Opposizione
Opposizione
Politica

Buoni spesa, Italia in Comune chiede la riapertura dei termini del bando

Il capogruppo Tommaso Laurora: «Non bisogna lasciare indietro nessuno, questo è un nostro preciso dovere»

Io e la collega Mariangela Scialandrone, delegata del nostro gruppo consiliare per le questioni di welfare, lo avevamo sussurrato al Dirigente per non essere visti come i soliti "guastafeste" i soliti "polemici" ed onestamente ci auguravamo di esserci sbagliati. Ma purtroppo i nostri dubbi si sono rivelati fondati. Su oltre 870 domande esaminate di richiesta dei buonispesa , oltre 650 sono risultate non ammissibili. Le motivazioni non sono ancora note, ma l'indiziato principale per noi era e continua ad essere il requisito dei 5000 euro lordi di reddito negli ultimi 6 mesi. In un nucleo familiare di quattro persone, anche monoreddito, anche quando questi fosse in cassa integrazione è facile comprendere come questo requisito sia assolutamente eccessivamente stringente, addirittura escludente.

Molti componenti dei nuclei familiari hanno ripreso per pochi mesi a lavorare dopo il primo lockdown, o risultano ancora in cassa integrazione e questo ha fatto in modo che cumulassero sì quei 5000 lordi di reddito, ma ciò non vuol dire che ora, a seguito della seconda ondata non versino ancora, nuovamente in grave difficoltà. Molte famiglie, in balia della disperazione e delle difficoltà, aspettavano dignitosamente questa boccata d'ossigeno per poter mettere un piatto a tavola durante le festività.

Il Governo ha stanziato questi fondi a quest'unico scopo ed il Comune non può spenderli diversamente; pertanto domani (ndr, oggi) stesso io e la collega Mariangela Scialandrone, esperta in materia, solleciteremo il Dirigente al ramo affinchè riapra i termini del bando, modificando in maniera sostanziale i requisiti di accesso, limitandoli alla dichiarazione di stato difficoltà intervenuta a causa della seconda ondata e prendendo come riferimento il periodo di Ottobre e Novembre.

Non bisogna lasciare indietro nessuno, questo è un nostro preciso dovere.

- Tommaso Laurora, Capogruppo Italia in Comune
  • Tommaso Laurora
Altri contenuti a tema
2 Mancato inserimento di Trani nella Zes, Laurora: «Errori commessi nella individuazione delle aree?» Mancato inserimento di Trani nella Zes, Laurora: «Errori commessi nella individuazione delle aree?» Il sospetto avanzato dal capogruppo d'Italia in Comune
Italia in Comune, rinnovo dei vertici del partito locale Italia in Comune, rinnovo dei vertici del partito locale Le nuove nomine in vista dell'imminente congresso regionale
1 Italia in Comune: «Siamo una forza indipendente del centro sinistra» Italia in Comune: «Siamo una forza indipendente del centro sinistra» Il patto federativo è solo uno strumento di condivisione di idee e programmi
1 Si allarga la maggioranza al Comune di Trani: Italia in Comune si federa con Sud al Centro Si allarga la maggioranza al Comune di Trani: Italia in Comune si federa con Sud al Centro "Certi di contribuire a rafforzare la compagine amministrativa" dice Tommaso Laurora, uno dei competitor di Bottaro
2 Amiu, accolte le proposte d'Italia in Comune Amiu, accolte le proposte d'Italia in Comune "La competenza, le buone idee e la leale collaborazione portano sempre buoni frutti per l’intera comunità"
Tommaso Laurora incontra i cittadini: gli appuntamenti in programma Tommaso Laurora incontra i cittadini: gli appuntamenti in programma Si parte domani da via Superga
Consiglio comunale, Laurora: «Oggi si è consumata l'ennesima faida politica ai danni dei cittadini» Consiglio comunale, Laurora: «Oggi si è consumata l'ennesima faida politica ai danni dei cittadini» Il commento del candidato sindaco a seguito del mancato raggiungimento del numero legale
Nasce la lista "Cambiamo insieme" con Tommaso Laurora sindaco Nasce la lista "Cambiamo insieme" con Tommaso Laurora sindaco Un nuovo tassello civico debutta nel panorama politico cittadino
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.