Altare distrutto Raffaele Casale
Altare distrutto Raffaele Casale
Cronaca

Via Martiri di Palermo, distrutti per la seconda volta vaso e foto in memoria di Raffaele Casale

Per la famiglia della giovane vittima è da escludersi l'atto vandalico

Non c'è pace per Raffaele Casale, chef de Le Lampare morto nell'incidente stradale del 16 agosto 2017 in via Martiri di Palermo. A distanza di un mese, l'altarino in sua memoria ubicato nel luogo esatto dell'incidente è stato nuovamente distrutto. Solamente lo scorso 6 gennaio ignoti avevano distrutto la pianta e rubato la foto, ripristinati successivamente da un amico della vittima. Sabato 6 febbraio, papà Felice si è ritrovato davanti allo stesso ed identico scenario di un mese fa: pianta estirpata e vaso e foto spariti nel nulla.

Qualche giorno fa, il vaso era stato spostato vicino al muretto per consentire agli operai dell'Amet dei lavori ai pali dell'illuminazione, per non ostacolare per l'appunto le operazioni.

«Perché? - è la domanda che si pone Felice Casale -. Questo vaso è stato lì per tre anni e mezzo e non ha mai dato fastidio a nessuno». L'ipotesi che avanza la famiglia Casale infatti è che a qualcuno possa dar fastidio la recente riapertura delle indagini, escludendo quindi un atto vandalico.

Raffaele Casale perse il controllo della moto la notte del 16 agosto 2017 in via Martiri di Palermo finendo contro un palo della luce senza il coinvolgimento di altri mezzi. Morì poco dopo l'arrivo dei soccorsi.

Pochi giorni dopo la morte di Raffaele il pm della Procura di Trani, Donato Alessandro Pesce, dispose una perizia affinché fosse accertata la dinamica dello schianto. Dalle valutazioni fatte dall'ingegnere incaricato, sia sulla base delle tracce rimaste sull'asfalto che dei rilievi fotografici eseguiti dalla polizia dopo l'incidente, non emersero nuovi elementi rispetto a quanto non fosse stato già menzionato nei verbali redatti dal Commissariato di Polizia.

Secondo papà Felice, però, a contribuire allo sbandamento del mezzo sarebbero state le precarie condizioni di quel tratto di strada caratterizzato da scarsa illuminazione e asfalto ricoperto da aghi di pino. Qualche mese la famiglia Casale è riuscita ad ottenere la riapertura degli indagini attualmente coperte dal segreto investigativo. Sull'episodio è stato interpellato anche il sindaco Bottaro affinché possa dare il proprio contributo nel far luce sulla spinosa vicenda.
  • Incidente
Altri contenuti a tema
Via Martiri di Palermo, una nuova foto e vaso in memoria di Raffaele Casale Via Martiri di Palermo, una nuova foto e vaso in memoria di Raffaele Casale Ripristinato con cura dall'Amministrazione comunale il luogo dove il giovane chef morì tre anni fa
Investito un anziano in via Tiepolo: sospetta frattura del femore Investito un anziano in via Tiepolo: sospetta frattura del femore Immediato l'arrivo del 118, che ha trasportato la vittima al nosocomio di Andria
Scontro tra due auto all'incrocio tra via de Cuneo e via Bebio: nessun ferito Scontro tra due auto all'incrocio tra via de Cuneo e via Bebio: nessun ferito Solo danni ai mezzi e rallentamenti alla circolazione
Rallentatori, segnaletica, luci: via Martiri di Palermo va messa in sicurezza Rallentatori, segnaletica, luci: via Martiri di Palermo va messa in sicurezza Il consigliere Giovanni Di Leo aveva richiesto un intervento urgente
4 Incidente in via Martiri di Palermo, un camion finisce sulla pistaciclabile Incidente in via Martiri di Palermo, un camion finisce sulla pistaciclabile Probabilmente un malore al conducente. Strada bloccata
Tamponamento sulla Trani-Corato: danni ma nessun ferito Tamponamento sulla Trani-Corato: danni ma nessun ferito Rallentamenti al traffico nella zona
Schianto sulla Trani- Corato, ferito centauro Schianto sulla Trani- Corato, ferito centauro Il sinistro si è verificato intorno a mezzogiorno
Incidente sulla 16 bis: una donna trasportata in ospedale in codice giallo Incidente sulla 16 bis: una donna trasportata in ospedale in codice giallo Forti disagi alla circolazione in direzione di Bari
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.