Omicidio Mastrodonato
Omicidio Mastrodonato
Cronaca

Omicidio Mastrodonato, il gip di Bari contesta a Vitolano l'agguato contro Brescia

Gli è stata notificata una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere

Nuova accusa per Giulio Vitolano, assassino reo confesso di Antonio Mastrodonato, il 21enne morto nella sparatoria avvenuta in Via Superga il pomeriggio del 12 febbraio scorso. Il Gip del Tribunale di Bari, Marco Galesi, su richiesta del pm della Dda di Bari, Giuseppe Maralfa, ha emesso nei suoi confronti una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per il tentato omicidio di Alessandro Brescia, a sua volta accusato ed in carcere per il tentato omicidio di Vitolano. Il gip ha, inoltre, ritenuto l'aggravante del metodo mafioso, inizialmente non ravvisata, per il delitto di Mastrodonato.

Il provvedimento è stato notificato in carcere, così come la nuova ordinanza cautelare emessa per competenza territoriale (dopo quella del gip del Tribunale di Trani, Maria Grazia Caserta) nei confronti di Alessandro Corda e Albi Duda, accusati di concorso nell'omicidio Mastrodononato. Intanto i due, difesi dagli avvocati Mario Malcangi e Domenico Loprieno, hanno rinunciato al ricorso al Tribunale della Libertà di Bari, dove avevano impugnato l'ordinanza del gip Caserta.

Il Tribunale del Riesame si è, invece, espresso, sull'impugnazione – rigettandola – promossa dai legali di Brescia (Claudio Papagno e Vincenzo Desiderio) che sostiene la tesi della legittima difesa per i colpi esplosi all'indirizzo di Vitolano.
  • omicidio Mastrodonato
Altri contenuti a tema
Il vecchio, il bimbo e i vigilantes non pagati. Poi tutti alla marcia della legalità Il vecchio, il bimbo e i vigilantes non pagati. Poi tutti alla marcia della legalità Mazza e panella, #27 di Giovanni Ronco
Omicidio Mastrodonato, rimane in carcere anche Alessandro Brescia Omicidio Mastrodonato, rimane in carcere anche Alessandro Brescia Avrebbe sparato per difendere Giulio Vitolano. Per lui riconosciuta l'aggravante mafiosa
Omicidio Mastrodonato, rimangono in carcere due dei tre fermati Omicidio Mastrodonato, rimangono in carcere due dei tre fermati Il gip del Tribunale di Trani: «Hanno agito con metodo mafioso»
Omicidio Mastrodonato, scelgono la via del silenzio Corda e Duda Omicidio Mastrodonato, scelgono la via del silenzio Corda e Duda I due fermati si avvalgono della facoltà di non rispondere davanti al gip
Omicidio Mastrodonato, la Dda: «Ucciso mentre una mamma passava col passeggino» Omicidio Mastrodonato, la Dda: «Ucciso mentre una mamma passava col passeggino» Particolari sconcertanti svelati dalle indagini di polizia e carabinieri
Omicidio Mastrodonato, disposti altri due fermi. AGGIORNATO Omicidio Mastrodonato, disposti altri due fermi. AGGIORNATO In carcere Alessandro Corda e Albi Duda. Dal 14 febbraio c'era già Giulio Vitolano
Omicidio Mastrodonato, rimane in carcere Giulio Vitolano Omicidio Mastrodonato, rimane in carcere Giulio Vitolano Il gip di Bari però non convalida il fermo ed esclude l'aggravante mafiosa
Omicidio Mastrodonato, fermato Giulio Vitolano Omicidio Mastrodonato, fermato Giulio Vitolano Svolta nelle indagini della Direzione antimafia. Domani l'udienza di convalida
© 2001-2017 TraniViva è un portale gestito dall'associazione Progetto Futuro. Partita iva 07930130724. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.