Apatheia

Piangono tutti tranne i salici

Preferivo il secolo passato fatto di uomini forti

Preferivo il secolo passato fatto di uomini forti, virili, tutti d'un pezzo. Sarà che non c'era tutta questa televisione emetica, sarà che si poteva tacciar d'essere, a chi non fosse virile e tutto d'un pezzo, mezza femmina senza venir degradati ad omofobi, sarà quel che sarà ma gli uomini del secolo passato non piangevano o, perlomeno, non pubblicamente. Ora si piange. Si piange ininterrottamente e senza pudore, si piange davanti a tutti. Molti piangono per la gioia, qualcuno per il dolore, per la fame, per il lavoro che non c'è, molti perché si perde la partita ai rigori, perché devi aumentare le tasse. Ma il pianto più in voga di questi tempi è il pianto, con potere salvifico di fronte alla morale di massa, di chi vuole farsi perdonare dopo essere stato smascherato, di chi vorrebbe, se potesse, non averlo fatto, non essere lì per forza, per dogma ma perché doveva per il bene di tutti.

È il pianto stridulo e desolato del nostro sistema morente, di un sistema, quello capitalistico, che ha spogliato tutto e tutti da ogni valore ed ha coperto ognuno di una coltre sempre più spessa ed impenetrabile che acceca e spinge a sacrificare tutto, anche la propria vita se non quella dell'altro, al dio denaro. L'atleta, infatti, che piange perché beccato sotto l'effetto del doping e che se non fosse stato beccato avrebbe probabilmente vinto una medaglia, ha sacrificato al sistema la sua salute ingerendo sostanze dannose, il calciatore che piange perché ha perso hai rigori e soprattutto gli sponsor sacrifica la sua squadra alle scommesse, la ragazzina emancipata che piange perché ha vinto miss Italia e il successo senza gavetta sacrifica i suoi lunghi studi universitari (quella che arriva seconda è contenta per lei), gli amici di Maria De Filippi che piangono per la loro fatica simile a quella dei minatori di Monongah sacrificano la loro faccia, la Elsa che piange per noi e perché il lavoro non è un diritto, sempre e solo per noi non per i suoi parenti non sacrifica niente. Sono l'emblema di questa era post capitalistica-forneriana-dopata. Se continuano a piangere è finita già, altro che Maya.

Piangono tutti tranne i salici, gli affamati senza cibo, i disoccupati senza diritti, i malati senza ospedali, i vecchi senza speranza perché loro non hanno più lacrime, si sono prosciugate da tempo e per loro piangono quelli che hanno una telecamera pronta ad abbeverarsi alle loro lacrime spettacolari e salvifiche. Così l'atleta, un tempo simbolo della forza e della lealtà, anziché scomparire in silenzio e per sempre dopo aver sporcato quest'immagine sacra, si mette davanti alle telecamere e piange, si dice pentito, si confessa. Troppo facile pentirsi dopo che ti beccano. Devi scomparire nel nulla e nessuno piangerà.

E la Elsa, anche lei neo salice piangente di quest'era post arraffona dove ormai restano solo le pensioni maturate dall'arraffo, piange con le telecamere accese chiedendo un perdono implicito, confessando una colpa inderogabile e cercando una commozione salva coscienza, ormai, palinsesto di una nuova morale di un mondo morente.

Piangono tutti tranne i salici e Silvio, per ora.
  • Crisi economica
Altri contenuti a tema
Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Dalla crisi finanziaria alle nuove opportunità di sviluppo: seminario a Trani Un'iniziativa dell'Arcidiocesi e dell'Ordine dei commercialisti
Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Settore bancario in crisi, cosa sta succedendo? Spallucci (Ucid): «È ora di assumersi responsabilità di scelte difficili»
La "crisi" che fa nascere la microcriminalità La "crisi" che fa nascere la microcriminalità L'ultimo furto in un bar del centro spinge ad una riflessione "sociale"
Istat, le cifre lo confermano: oggi fare figli è un lusso per pochi Istat, le cifre lo confermano: oggi fare figli è un lusso per pochi 10.000 euro la spesa media per sostenere solo il primo anno di vita
Crisi economica, per la Confesercenti Bat c'è rimedio Crisi economica, per la Confesercenti Bat c'è rimedio Il rimedio nell'incentivare lo sfruttamento turistico della città
Organizzazione del lavoro in città, il Pd ha la "ricetta" Organizzazione del lavoro in città, il Pd ha la "ricetta" Dotare il Comune di un albo delle cooperative e staff tecnico che segua i canali di finanziamento
I benzinai fanno “cartello” anche a Trani I benzinai fanno “cartello” anche a Trani Costituita da una settimana la locale rappresentanza della Faib
Un comitato di concertazione contro la crisi economica e le emergenze sociali Un comitato di concertazione contro la crisi economica e le emergenze sociali La bozza entro fine mese. Riserbato: «Una risposta concreta alle tante emergenze»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.