Apatheia

Per dirlo a Gigi bisogna essere legittimati?

Lettera di Rino Negrogno (chicchessia)

Caro Sindaco
stamane, nel bel mezzo del Consiglio comunale come al solito fatto di tante parole, ha lanciato un appello alla stampa: «Dobbiamo preoccuparci che inviino i comunicati stampa soggetti che siano legittimati a parlare. Non possiamo consentire che chicchessia intervenga sulla stampa». Non le nascondo che mi ha lasciato basito se non altro perché mi è tornata in mente la sua campagna elettorale, tutti quei manifesti con quelle belle facce divise a metà da un tratteggio, da una parte la sua sorridente e dall'altra, incisivo dopo incisivo, quella di tanti cittadini anch'essi sorridenti e, devo dire, tutti con i denti bianchi e sani menomale. Che belli con quei colori azzurri e sotto recanti le parole che son soliti incidere gli innamorati sulle querce o sui muri importanti per giurarsi eterno amore: "Io&Te" o addirittura il suggerimento fraterno, bisbigliato e che riempie di speranza: "Dillo a Gigi".

Peccato, perché anche se non potrò mai condividere le sue idee politiche, più di una volta ho molto apprezzato le sue iniziative. Proprio stamattina leggevo del suo interessamento per quella bambina con ipoacusia neurosensoriale e relativa soluzione del caso. Apprezzo molto la sua sensibilità nei confronti dei disabili. Ma l'affermazione fatta durante il consiglio comunale non solo è un attacco alla libertà di espressione, è anche discriminatoria, offensiva verso "chicchessia".

Caro Sindaco, ma per dirlo a Gigi bisogna essere legittimati o può dirlo chicchessia? Io continuerò a dire la mia in ogni modo, ovunque e comunque. Se le mie opinioni non le pubblicheranno i giornali perché accondiscendenti o servi le scriverò su Facebook o sui manifesti oppure le griderò da un balcone come ha fatto lei nella manifestazione per salutare l'ospedale ma una cosa è certa non me ne starò zitto mai, me lo imponga chicchessia.

Caro Sindaco, per concludere, non le chiedo chi sia legittimato ad esprimere un'opinione e nemmeno se chicchessia sia un derelitto, uno che non merita attenzione, un non cittadino perché ritengo sia difficile rispondere a questa domanda. Le chiedo chi non sia legittimato ad esprimerla l'opinione, chi sia chicchessia.

Rino Negrogno (chicchessia)
  • Gigi Riserbato
Altri contenuti a tema
1 “Sistema Trani”, anche la sorella di Bagli vuol essere parte civile “Sistema Trani”, anche la sorella di Bagli vuol essere parte civile Prossima udienza il 19 dicembre per decidere sulle costituzioni
Sistema Trani, la Procura chiede di processare 19 persone Sistema Trani, la Procura chiede di processare 19 persone Caduta l'accusa di associazione a delinquere per l'ex sindaco Riserbato
Centro "You&Me": l'ennesimo spreco pubblico Centro "You&Me": l'ennesimo spreco pubblico Investiti 200 mila euro solo per la ristrutturazione in via Nigrò. Ora è tutto abbandonato
Caso discarica, le indagini su biogas e altri appalti Amiu Caso discarica, le indagini su biogas e altri appalti Amiu Ben 16 le persone nel registro degli indagati, Procura e Gdf a lavoro
Sistema Trani, l'inchiesta continua: flussi di denaro sospetti Sistema Trani, l'inchiesta continua: flussi di denaro sospetti Ecco cosa è accaduto, cosa sta accadendo e cosa accadrà
Sistema Trani, tornano tutti in libertà tranne Damascelli Sistema Trani, tornano tutti in libertà tranne Damascelli Liberi l'ex sindaco Riserbato, Peppino Di Marzio, Maurizio Musci e Antonello Ruggiero
Dimissioni Riserbato, nessun ripensamento: non è più il sindaco di Trani Dimissioni Riserbato, nessun ripensamento: non è più il sindaco di Trani La Prefettura annuncerà domani il nome del commissario
Caos dimissioni, oggi il giorno X. Oppure no? Caos dimissioni, oggi il giorno X. Oppure no? Con la conferma del passo indietro di Riserbato, si attenderà il commissario
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.