Salute
Salute
Territorio

Medici de-stabilizzati, disagi in vista nell'ospedale di Trani

Dal 31 marzo 10 unità in meno. Protestano i primari. Ruggiero Mennea: «Stanno scherzando col fuoco»

«Stanno scherzando col fuoco». Il consigliere regionale del Pd, Ruggiero Mennea non usa mezzi termini per descrivere quello che sta accadendo a 42 medici della Asl Bat, assunti, poi licenziati, poi riconvocati per essere reintegrati ma con l'impegno a rinunciare ad eventuali richieste di risarcimento danni, infine nuovamente sull'orlo del baratro a causa di un ripensamento.

La vicenda è quella dei 530 medici de-stabilizzati in tutta la Regione Puglia in seguito ad una pronuncia della Consulta. I primi ricorsi accolti dal giudice del lavoro, proprio nel territorio della Asl Bat, avevano indotto la Regione a ricorrere a procedure conciliative per scongiurare la possibilità che i risarcimenti dei danni richiesti dai medici, in sede di ricorso giudiziario contro il licenziamento, mandassero in crisi le casse regionali. «La Asl Bat - spiega Mennea - recependo l'invito dell'ex assessore regionale,Tommaso Fiore, del 21 dicembre scorso, ha subito attivato le procedure conciliative, sottoscrivendone 31 su 73. Poi le nevicate di inizio febbraio hanno provocato uno stop alle altre conciliazioni, ulteriormente rinviate negli ultimi giorni a causa, pare, di un ripensamento degli uffici regionali».

«Tutto questo è assurdo - tuona Mennea - intanto perché si vanno a discriminare 42 lavoratori rispetto ai 31 che hanno ottenuto il reintegro, aggiungendo la beffa al danno. E poi perché lo strumento della conciliazione è l'unico che garantisce il reintegro a tempo indeterminato e salva realmente la Regione da una valanga di sentenze (e di risarcimenti milionari) che potrebbero mettere in ginocchio la sanità regionale. Non riesco a capire quali siano le perplessità degli uffici regionali: ho sentito parlare di violazione del blocco delle assunzioni, ma questo è assolutamente falso, in quanto con la conciliazione il medico non viene assunto, ma solo reintegrato nel suo posto con il ripristino del contratto a tempo indeterminato originariamente sottoscritto. E poi non mi risulta che la nota del 21 dicembre scorso, firmata dall'allora assessore Fiore, sia mai stata revocata o sostituita da un documento del nuovo assessore di segno opposto».
I primari dell'ospedale di Trani incontrano i giornalisti
Il 31 marzo prossimo scadranno le ulteriori proroghe ai contratti a tempo indeterminato concesse ai medici de-stabilizzati, senza che ci sia possibilità di proroghe ulteriori o nuove assunzioni, con la conseguenza della chiusura di molti reparti. A tal proposito, nel salone del San Nicola Pellegrino, i primari dei reparti del San Nicola Pellegrino che rischiano di perdere 10 medici da aprile (gastroenterologia, medicina interna, radiologia, ematologia e urologia) hanno voluto incontrare i giornalisti. «Non vogliamo polemizzare con nessuno - hanno detto - ma vogliamo solo sollevare l'attenzione dell'opinione pubblica sul fatto che, se non si risolverà questa vicenda grottesca, da aprile i livelli di assistenza all'interno dell'ospedale di Trani verranno meno». L'unità più colpita è ematologia che rischia di perde 4 medici ed un biologo.
  • Ospedale
  • Sanità
  • Asl Bat
Altri contenuti a tema
Concorso Sanitaservice Asl Bat, boom di domande pervenute ma i posti disponibili solamente una cinquantina Concorso Sanitaservice Asl Bat, boom di domande pervenute ma i posti disponibili solamente una cinquantina Ancora irrisolta la questione lavaggio delle divise
Il tranese Nicola Petrarota nuovo dirigente dell'unità operativa di chirurgia senologica della mammella nell'Asl Bt Il tranese Nicola Petrarota nuovo dirigente dell'unità operativa di chirurgia senologica della mammella nell'Asl Bt La nota inviata dall'Azienda Sanitaria locale
Pta di Trani, dal 1° luglio interdetta area parcheggio servizio trasfusionale Pta di Trani, dal 1° luglio interdetta area parcheggio servizio trasfusionale I servizi saranno garantiti con autoemoteca
Va in pensione Cosimo Nenna, storico infermiere dello... storico Ospedale di Trani Va in pensione Cosimo Nenna, storico infermiere dello... storico Ospedale di Trani La dedica a un professionista serio stimato e amato dalla comunità da parte del collega Rino Negrogno
Asl Bat: «Le liste di prenotazione non sono chiuse, monitoraggio costante» Asl Bat: «Le liste di prenotazione non sono chiuse, monitoraggio costante» Le precisazioni della Direttrice generale
Pta Trani, Articolo97: "Dopo il Consiglio monotematico, promesse non mantenute" Pta Trani, Articolo97: "Dopo il Consiglio monotematico, promesse non mantenute" Per Covelli e Curci ad oggi non vi è stato alcun potenziamento
Asl Bat, da inizio anno ad oggi 42 donne hanno dichiarato atti di violenza Asl Bat, da inizio anno ad oggi 42 donne hanno dichiarato atti di violenza Il report nel corso di un incontro con tutte le istituzioni coinvolte
55 Etica e Politica chiede la costituzione di una Commissione Sanità votata in Consiglio Comunale Etica e Politica chiede la costituzione di una Commissione Sanità votata in Consiglio Comunale «Siamo caduti nel silenzio più profondo»
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.