Piano sociale di zona
Piano sociale di zona
Politica

Progetto Home Care Premium, Merra e Barresi: «I soldi ci sono ma il Comune non paga»

Le consigliere di opposizione avvertono: «Si potrebbe verificare un danno erariale»

La vita, la salute e il benessere dei cittadini, soprattutto di coloro che rappresentano le fasce più deboli, dovrebbe stare a cuore a tutti, ma in special modo a noi Amministratori pubblici, ed è per questo che vogliamo stigmatizzare uno dei tanti problemi che esistono al Comune di Trani.

Vi spieghiamo: La nascita del progetto Home Care Premium ha l'obbiettivo di rafforzare il sistema del welfare, integrando gli interventi pubblici destinati alle persone disabili. Questa finalità prevede il coinvolgimento degli Ambiti territoriali sociali e/o di enti pubblici, che prendono in carico le persone non autosufficienti, residenti sui territori di propria competenza. Il programma HCP consiste in due tipologie di prestazioni da parte dell'Istituto: contributo economico mensile, denominato prestazione prevalente, da utilizzare quale rimborso delle spese sostenute per l'assunzione di un assistente familiare; servizio di assistenza alla persona, la cosiddetta prestazione integrativa, erogata attraverso la collaborazione degli Ambiti territoriali sociali (ATS) ovvero, in caso di inerzia degli Ambiti, da enti pubblici che abbiano competenza a rendere i servizi di assistenza alla persona e che vorranno convenzionarsi. Ebbene, sapete cosa sono stati in grado di combinare nel piano d'ambito, del Comune di Trani, dove regna l'approssimazione e la sciatteria di ogni ordine e grado tecnico e politico?

Punto primo, iniziamo dal passato e poi andiamo al presente: la regola del predico bene e razzolo male che vale per gli altri (utenti-fornitori comunali) ma non per loro. Nel 2014 parte il primo Home Care Premium e ne usufruiscono vari cittadini, finalmente a Giugno 2017 il progetto 2014-2016, ormai chiuso, viene definitivamente rendicontato, chiaramente dopo mille peripezie ed ostacoli burocratici e soprattutto finanziari (o meglio causati dall'area Finanziaria, impegni spariti ecc..).

Il tutto viene trasmesso all'INPS per una spesa complessiva di €. 80.000 per l'accredito delle somme al Comune di Trani. A distanza di un mese l'INPS rimette una nota dove comunica che il rendiconto è perfetto ma vi è l'impossibilità di trasferire le somme, poiché da una verifica risulta che il Comune ha il DURC ( Il Documento Unico di Regolarità Contributiva) irregolare. Si cittadini proprio quello che il Comune chiede ai fornitori della Pubblica Amministrazione, prima di poter emettere un mandato di pagamento, come ci si spiega allora, che chi deve essere il primo a rispettare le regole non le rispetta? Assurdo e vergognoso!

Il problema esiste e i soldi languono, eppure ci si lamenta sempre per la mancanza di fondi. Ricordo a qualcuno, che potrebbe configurarsi un danno erariale, in quanto i soldi per pagare il progetto sono stati anticipati dalla parte corrente della spesa del bilancio comunale (soldi delle tasse dei cittadini).

Forse il passaggio da INPDAP a INPS ha creato possibili disfunzioni e perdite di dati, ma allo stesso tempo si constata la latente mancanza di volontà nel voler affrontare e risolvere la vicenda. Questo accade quando la dirigenza non informa la politica ed anche quando, la politica ne viene informata ,ma presa da altri problemi, ( vedi rimpasti e altro) non instaura un canale e non colloquia con i vertici INPS. (ed io pago).

La cosa più ridicola si è poi verificata col nuovo Progetto Home Care Premium 2017. Cittadini volete sapere qual è il requisito utile, affinché, il Comune possa partecipare e garantire l'erogazione dei servizi a quei cittadini con disabilità, non dimenticando che fra questi nostri concittadini esistono molti minori?

IL REQUISITO E' SEMPRE LO STESSO: L' l'inps chiede di essere in regola col DURC, cosa che ancora oggi, 24 febbraio 2018, non risulta. Molti cittadini hanno preparato carte, documenti, certificazioni, preventivi per poter ottenere questi servizi; ma quando pensavano di aver raggiunto il traguardo dall'ufficio hanno risposto quasi parafrasando una vecchia canzone "che non c'è più niente da fare, è stato bello sognare, riportatevi le carte il progetto non parte per l'ambito di Trani" ecco che i cittadini che vivono situazioni di grande disagio, hanno ricevuto un danno oltre la beffa.

Concludendo, Da questa situazione si evince la mancata attenzione che soprattutto i vertici avrebbero dovuto avere nei confronti dei cittadini più bisognosi, ai quali andrebbe, invece riservato, un sostegno maggiore. In qualità di consigliere comunali, speriamo che questa denunzia pubblica, possa servire a smuovere chi attualmente detiene il potere politico.

- Anna Maria Barresi, Raffaella Merra
  • Raffaella Merra
  • Anna Maria Barresi
Altri contenuti a tema
Pista ciclabile e area attrezzata in via Falcone, si attende l'autorizzazione da parte dell'Anas Pista ciclabile e area attrezzata in via Falcone, si attende l'autorizzazione da parte dell'Anas Barresi (Italia in Comune): «A breve tutti noi cittadini tranesi potremo contare su uno spazio verde»
Piattaforma Mepa, Barresi denuncia le irregolarità "benedette dalla legge" Piattaforma Mepa, Barresi denuncia le irregolarità "benedette dalla legge" Luci e ombre sul mercato elettronico della pubblica amministrazione
Gestione finanziaria 2017, Barresi risponde a Lignola: «Assurde giustificazioni» Gestione finanziaria 2017, Barresi risponde a Lignola: «Assurde giustificazioni» La controreplica della consigliera d'Italia in Comune all'assessore al bilancio
Conti finanziari, Barresi: «Nel 2017 Trani inserita tra i Comuni con un rischio medio alto» Conti finanziari, Barresi: «Nel 2017 Trani inserita tra i Comuni con un rischio medio alto» La consigliera espone la relazione della Corte dei Conti sul controllo di qualità e gestione
Ringhiere sul lungomare di nuovo arrugginite, la denuncia di Barresi Ringhiere sul lungomare di nuovo arrugginite, la denuncia di Barresi «Sindaco, non ci delizi più con i suoi spot elettorali. Mancano appena 38 domeniche al voto»
1 Amiu, Anna Maria Barresi risponde all'ingegner Nacci Amiu, Anna Maria Barresi risponde all'ingegner Nacci La consigliera: «Non mi stancherò mai di chiedere assoluta trasparenza a chi amministra le aziende pubbliche di questa città»
Concorsi Amiu, Barresi: «Ancora mancate risposte dall'ingegner Nacci» Concorsi Amiu, Barresi: «Ancora mancate risposte dall'ingegner Nacci» «Mi stupisce e allo stesso tempo mi preoccupa questo suo silenzio»
Assunzioni Amiu, Barresi: «Il mio compito è il controllo della vita amministrativa» Assunzioni Amiu, Barresi: «Il mio compito è il controllo della vita amministrativa» La controreplica della consigliera all'ingegner Nacci
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.