Grafico
Grafico
Speciale

Investire in Borsa: quanto denaro richiede?

È possibile imparare le strategie anche da casa con webinar e videolezioni

Con l'avvento di Internet e la realizzazione di piattaforme online utili per accedere ai diversi mercati finanziari, investire in Borsa non è più un'attività relegata ad una ristretta élite di imprenditori.

Ciò significa che, anche coloro che partono da zero, ma hanno la giusta motivazione, possono ottenere risultati importanti partecipando alle negoziazioni sui mercati finanziari, ma con le dovute precauzioni. Tale attività, non è affatto da prendere sottogamba. Come ci spiega questo sito di settore, è possibile affermarsi nel mondo delle finanze solo se si seguono le dritte giuste: bisogna selezionare un valido broker con cui operare, elaborare un buon piano di trading e gestire il rischio, nonché i propri fondi per avere sempre un discreto margine di manovra nel caso in cui la situazione si rivelasse negativa.

Trading online: quanto costa?

Prima, investire in Borsa era un'opportunità concessa a pochi imprenditori che disponevano di somme ingenti da investire. Attualmente, l'introduzione di piattaforme di trading online CFD ha reso accessibile il mondo delle finanze anche a piccoli investitori indipendenti. In effetti, bisogna valutare bene i diversi vantaggi che caratterizzano tali strumenti finanziari derivati. Prima di tutto, i Conctracts For Difference sono ampiamente apprezzati dai traders in quanto s'impongono come dei veri e propri contratti coi quali poter ottenere rendimenti dalle frequenti oscillazioni di prezzo di un asset, piuttosto che acquistarlo direttamente. Ciò implica una duplice chance di ricavi: anche se il mercato ribassa, i traders possono incrementare il proprio capitale.

In più, le migliori piattaforme, ovvero quelle regolamentate e certificate da specifici organi di controllo internazionali, non applicano alcun tipo di commissione, né sono previsti costi di gestione per il proprio account. Per quanto riguarda il conto deposito minimo, varia in base al broker che si seleziona. Naturalmente, ogni trader potrà trovare la soluzione più adatta alle proprie disponibilità economiche: piattaforme che non lo prevedono o che varia dai 10 ai 200 euro in su. Gli esperti consigliano di iniziare con almeno 200 euro per avere un margine di manovra più ampio sui propri investimenti, soprattutto se si è ancora principianti. In conclusione, ognuno può iniziare a fare trading senza doversi preoccupare della cifra necessaria, poiché il panorama attuale consente una vasta scelta di broker validi e soddisfacenti per ciascuna tipologia di trader.

Conto demo: a cosa serve? Come funziona?

Quando si parla di piattaforme di trading CFD, i meno esperti possono subito iniziare ad acquisire dimestichezza con tali strumenti d'investimento, in modo rapido e gratuito.

La maggior parte degli investitori consiglia di iniziare da un conto demo, cioè una simulazione di trading che consente di far pratica prima di negoziare concretamente rischiando il proprio capitale. Nonostante il rischio caratterizzi ogni operazione, partire da un conto demo può essere un ottimo espediente per verificare l'impatto che avrebbero le strategie elaborate sui mercati reali. I traders non rischieranno nulla, in quanto il broker fornirà un credito virtuale da poter utilizzare.

La maggior parte dei conti demo proposti dalle piattaforme migliori, sono gratuiti, illimitati e senza vincoli. In tal modo, si potrà anche avere la possibilità di studiare la piattaforma e decidere se è adatta a soddisfare le proprie esigenze. Per sfruttare al meglio tale tipologia di conto, si consiglia di accedere ai mercati sempre durante le stesse fasce orarie, in modo da iniziare a comprendere come si muovono in quell'arco di tempo. Inoltre, i principianti dovrebbero, sin da subito, assumere un approccio serio e professionale, in modo da non lasciarsi travolgere dalle proprie emozioni quando passeranno ad un conto reale.

Trading online: risorse per i principianti

I vantaggi di cui possono usufruire i principianti, o i traders che amano aggiornarsi continuamente per affinare le proprie tecniche, possono essere molteplici se si seleziona il broker giusto. Infatti, molte piattaforme constano di una sezione didattica in cui si offre una preparazione ai traders in base al proprio livello. E' possibile trovare e-book riguardanti le nozioni principali del trading, video-lezioni divise per argomento o seguire webinar live.

Tutto ciò è accessibile gratuitamente e risulta una maniera pratica per imparare le nozioni basilari del trading, così da riuscire ad elaborare un piano di trading conforme alle proprie disponibilità economiche e ai propri obiettivi finali, con una maggiore consapevolezza dei rischi legati al trading e delle metodologie da seguire.
  • economia
Altri contenuti a tema
Come iniziare ad investire nel mercato azionario in periodo di crisi Come iniziare ad investire nel mercato azionario in periodo di crisi 5 consigli da valutare prima di investire
Trading online: sempre più aspiranti trader investono nei corsi di formazione Trading online: sempre più aspiranti trader investono nei corsi di formazione Come approcciarsi al settore in base alle proprie competenze
Disabilità e diritto: la Legge sul “Dopo di Noi” Disabilità e diritto: la Legge sul “Dopo di Noi” A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Fiscalità dei neo-residenti in Italia Fiscalità dei neo-residenti in Italia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Come scegliere l'assicurazione online più conveniente grazie ai comparatori Come scegliere l'assicurazione online più conveniente grazie ai comparatori Comparare più offerte per scegliere al meglio
Le Holding di famiglia Le Holding di famiglia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Trading online: quali strumenti utilizzare? Trading online: quali strumenti utilizzare? Imparare i metodi per decifrare le complesse dinamiche che reggono i diversi mercati finanziari
Eccellenze tranesi e Soft Power: il partire, non il ripartire Eccellenze tranesi e Soft Power: il partire, non il ripartire Lettera in redazione di Davide Ferro
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.