Pm Nardi
Pm Nardi
Cronaca

Giustizia, ex Gip Nardi: «Io arrestato, innocente trattato come ai tempi della Santa Inquisizione»

Le dichiarazioni rilasciate all'Adnkronos dopo che la Corte d'appello di Lecce ha dichiarato la propria incompetenza territoriale, trasmettendo gli atti alla Procura di Potenza

"Giustizia svenduta": come riferito nei giorni scorsi la Corte d'appello di Lecce ha dichiarato la propria incompetenza territoriale, trasmettendo gli atti alla Procura di Potenza e annullando la condanna a 16 anni e 9 mesi inflitta in primo grado all'ex Gip tranese Michele Nardi per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari.

Riportiamo l'intervista rilasciata all'Agenzia Adnkronos: "Ero stato condannato a 16 anni e 9 mesi, una sentenza senza precedenti nella storia giudiziaria italiana, tenendo presente che le accuse non erano di omicidio ma di corruzione. Peraltro un'ipotesi di corruzione molto particolare, perché sono stato condannato in quanto sarei stato l''ispiratore morale' della corruzione di altri magistrati. Un 'ispiratore morale' che lavorava a 500 km di distanza, cioè a Roma, mentre queste corruzioni erano perpetrate dai colleghi di Trani. Una di quelle cose incomprensibili prive di qualsiasi logica". Così all'Adnkronos l'ex Gip di Trani Michele Nardi, dopo che la Corte d'appello di Lecce ha dichiarato la propria incompetenza territoriale, trasmettendo gli atti alla Procura di Potenza e annullando la condanna a 16 anni e 9 mesi inflitta in primo grado per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari.

"La Corte d'appello di Lecce - osserva Nardi - ha annullato la sentenza perché ha accolto quello che noi abbiamo sempre sostenuto fin dall'inizio delle indagini, prima ancora che io venissi arrestato, e cioè che la procura di Lecce, appunto, era incompetente territorialmente a condurre quelle indagini. Lo era perché fin dall'inizio era emerso il coinvolgimento di altri magistrati che poi erano passati a lavorare nel distretto di Lecce, e quindi non poteva essere Lecce a decidere e a condurre queste indagini".

"Quando abbiamo evidenziato questo fatto – sottolinea l'ex giudice – ci è sempre stata sbattuta la porta in faccia, fino a quando non abbiamo trovato un giudice a Berlino, in questo caso a Lecce, che si è letto le carte. Per noi è stato addirittura sorprendente, perché non ci aspettavamo che oggi pronunciassero la sentenza. Evidentemente si sono letti bene le carte e dopo una sola udienza ci hanno rinviati ad oggi, alla seconda udienza, decidendo sulla competenza. Questo la dice lunga sul fatto che l'incompetenza della procura del tribunale di Lecce era evidente, ma hanno continuato nonostante tutto a persistere nella loro attività costante nei miei confronti".

"Mai nessun magistrato italiano, dalla fondazione della nostra Repubblica, è stato tenuto 30 mesi in custodia cautelare – si sfoga Nardi con l'Adnkronos -, io ne ho passati 18 in carcere, continuamente gridando di essere innocente. Ne ho passati altri 12 agli arresti domiciliari, ho passato un mese anche in un ospedale psichiatrico giudiziario. Io mi sono sempre professato innocente perché sono innocente, ma loro hanno continuato questa tortura nella speranza di estorcermi una confessione. Come ai tempi della Santa Inquisizione".

"Di idee sulla mia condanna me ne sono fatte tante – confessa Nardi -, ma preferisco al momento tenerle per me per evitare di beccarmi qualche altra denuncia per diffamazione o calunnia. Fatto sta che molto spesso, e ciò al di là del comportamento dei colleghi di Lecce, i magistrati hanno un grosso difetto sul quale bisognerebbe riflettere a livello collettivo, e cioè che quando prendono una strada, ritengono che sia un segno di incapacità o debolezza ammettere di avere sbagliato, e quindi persistono nei loro errori, nelle loro accuse e nella loro azione anche a costo di sacrificare un innocente".

"Il trattamento mediatico che ho ricevuto, soprattutto a livello locale, è stato drammatico – aggiunge l'ex Gip -, un linciaggio costante e continuo. I miei figli, che adesso sono maggiorenni, ma al momento in cui sono stato arrestato uno era minorenne, sono stati minacciati varie volte di essere bruciati vivi in casa per il solo fatto di essere i miei figli. Noi abbiamo vissuto più di tre anni, da quando sono stato arrestato il 14 gennaio 2019 ad oggi, in uno stato costante di terrore. Io stavo in carcere, non potevo sentire i miei figli se non dieci minuti a settimana, non potevo vederli, con la paura che gli facessero del male. Una tortura psicologica".
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
L’Avvocatura tranese plaude la neo Presidente della Consulta Silvana Sciarra L’Avvocatura tranese plaude la neo Presidente della Consulta Silvana Sciarra Orgogliosi dell’elezione della giurista tranese alla guida della Corte Costituzionale
La tranese Silvana Sciarra eletta Presidente della Corte Costituzionale La tranese Silvana Sciarra eletta Presidente della Corte Costituzionale Succede a Giuliano Amato; al suo attivo molte vittorie nella strada della emancipazione femminile
Cinque anni dalla morte di Raffaele Casale, il papà: «I responsabili ci hanno condannato a vivere nel dubbio» Cinque anni dalla morte di Raffaele Casale, il papà: «I responsabili ci hanno condannato a vivere nel dubbio» Il 16 agosto 2017 il giovane chef perse la vita in via Martiri di Palermo
Truffa aggravata e  peculato tra le ipotesi di reato per un  Sostituto Commissario già in servizio a Trani Truffa aggravata e peculato tra le ipotesi di reato per un Sostituto Commissario già in servizio a Trani Gravi indizi di colpevolezza a suo carico; aveva prestato servizio nella sezione polizia giudiziaria della Procura della Repubblica fino al 2020
Prosegue con grande successo di pubblico la mostra  al Polo Museale "Macchine ad Arte" Prosegue con grande successo di pubblico la mostra al Polo Museale "Macchine ad Arte" La società e la modernità declinate da grandi artisti sulle macchine per scrivere sarà visitabile fino al 22 maggio
Torna in libertà l'ex pm Antonio Savasta: la Corte d'Appello di Lecce dispone per lui solo interdizione dai pubblici uffici Torna in libertà l'ex pm Antonio Savasta: la Corte d'Appello di Lecce dispone per lui solo interdizione dai pubblici uffici Il prossimo 31 maggio la decisione sul trasferimento del processo a Potenza
2 "Giustizia svenduta": tutto da rifare, si ripartirà da Potenza "Giustizia svenduta": tutto da rifare, si ripartirà da Potenza Annullate le condanne di primo grado per Michele Nardi e l'ex ispettore del Commissariato di Corato Vincenzo Di Chiaro
Concluso incidente probatorio nell'inchiesta Co.Be.Ma per inquinamento ambientale e omessa bonifica Concluso incidente probatorio nell'inchiesta Co.Be.Ma per inquinamento ambientale e omessa bonifica L'esame del perito ha confermato che la discarica di rifiuti speciali ha causato un diffuso fenomeno di inquinamento
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.