Conte
Conte
Attualità

Sostegno al reddito e stop ai mutui, ecco il decreto contro gli effetti del Coronavirus in Italia

Il premier Conte annuncia la strategia del Governo per aiutare le imprese, i lavoratori e le famiglie

Dieci miliardi di euro per il sostegno al reddito, tre miliardi per la Sanità, attivazione di cassa integrazione per le aziende anche con un solo dipendente, assegni da 600 euro per una mensilità per gli stagionali, blocco dei licenziamenti dal 23 febbraio in poi, stop a rate dei mutui per questo mese e slittamento dell'Iva per i lavoratori autonomi. Sono alcune delle iniziative contenute nel cosiddetto Decreto "Marzo" nato per fronteggiare, da un punto di vista economico, i danni che sta creando a tutto il Paese il coronavirus. Una mega manovra "che metterà in campo un flusso di 350 miliardi di euro" ha detto pochi minuti fa il presidente del consiglio Giuseppe Conte in diretta.

"Certo non possiamo combattere un' alluvione con i secchi o gli stracci - ha proseguito Conte - stiamo cercando di costruire una diga per proteggere imprese, famiglie e lavoratori. L'Italia è comunque promotrice di un messaggio che si estende a tutti i Paesi europei. Oggi più che mai serve una strategia condivisa con tutta l'Europa. Con questo decreto non esauriamo il nostro compito, questo decreto non basterà. Domani dovremo prevedere altre misure, ulteriori ingenti investimenti. Oggi però vi dico che sono orgoglioso di essere parte di questa comunità e tutti dobbiamo essere orgogliosi di essere italiani".

Dopo il suo discorso Conte ha lasciato la parola al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri e al ministro del Lavoro Nunzia Catalfo che sono entrati nel dettaglio delle misure. Sostegno reddito, sostegno alla liquidità, spostamento termini tributari a maggio, sostegno agli investimenti. Sono alcuni dei temi importanti inseriti nel decreto. Nel dettaglio: alla Sanità vanno tre miliardi di euro, sospensione obblighi di versamento per tributi e contributi slittano al prossimo venerdì, differimento fino al 31 maggio per iva, ritenute fiscali, per filiere più colpite da emergenza, sostegno aggiuntivo a diversi settori economici, riprogrammazione dei fondi europei anche in virtù di nuovi fondi per le imprese, 3 miliardi di euro per cassa integrazione in deroga anche per aziende con un solo lavoratore, per 9 mesi dal provvedimento, lo Stato fornisce inoltre una garanzia per prestiti fino a 5 milioni di euro volta a investimenti e ristrutturazioni di situazioni debitorie.

Per la famiglia previsti inoltre: 15 giorni di congedo parentale speciale o bonus baby sitter per 1 miliardo e 200 milioni, oltre ad un Bonus baby sitter speciale per personale sanitario, estensione della Legge 104 a marzo ed aprile per 12 giorni, quarantena considerata malattia e quindi non computabile al lavoratore.
  • economia
Altri contenuti a tema
Fiscalità dei neo-residenti in Italia Fiscalità dei neo-residenti in Italia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Come scegliere l'assicurazione online più conveniente grazie ai comparatori Come scegliere l'assicurazione online più conveniente grazie ai comparatori Comparare più offerte per scegliere al meglio
Le Holding di famiglia Le Holding di famiglia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Trading online: quali strumenti utilizzare? Trading online: quali strumenti utilizzare? Imparare i metodi per decifrare le complesse dinamiche che reggono i diversi mercati finanziari
Investire in Borsa: quanto denaro richiede? Investire in Borsa: quanto denaro richiede? È possibile imparare le strategie anche da casa con webinar e videolezioni
Eccellenze tranesi e Soft Power: il partire, non il ripartire Eccellenze tranesi e Soft Power: il partire, non il ripartire Lettera in redazione di Davide Ferro
Trading online: funziona davvero? Le strategie Trading online: funziona davvero? Le strategie Indispensabili un'ottima preparazione ma anche capacità di intuizione
La tassazione dell'atto di donazione in trust La tassazione dell'atto di donazione in trust A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.