Partito Democratico
Partito Democratico
Mazza e panella

Tutti i "falli" dei tesserati (locali)

Politica nazionale a parte, ecco le storie del "nostro" Pd

Tralasciando per un giorno la baraonda nazionale, con sbattimenti, giravolte, volate in America, miserevoli interviste, "giuda ladro" sempre dietro l'angolo, svenerabili maestri che tentano di piazzare marionette sverginabili, concentriamoci sulle questioni locali che sempre care ci furono, nella loro paradossale ed involontaria comicità.

In questi giorni c'è giunta notizia di quaquraqua di vecchia sverginatura che si sono fatti in 4 per raccattare tessere qua e là. E' la vecchia solfa in salsa Dc: tessere a gogo per e da tutti. Ignare casalinghe buone per filmini amatoriali, giovanotti che se gli rivolgi la parola si esprimono per monosillabi da primate, disoccupati che credono più nella tessera, appunto, che nel merito, disoccupati che credono in chiunque gli lanci un osso, disoccupati che non credono più in nessuno, vecchietti sulla via del Camposanto, scrittori in cerca di pubblicazione, giovani vecchi in cerca di palcoscenico, uno purchè sia, fesbucchini di primo pelo, fesbucchiani di lungo corso, capaci di pensieri che dicono tutto ed il contrario di tutto. Sullo sfondo, alle spalle di questa varia umanità: i burattinai che fanno tessere, promettono, illudono, basta che u' truvam' a iun. Il numero delle tessere servirà per fare la gara quando ci sarà il congresso: chi ha più tessere vince il segretario, nuova figura affermatasi in questi anni.

Non più un navigato politico d'esperienza, raffinato nel pensiero, decisionista, carismatico, capace di aggregare, possibile futuro candidato sindaco, ma Big Jim con spalla che si può spingere verso l'interno facendogli muovere le mani e costumino d'ordinanza dalla media protuberanza. Uomo ponte tra le faide. Uomo maschera per i media ("va tutto bene ragazzi, il partito è in salute" mentre dentro si scannano). Uomo che non dice mai no (quello di Denim era colui che non doveva chiedere mai: qui ci sarà da chiedere i nuovi assessori, tanto per cominciare, a nome dei singoli, tanto per cambiare, fra quelli rimasti: "E noi ce sem, chiù fess dell'altr?").

Uomo cameriere per preparare il terreno alla dozzina di pretendenti ad un posto di onorevole o senatore. Ma nel Paese in cui uno come Razzi è entrato in Parlamento, perché non dovrebbero poter aspirare a tanto pure i nostri razzini, scilipotini, alfanini, orlandini, boccinini (mi fermo perché l'elenco potrebbe degenerare nella sua declinazione lessicale). Uomo che deve ascoltare, nelle riunioni d'alto livello chi, dopo un discorso di poco di più alato, più elaborato nel pensiero da parte d'un collega, gli risponde: "Uagliò, ma tu ce vu? M' vu frechè l'assessor? Vu tu l'assessor ao post mio" (dichiarazione realmente fatta durante uno di quei loro memorabili consessi.

C'era pure chi pensava d'essere passato inosservato, nella pesca a strascico del tesseramento orgia. Citt' citt', spostandosi da altri movimenti, entra nella nuova Balena Bianca, a caccia d'una candidatura sicura … Per Eduardo gli esami non finivano mai. Nella nostra politica i falli non finiscono mai. Punto, due punti, punto e virgola. Ma sì, fai vedere che abbondiamo: questa deve essere lo slogan sovrano che dovrebbe accompagnare le fasi dei tesseramenti di oggi. Da Orgoglio e Pregiudizio ad Orgia e Pre – Ammucchiata (quella che precede i Congressi). "Uagliò chiam mo proprio u' mess (ancora lui) e mannal a cas' dell'assessor!" (Finale ermetico e criptico che vi sveleremo nelle prossime puntate. Forse: dipende da come finisce la cavalcata, pardon la corsa dei cavalli. Pardon, delle tessere.)
  • PD
Altri contenuti a tema
Gino Magnifico (Sunia): Tra giochi politici e problemi irrisolti Gino Magnifico (Sunia): Tra giochi politici e problemi irrisolti Invece di programmare come terminare il mandato, si pensa ai riposizionamenti
1 Lovecchio e Amoruso fuori dal Pd, la replica: «La segreteria prende atto con rammarico» Lovecchio e Amoruso fuori dal Pd, la replica: «La segreteria prende atto con rammarico» E specifica: «I percorsi personali ed elettorali di ciascuno sono frutto di libere determinazioni»
Amoruso, Lovecchio e Zitoli: un trio politico da 7 in pagella Amoruso, Lovecchio e Zitoli: un trio politico da 7 in pagella Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
1 Lovecchio e Amoruso lasciano il Pd e con Zitoli formano un "gruppo misto" Lovecchio e Amoruso lasciano il Pd e con Zitoli formano un "gruppo misto" Le motivazioni per «iniziative autonome e contraddittorie di consiglieri e capogruppo»
Elezione segretario nazionale Pd: nella Bat, Francesco Boccia il più suffragato Elezione segretario nazionale Pd: nella Bat, Francesco Boccia il più suffragato Di Fazio: «Unici in grado di esercitare con forza esempi pratici di democrazia partecipata»
Pd, la segreteria di Trani mette a tacere le polemiche e ribadisce il sostegno all'Amministrazione Bottaro Pd, la segreteria di Trani mette a tacere le polemiche e ribadisce il sostegno all'Amministrazione Bottaro «Le dichiarazioni espresse da singoli consiglieri o amministratori iscritti sono infondate nei contenuti e inopportune»
Il Pd si prepara al Congresso Nazionale: apertura straordinaria del circolo di Trani per il tesseramento Il Pd si prepara al Congresso Nazionale: apertura straordinaria del circolo di Trani per il tesseramento Il 19 gennaio convenzione cittadina per l'elezione dei delegati provinciali
Elezioni provinciali, Di Fazio: «Segnale di rinascita del Pd in questo territorio» Elezioni provinciali, Di Fazio: «Segnale di rinascita del Pd in questo territorio» L'esponente di centrosinistra commenta soddisfatto il risultato
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.