Avvocati
Avvocati
Attualità

Bertolino: «Gli Avvocati non sono un intralcio alla giustizia»

Il dibattito sulla riforma della prescrizione e le esternazioni di alcuni magistrati

«Il Processo non può essere considerato una inutile perdita di tempo, un fastidio per chi ritiene di aver già assolto a tutti i compiti che la "Giustizia" richiede per essere esercitata. Bisogna che si torni ad avere rispetto del ruolo degli avvocati che non inventano solo artifizi dilatori per far sfuggire i propri assistiti alle maglie della giustizia, ma che invece prestano il loro servizio non solo a garanzia degli imputati, ma anche dello stesso ordinamento giudiziario».

Le recenti affermazioni pubbliche, riportate dalla stampa nazionale in questi giorni, di Piercamillo Davigo, Presidente della II Sezione Penale presso la Corte Suprema di Cassazione e membro togato del Consiglio superiore della magistratura, hanno provocato la reazione immediata del Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Trani, Tullio Bertolino, a nome dell'intera classe forense di un tribunale piccolo come quello di Trani che, però, vanta una storia di oltre 800 anni alle spalle. Storia che non può essere calpestata da chi fa affermazioni che riducono il ruolo di avvocato a semplice "Azzeccagarbugli" di manzoniana memoria, nel tentativo disperato di mettere i bastoni tra le ruote a magistrati che pretendono di emettere le proprie sentenze senza neanche dover aprire i processi.

Alla base del contendere, ovviamente, la riforma della prescrizione che vede su barricate opposte parte del mondo politico, pezzi di magistratura e l'avvocatura. Un contrasto che sembra insanabile perché rappresenta diverse visioni del mondo della giustizia.

«Senza gli avvocati – riprende Bertolino -, non esiste Giustizia. Non sono sufficienti inchieste condotte magistralmente o magistrati inquirenti capaci, competenti e al di sopra di ogni sospetto. Servono anche gli avvocati che sono portatori degli interessi dei singoli imputati, ma anche dei cittadini in senso lato. E servono soprattutto i processi, che sono il luogo dove si formano le prove e dove accusa e difesa si fronteggiano nel perimetro loro concesso dalle leggi.

Troppe volte stiamo ascoltando frasi del tipo: "Occorrono filtri alle impugnazioni per eliminare quelle dilatorie e pretestuose, fatte solo per perdere tempo"; "bisogna introdurre la possibilità di riformare in peggio le sentenze "; "Basterebbe consentire al giudice di valutare anche le impugnazioni meramente dilatorie per aumentare la pena"; "Se il condannato si oppone, si va a processo e alla fine, anziché la multa, può arrivare la reclusione. Se impugni, lo fai a tuo rischio e pericolo". Sono espressioni sintomatiche di una distorta visione del processo, nel quale l'avvocato ha una funzione di puro intralcio e non di un garante del diritto Costituzionalmente garantito alla migliore difesa possibile del cittadino».

«Quanto poi all'ipotesi che un avvocato risponda economicamente in solido con il proprio cliente – rimarca il Presidente Bertolino – vorrei replicare con una provocazione: e se la riforma della sentenza di primo grado va a favore dell'imputato, sarà il Pm a pagarne personalmente le spese processuali?».

«Come avvocatura siamo impegnati – conclude il Presidente Bertolino – a far comprendere quanto possa essere pericolosa l'esistenza di processi eterni in cui chi abbia la disavventura di finire al centro di una inchiesta resti prigioniero di essa per sempre. Lo Stato non può pensare di sopperire alla propria incapacità di celebrare processi in tempi ragionevoli, semplicemente azzerando i diritti dei cittadini. Una sentenza anche giusta somministrata in ritardo è già una ingiustizia. Figuriamoci cosa sono quelle sentenze che non saranno mai pronunciate, ma resteranno sempre in attesa di verdetto. Una ingiustizia insopportabile per tutti: per le vittime, per gli imputati, per gli avvocati ed anche per gli stessi magistrati».

  • Ordine degli avvocati
Altri contenuti a tema
"Senza giustizia il Paese non ha un futuro": avvocati tranesi preoccupati per la lenta ripresa delle attività "Senza giustizia il Paese non ha un futuro": avvocati tranesi preoccupati per la lenta ripresa delle attività Ecco le proposte e il progetto dell'Ordine degli avvocati cittadino
Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trani: «Pieno sostegno al mondo della Sanità» Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trani: «Pieno sostegno al mondo della Sanità» 
L’appello del presidente Tullio Bertolino: «E’ il momento della solidarietà nazionale»
Le chiamate delle udienze civili sugli smartphone degli avvocati di Trani Le chiamate delle udienze civili sugli smartphone degli avvocati di Trani Oggi la presentazione dell'iniziativa
La scuola forense di Trani dedicata all’avvocato Pietro Mario Coviello La scuola forense di Trani dedicata all’avvocato Pietro Mario Coviello Lunedì 16 settembre la cerimonia di intitolazione con Silvana Sciarra, giudice della Corte Costituzionale
L’Ordine degli Avvocati di Trani si costituisce parte civile nel processo “Giustizia Svenduta” L’Ordine degli Avvocati di Trani si costituisce parte civile nel processo “Giustizia Svenduta” L'inchiesta aveva portato alla luce una presunta “giustizia truccata” ad opera di magistrati, avvocati e forze dell’ordine
Convegno su "Cyberbullismo, cybercrime e reati informatici"dell'Ordine avvocati di Trani Convegno su "Cyberbullismo, cybercrime e reati informatici"dell'Ordine avvocati di Trani In programma il 29 marzo ad Andria
La tutela penale della pubblica amministrazione, nuovo convegno promosso dall'Ordine degli Avvocati di Trani La tutela penale della pubblica amministrazione, nuovo convegno promosso dall'Ordine degli Avvocati di Trani Interverranno illustri esponenti del mondo giuridico
Rinnovato il consiglio dell'Ordine degli avvocati di Trani ma il presidente resta Tullio Bertolino Rinnovato il consiglio dell'Ordine degli avvocati di Trani ma il presidente resta Tullio Bertolino Tra i nuovi ingressi le avvocatesse Pia Panessa, Maria Colucci e Annalisa Marigliano
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.