Bullismo
Bullismo
Mazza e panella

Bulli fuori controllo e impuniti: adesso basta!

MAZZA E PANELLA - di Giovanni Ronco

Iniziamo col dire che stavolta mai titolo (di rubrica, "Mazza e Panella") fu più adeguato al tema trattato. Ma le Istituzioni sembrano non recepire questa esigenza, questo disagio, che sta divenendo enorme, da parte della cittadinanza, man mano che i mesi e gli anni passano. L'ultimo episodio di aggressione avvenuta al porto dimostra che l'omicidio Zanni, a differenza di quanto noi tutti pensavamo, non ha portato alcuna "lezione" di ravvedimento e che inoltre tante belle parole e appelli non servono a nulla.

Si richiede un "giro di vite" come suol dirsi in gergo giornalistico su ampie zone della nostra Città, laddove tutti sanno ormai dove sono soliti bazzicare determinati gruppi di minori a rischio, bulli spesso "fatti" e ubriachi. Sui "bracci" del porto le forze dell'ordine dovrebbero fare ad esempio maggiori controlli. Ma non ci riferiamo solo alle forze dell'ordine che fanno il loro dovere e poi vengono "esautorate" da decisioni postume eventuali "fermi". E qui veniamo al punto. Una mamma, nostra lettrice, si rivolge a noi per un interrogativo che penso attanaglierà la mente ed il cuore dei genitori del ragazzo biscegliese aggredito due giorni fa: "Perché, dinanzi a testimonianze, immagini di telecamere ed un atto tanto grave, non vengono convalidati gli arresti"?

Dal canto nostro, dal nostro piccolo ma efficiente osservatorio possiamo riferire che molti ragazzini, compresi in un'età tra i tredici ed i diciassette anni, stanno rinunciando ad uscire coi propri amici, tanto sono spaventati da queste "presenze ingombranti" che girano indisturbate anche all'indomani di reati tanto gravi. Perché i delinquenti devono godersi la città indisturbati ed impuniti, uscire, farsi i fatti propri, spesso e volentieri con consumo di droghe e alcol, ingredienti decisivi in aggressioni folli e immotivate e i ragazzi "onesti" devono rinunciare all'uscita? Magari alimentando la solitudine e la dedizione al telefonino e a tutti gli optional tecnologici oggi in auge.

E' una società rovesciata: tutela massima per ed iper garantismo per i bulli e disinteresse ed indifferenza per i bravi ragazzi. Non va bene e bisogna darsi una mossa: dalle scuole, alla magistratura, alla politica, passando anche per i mezzi d'informazione, per finire ai genitori spesso troppo assenti e menefreghisti sul futuro e sul presente precario dei figli. Più mazza e panella dei bei tempi andati
  • Risse e aggressioni
  • Omicidio Zanni
  • rissa
Altri contenuti a tema
Omicidio Zanni, dalla Corte d'Assise due condanne per rissa pluriaggravata Omicidio Zanni, dalla Corte d'Assise due condanne per rissa pluriaggravata Quattro anni per Gianluca Napoletano e due anni e sei mesi per Gabriele Lorusso
Trani, omicidio Zanni: chiesti 10 anni di reclusione per Gianluca Napoletano Trani, omicidio Zanni: chiesti 10 anni di reclusione per Gianluca Napoletano Quattro anni, invece, per il 23enne Gabriele Lorusso accusato di rissa
Rissa in stazione, accoltellato un 34enne straniero Rissa in stazione, accoltellato un 34enne straniero Sull'episodio indagano le forze dell'ordine, tanti gli interrogativi
7 Omicidio Zanni, non ammesso il Comune come parte civile Omicidio Zanni, non ammesso il Comune come parte civile In tribunale presente anche il sindaco Bottaro
3 Omicidio Zanni, il Comune proverà a costituirsi parte civile Omicidio Zanni, il Comune proverà a costituirsi parte civile L'avvocato di Pilato difenderà l'ente tranese pro bono
33 Omicidio Zanni, parla il fratello: «Solo promesse, ci hanno lasciati soli» Omicidio Zanni, parla il fratello: «Solo promesse, ci hanno lasciati soli» La denuncia di Francesco a due anni dalla morte
Omicio Zanni, al via anche il processo in Corte d'Assise Omicio Zanni, al via anche il processo in Corte d'Assise Il Comune non si costituisce parte civile
32 Violenta rissa in zona porto, un 17enne grave in ospedale Violenta rissa in zona porto, un 17enne grave in ospedale Ferito alla testa e al collo con una bottiglia di vetro. Preso il presunto colpevole
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.