Pronto soccorso
Pronto soccorso
Inbox

Lunghe ore di attesa ed ingiustizie: è questo il pronto soccorso "d'eccellenza"?

Un cittadino tranese denuncia la sua disavventura

I tagli ai servizi sanitari sul territorio, l'incapacità di aumentare il personale infermieristico, di valorizzare le professionalità mediche e la chiusura di quasi tutti i reparti sono solo alcuni degli elementi negativi che caratterizzano l'ospedale di Trani e che, da anni ormai, sono sotto gli occhi di tutti. In questi giorni il picco delle influenze non ha risparmiato la città e il pronto soccorso non ha esitato ad entrare in tilt. L'esperienza che vi sto per raccontare è la fotografia di un pronto soccorso in crisi, di un sistema che non funziona e che costringe anziani, e non solo, ad ore ed ore di estenuante attesa.

Il 5 gennaio, ho accompagnato mia madre, donna di 86 anni, al pronto soccorso, preoccupato per le sue condizioni di salute che, dopo giorni di influenza, bronchite, svenimenti ed altri disturbi, non mostrava alcun segno di miglioramento. Dopo essere entrati, intorno alle ore 16, e aver provveduto all'accettazione, abbiamo atteso pazientemente il nostro turno. Le attese infinite a Trani non sono una novità, ma una prassi ormai convalidata. Chi non è ritenuto un paziente "urgente", può passare in ospedale anche tutta la giornata, e la notte, in attesa di essere visitato.

Sono ben consapevole della presenza di un ordine di attesa che deve rispettare i codici di urgenza. Così, senza batter ciglio, ho accettato che i casi più gravi avessero la precedenza su mia madre, ma l'ingiustizia e l'indifferenza non hanno tardato ad arrivare. Dopo ore e mentre mia madre mostrava di essere sempre più esausta, siamo stati sorpassati da casi che non sembravano affatto essere più gravi del suo, tanto che ad un paziente, visitato prima di mia madre, è stato semplicemente consigliato dal medico di turno cosa dovesse mangiare. Che fine ha fatto il rispetto delle regole e dell'ordine di urgenza?

Intanto, mia madre iniziava a sentirsi sempre peggio tanto che, intorno alle 19.30, non era ancora stata visitata e così ho deciso di portarla via e di provvedere privatamente alle dovute cure. Convinto che la situazione vissuta dovesse essere denunciata, il giorno dopo, con l'obiettivo di evitare casi simili in futuro, ma anche nella speranza di potenziare il pronto soccorso tranese, mi sono recato dai carabinieri per una querela. Tuttavia, le forze dell'ordine hanno rifiutato sostenendo che fosse necessaria la presenza della parte lesa. Ma come potevo portare con me mia madre in quelle condizioni di salute? In qualità di teste e volendo procedere con una querela a mio nome, non ritenevo fondamentale la sua presenza ma, se questa è la legge, non posso far altro che accettare le loro condizioni ed attendere che mia madre stia meglio per poter andare avanti con la querela.

Accetto e rispetto le condizioni e le regole del sistema sanitario ma non le ingiustizie. È questo il pronto soccorso "d'eccellenza" che meritano i cittadini tranesi?

Un cittadino tranese
  • Pronto Soccorso
Altri contenuti a tema
Investimento nei pressi di Piazza della Repubblica: coinvolta una coppia di anziani Investimento nei pressi di Piazza della Repubblica: coinvolta una coppia di anziani Solo tanto spavento e lievi ferite, i due trasportati al Pronto Soccorso di Trani
Pronto soccorso, cioccolato, Legambiente e strettoia: le pagelle di Giovanni Ronco Pronto soccorso, cioccolato, Legambiente e strettoia: le pagelle di Giovanni Ronco Il quattro è solo per le liste d'attesa della sanità Bat. Tutti i voti
2 Pronto soccorso di Trani, nessun ortopedico a luglio per 15 giorni Pronto soccorso di Trani, nessun ortopedico a luglio per 15 giorni Scarseggia il personale. Affisso un calendario delle presenze sulla porta di ingresso
4 Scippo del Pronto Soccorso e dati irregolari: la città attende risposte Scippo del Pronto Soccorso e dati irregolari: la città attende risposte La riflessione di Giovanni Ronco dopo la denuncia del consigliere Tomasicchio
2 Da Pronto soccorso a Punto di primo intervento: cambia solo il nome? Da Pronto soccorso a Punto di primo intervento: cambia solo il nome? Nessun collegamento con i reparti di rianimazione e cardiologia. Ecco come sarà la nuova area clinica
Pronto soccorso, Emiliano garantisce: «Cambia il nome ma non la sostanza» Pronto soccorso, Emiliano garantisce: «Cambia il nome ma non la sostanza» Il sindaco non ci sta: «Trani non può essere relegata ad un qualsiasi Punto di primo intervento»
Corso di primo soccorso: aperte le iscrizioni per la tredicesima edizione Corso di primo soccorso: aperte le iscrizioni per la tredicesima edizione All'Oer Trani, quattro lezioni ed un ricco programma, dai traumi alla rianimazione
Morì di peritonite prima della tac: archiviata l'indagine Morì di peritonite prima della tac: archiviata l'indagine Oggi la decisione del Gip sul caso di Orsola Stella
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.