanitario. Infatti, se tutto questo diventasse realtà significherebbe un rincaro su beni di prima necessità, come pane, latte, riso, pasta e farina, formaggi, olio, burro, patate, frutta, libri, giornali, riviste, occhiali e attrezzature terapeutiche. Questa ipotesi, che non vorremmo mai vedere realizzata, ci irrita notevolmente -"sarebbe davvero una cosa demenziale, perché come al solito, a pagarne le spese sarebbero soprattutto le famiglie meno abbienti».

«L'Italia è già in deflazione in grandissima crisi, l'economia è stretta tra il calo della produzione industriale ed il tracollo dei consumi. I consumi, in generale, sono in forte ribasso: basti pensare che nell'ultimo triennio hanno registrato un calo del -10,7%, percentuale che equivale a un calo della spesa di 77,6 miliardi di euro. Calo che oltre a creare malessere per le famiglie, si ripercuote in maniera negativa sull'andamento della produzione e sull'occupazione, giunta oramai a livelli insopportabili, soprattutto quella giovanile al 44%».

Ancora più drammatici i dati relativi a due comparti chiave per comprendere la difficoltà ed il disagio vissuto dalle famiglie: secondo i dati dell'Osservatorio Nazionale Federconsumatori, dal 2008 ad oggi i consumi nel settore alimentare hanno registrato una contrazione del -10,4, pari ad una caduta della spesa delle famiglie di oltre 14,2 miliardi di Euro e gravissimo quello del comparto della salute pari a -23,1%. Hanno, inoltre, calcolato che questo rovinoso aumento dell'Iva, dal 4% al 10%, avrebbe per una famiglia media italiana una ricaduta economica di 205 Euro annui che graverebbero su un già infimo potere d'acquisto.
  • Federconsumatori
Altri contenuti a tema
Pasqua 2018, il 14% delle famiglie si appresta a partire per vacanze "green" Pasqua 2018, il 14% delle famiglie si appresta a partire per vacanze "green" Non mancano anche tour enogastronomici e viaggi on the road
Cenone di capodanno, solo una famiglia su 8 festeggerà fuori casa Cenone di capodanno, solo una famiglia su 8 festeggerà fuori casa I consigli per risparmiare di Federconsumatori ed Adusbef
Cenone 2014, anche il menù si adatta alla crisi Cenone 2014, anche il menù si adatta alla crisi Il costo, in media, aumenterà del 2%
Stangata autunnale, ecco la stima fatta dall'ONF Stangata autunnale, ecco la stima fatta dall'ONF Tra Settembre e Novembre le famiglie spenderanno intorno a 1.912,37 euro
Caro scuola, i prezzi del materiale scolastico continuano ad aumentare Caro scuola, i prezzi del materiale scolastico continuano ad aumentare Per ogni ragazzo si spenderanno in media 529,50 euro per libri e dizionari
Iniziano i saldi, occhio alle fregature Iniziano i saldi, occhio alle fregature I consigli di Federconsumatori e Codacons
Falsi operatori gas, anche Federconsumatori coinvolta Falsi operatori gas, anche Federconsumatori coinvolta Incaricati di alcune aziende si spacciano per dipendenti dell’associazione
Arriva il 2013, prepariamoci a nuove mazzate Arriva il 2013, prepariamoci a nuove mazzate Dall'aumento del canone Rai alla Tares, la mappa dei rincari
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.