Cellulite
Cellulite
Speciale

Rughe e cellulite, un problema che interessa tutti

Una nuova pagina di Salute d'asporto del biologo Giuseppe Labianca

E' possibile allontanare la comparsa di questi inestetismi tramite l'alimentazione? Perché alcuni appaiono più giovani di altri a parità di età?

Il tessuto adiposo corporeo può essere suddiviso in due tipologie, Vat (Visceral Adipose Tissue) e Sat (Subcutaneous Adipose Tissue). Il primo è tipicamente il grasso che si deposita nell'addome ed è più pericoloso per la salute, il secondo si deposita nella restante parte del corpo ed oltre ad essere più inestetico è anche associato alla comparsa della cellulite.

La cellulite, che deriva da grasso Sat, si presenta quando al suo interno avviene degenerazione di tipo infiammatorio; infatti il grasso sottocutaneo, o meglio le sue infrastrutture, sono molto sensibili a composti chiamati AGE (Advanced Glycation End-Products) che sono dei prodotti di glicazione molto dannosi che si formano nel cibo tramite processi di trattamento ad alte temperature, in particolar modo frittura, cotture al forno e ricotture (tipica dei prodotti da forno e degli alimenti industriali, dei prodotti pre-cotti anche, degli snack ecc.) e sono presenti anche negli alimenti/preparati ricchi di zuccheri. Ultimamente vanno molto di moda pagine FB di cucina che propongono ricette in cui avvengono cotture doppie (esempio biscotti come base per altri dolci) o che usano continuamente ed in più step il forno oltre i 180 gradi. Queste procedure anche se effettuate su cibi apparentemente sani, li rendono ricchi di AGE e non solo, ma anche di acroleina e di altre sostanze cancerogene.

Cosa fanno gli AGE? Si legano al collagene al di sotto della nostra pelle, presente nel tessuto adiposo, danneggiandolo. Questo, diventando fragile, collassa provocando la comparsa dei buchi tipici della cellulite e delle rughe (il collagene è come l'impalcatura del grasso in questo caso). Anche l'eccesso di estrogeni genera danno attivando i fibroblasti, cellule presenti nel connettivo, che degradano il collageno stesso. Una dieta ricca in alimenti che favoriscono la produzione di estrogeni, una cottura sbagliata delle materie prime, una dieta ad alto tenore infiammatorio, implicano un rischio maggiore di sviluppare la cellulite.

Quindi cercate sempre la semplicità a tavola e quando andate a fare la spesa pensate alla famosa frase "Non mangiare nulla che tua nonna non riconoscerebbe come cibo".
  • Salute
Altri contenuti a tema
Alga Klamath: da batterio a regina dei superfood Alga Klamath: da batterio a regina dei superfood Una fonte fitoterapica importante per la salute
Combattere il gonfiore addominale con la dieta low fodmap Combattere il gonfiore addominale con la dieta low fodmap Ce la spiega il biologo nutrizionista Giuseppe Labianca
Quanta acqua bisogna bere? Quanta acqua bisogna bere? Intake idrico e identikit dell’acqua
Nutrizione e fermentazione Nutrizione e fermentazione Una nuova pagina di Salute d'asporto del dottor Labianca
La mela, la follia della natura La mela, la follia della natura Una nuova pagina di Salute d'Asporto del biologo Labianca
La perdita di peso ed il dimagrimento La perdita di peso ed il dimagrimento Una nuova pagina di Salute d'Asporto del biologo Giuseppe Labianca
Influenza, in Puglia calano i casi: picco già superato Influenza, in Puglia calano i casi: picco già superato I dati di Influnet: dal 25 al 31 gennaio diagnosticati 107 casi su 76.526 assistiti, pari all'1,40 per mille
Diete low carb o low fat: qual è il giusto compromesso? Diete low carb o low fat: qual è il giusto compromesso? Una nuova pagina di Salute d'asporto del biologo Labianca
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.