Scuola
Scuola
Attualità

"Didattica a distanza al 100% finché non sarà possibile tornare con serenità in una scuola in grado di proteggere la salute di tutti"

Il documento è firmato da 40 docenti delle scuole medie superiori della provincia Bat

"Siamo dei docenti di diverse scuole medie superiori della provincia Bat in Puglia. Vorremmo innanzitutto criticare fortemente la manipolazione che i media hanno portato avanti per mesi nei nostri confronti, parlando del tutto impropriamente di scuole chiuse. Lavoriamo invece da mesi, dedicando anche tempo aggiuntivo, con gli strumenti della didattica digitale integrata e ottenendo discreti risultati. Possiamo quindi dire che di fatto la scuola è rimasta sempre aperta.

Il desiderio di tornare in presenza è autentico e sentito, ma non in queste condizioni di perdita dei tracciamenti dei contagi. Il rientro nelle aule sarebbe nocivo anche con il 50% di presenza degli studenti, tanto per noi docenti, con un'età media piuttosto alta, quanto per i ragazzi e le loro famiglie e tutte le persone che lavorano nella scuola.

Gli scienziati che si sono dimostrati più bravi sul campo, come il dott. Crisanti, il dott. Galli , il dott. Ricciardi, il dott. Lopalco, sostengono la necessità di ritornare a contagi molto bassi per poter tracciare rapidamente eventuali focolai.
Sempre in modo manipolatorio e non corrispondente alla realtà si straparla della necessità di riavviare la socializzazione tra gli studenti. Riportare gli alunni oggi in classe però comporta che non possano muoversi dal loro banco, che rimangano mascherati (giustamente) per cinque ore e senza poter mai interagire con gli altri compagni.

In media un alunno che abbia contratto il virus, a scuola perde un minimo di 54 ore di lezione. Pertanto chiediamo di rimanere in didattica a distanza al 100% finché non sarà possibile tornare con serenità in una scuola in grado di proteggere la salute di tutti.

Consapevoli di vivere ancora in una pandemia in corso, crediamo sia prioritario oggi procedere con la vaccinazione di massa (dando anche precedenza ai docenti) e tenere quindi bassissimi i livelli di contagio per non compromettere la vaccinazione stessa e permanere poi in questo tunnel nel quale ci troviamo da ormai un anno.

Con il ritorno in presenza è probabile l'aumento dei contagi, un ostacolo forte sulla via del raggiungimento di una immunità di gregge entro Settembre 2021.

Sarebbe lungimirante superare del tutto, entro settembre, l'attuale pandemia. E, come ha acutamente sottolineato lo psicanalista Massimo Recalcati, sarebbe anche formativo che i ragazzi sappiano affrontare questo momento difficile, per l'Europa e per il mondo, accettando la realtà ed evitando la regressione al lamento del tutto scorporato dal principio di realtà.

Da persone mediamente razionali, non possiamo permettere di subordinare il fine dell'immunità di gregge entro l'autunno prossimo, alla vanità simbolica di aprire adesso in pieno inverno tutte le scuole medie superiori. La posta in gioco è, purtroppo, altissima e rischiamo di compromettere la velocità dei vaccini con un aumento dei contagi in una regione come la Puglia che resterà ancora oggi in zona arancione in quanto le infezioni non diminuiscono.

Non pensiamo sia logico e morale aprire adesso in condizioni di reale pericolo e compromettere l'obiettivo di vedere la fine di questo dramma nel Settembre 2021. Sarebbe un atto irresponsabile, masochistico e autodistruttivo.

I docenti: Luigi Vavalà; Irene Zonni; Mariolina Porcelli; Luigi Schinzani; Dora Labianca; Edoardo Velon; Isabella Spadavecchia; Anna Solimini; Mario Cassanelli; Caterina Binetti; Margherita Palmieri; Concetta Demauro; Annamaria Acquafredda; Valeria Di Tondo; Grazia Di Staso; Michele Carenza; Maria Teresa Caccavo; Laura Calefato; Annalisa Sciacqua; Gianmaria Brunetti; Felicina Di Perna; Rosa Zanzarella; Maria Giovanna Storelli; Allegretti Graziano; Ciliento Gaetano; Pasqua Scoccimarro; Dicorato Cristiana Rosa; Di Bari Antonella; Paolo Loiudice; Ilaria Cilli; Federica Paradiso; Margherita Palmieri; Mariangela Di Pierro; Antonietta Mescia; Nunzia Di Noia; Lorianna Zocco; Eliana Amato; Isa De Pasquale; Rosaria Germinario; Carmela De Lucia.
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Il 3^ Circolo D’Annunzio tra Did e Dad: parla il preside Il 3^ Circolo D’Annunzio tra Did e Dad: parla il preside I chiarimenti dopo lo sfogo della mamma di uno studente di seconda elementare
6 «Perché ho scelto la didattica in presenza per mio figlio» «Perché ho scelto la didattica in presenza per mio figlio» La lettera in redazione di una mamma di uno studente di seconda elementare
Nuova stretta sulla scuola, psicologi di Puglia: «Garantire assistenza psicologica agli studenti» Nuova stretta sulla scuola, psicologi di Puglia: «Garantire assistenza psicologica agli studenti» Il presidente dell’Ordine degli Psicologi di Puglia Vincenzo Gesualdo commenta i nuovi parametri nel Dpcm firmato nelle scorse ore
«Dove sono finiti i soldi per finanziare le rette degli asili nido? Da marzo tutti a casa!» «Dove sono finiti i soldi per finanziare le rette degli asili nido? Da marzo tutti a casa!» Il commento del consigliere Michele Centrone (Filiberto Palumbo sindaco)
Scuola in Puglia, è ufficiale. Tutti a casa fino al 5 marzo Scuola in Puglia, è ufficiale. Tutti a casa fino al 5 marzo Alla base della nuova ordinanza un "peggioramento del livello generale del rischio di contagio"
Edilizia scolastica, Morollo: "Problematiche non imputabili a questa Giunta" Edilizia scolastica, Morollo: "Problematiche non imputabili a questa Giunta" Il segretario di Sinistra Italiana risponde alle polemiche dei giorni scorsi
1 Al via il bando per le borse di studio destinate agli studenti di scuola superiore Al via il bando per le borse di studio destinate agli studenti di scuola superiore Domande entro il 15 marzo
1 Pubblicato il bando per il doposcuola, domande entro il 26 febbraio Pubblicato il bando per il doposcuola, domande entro il 26 febbraio Il servizio rivolto a minori residenti nel territorio di Trani di età compresa tra i 6 anni ed i 14 anni compiuti
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.