Antonio Savasta
Antonio Savasta
Cronaca

Inchiesta su magistrati corrotti, spuntano nuove ipotesi di reato

Sale a più di venti il numero di persone iscritte nel fascicolo degli indagati

Continua ad arricchirsi di nuove accuse e particolari l'inchiesta portata avanti dalla Procura di Lecce che a gennaio ha portato all'arresto di Antonio Savasta e Michele Nardi, rispettivamente ex pubblico ministero e gip presso il Tribunale di Trani. Le accuse sono di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari e falso per fatti commessi tra il 2014 e il 2018 quando erano in servizio a Trani.

La Procura – come si apprende dalla Gazzetta del Mezzogiorno - ha fatto notificare a 12 persone un avviso di proroga che riguarda dieci ipotesi di reato. Spunta anche l'ipotesi di reato di calunnia a carico di Savasta, dell'ispettore di polizia Vincenzo di Chiaro, l'avvocato Simona Cuomo (ex legale d'Introno) e di altre due persone vicine all'imprenditore. Fondamentali a tal riguardo le dichiarazioni dell'ex imprenditore coratino Flavio d'Introno il quale ha confessato di aver pagato 3 milioni a Nardi e Savasta in cambio di favori giudiziari, ossia false accuse nei confronti dei suoi accusatori in un processo per usura.

Ma non solo. Savasta avrebbe stretto rapporti anche con l'imprenditore barlettano Luigi d'Agostino, definito "il re degli outlet": il pm tranese lo avrebbe favorito evitando di coinvolgerlo in un'indagine per fatture false in cambio di un incontro con l'ex sottosegretario Luca Lotti e di tangenti internazionali intemediate dall'avvocato Ruggero Sfrecola, interdetto per un anno dal suo incarico.

Nell'indagine, tuttavia, non ci sarebbero coinvolti solamente i due pm tranesi: grazie a numerosi esposti inviati alla Procura di Lecce dai vertici della magistratura tranese e le dichiarazioni di altri imprenditori, ascoltati nei giorni scorsi, sono emersi ulteriori ipotesi di reato che vedrebbero coinvolti anche altri magistrati tranesi. Al momento le persone coinvolte nel fascicolo sono già più di venti ma il numero potrebbe essere destinato a crescere.
  • Procura di Trani
Altri contenuti a tema
Renato Nitti è il nuovo procuratore della Repubblica di Trani Renato Nitti è il nuovo procuratore della Repubblica di Trani Si insedierà domani dopo una cerimonia "spartana" di giuramento a causa dell’emergenza Coronavirus
Renato Nitti il nuovo procuratore della città di Trani Renato Nitti il nuovo procuratore della città di Trani Già magistrato presso la Procura di Bari, prenderà servizio nelle prossime settimane
"Chiavi della città", la Procura dichiara conclusa l'inchiesta: 10 indagati "Chiavi della città", la Procura dichiara conclusa l'inchiesta: 10 indagati Contestati i reati di riciclaggio, delinquere, falso ed abuso d'ufficio, peculato e bancarotta
Omicidio Gomes Aldomiro: accolto il ricorso della Procura di Trani avverso alla misura cautelare Omicidio Gomes Aldomiro: accolto il ricorso della Procura di Trani avverso alla misura cautelare Ora si dovrà attendere la determinazione della Corte di Cassazione
Minacce a testimoni, condannati gli ex pm di Trani Michele Ruggiero e Alessandro Pesce Minacce a testimoni, condannati gli ex pm di Trani Michele Ruggiero e Alessandro Pesce L'indagine riguarda presunte pressioni fatte dai due su tre testimoni di un'inchiesta
Presunti illeciti nella gestione del contenzioso con Le Lampare, ascoltato in Procura Michele Capurso Presunti illeciti nella gestione del contenzioso con Le Lampare, ascoltato in Procura Michele Capurso Le dichiarazioni del responsabile dell’ufficio legale del Comune hanno ricalcato quelle rese dal sindaco
Procuratore di Trani: il Consiglio di Stato dà ragione a Nitti ma Di Maio per ora resta al secondo piano di piazza Duomo Procuratore di Trani: il Consiglio di Stato dà ragione a Nitti ma Di Maio per ora resta al secondo piano di piazza Duomo Con la sentenza di oggi il Consiglio di Stato sconfessa nuovamente il Consiglio superiore della Magistratura
Giudici corrotti, chiesto rinvio a giudizio per 10 imputati Giudici corrotti, chiesto rinvio a giudizio per 10 imputati Si andrà davanti al gip il prossimo 11 settembre
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.