Don Enzo de Ceglie
Don Enzo de Ceglie
Religioni

Don Enzo De Ceglie compie 25 anni di sacerdozio

Diverse le iniziative in programma alla Parrocchia degli Angeli Custodi

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Sabato 5 ottobre 2019, don Enzo de Ceglie, durante una solenne concelebrazione che si terrà a Trani, nella parrocchia Ss. Angeli Custodi, di cui è il parroco, presieduta dall'Arcivescovo Mons. Leonardo D'Ascenzo, con inizio alle ore 20.00, renderà il suo grazie al Signore per i venticinque anni di ministero sacerdotale.

Per tale occasione e in preparazione sono previsti i seguenti appuntamenti tesi a favorire una sensibilizzazione vocazionale:

Giovedì 26 settembre 2019, ore 20.00
"Ti ricordo di ravvivare il dono di Dio che è in te" (2 Tm 1,6), veglia vocazionale presieduta da don Gianni Caliandro, Rettore del Pontificio Seminario Regionale di Molfetta

Sabato 28 settembre 2019, ore 20.00
Musical: "Quel benedetto sorriso", spettacolo teatrale ispirato alla figura di don Pino Puglisi, a cura dei giovani e giovanissimi della parrocchia

Domenica 29 settembre 2019, ore 20.00
"Stola e grembiule: i preti profeti del nostro tempo" in dialogo con don Cosimo Posi, presbitero dell' Arcidiocesi di Brindisi - Ostuni, parroco.

Don Enzo de Ceglie, all'anagrafe Vincenzo, è nato a Trani il 4 giugno 1969 da papà Donato (deceduto nel 2005) e mamma Giuliana, ultimo di tre figli. Si è formato nell'Azione Cattolica parrocchiale dei Ss. Angeli Custodi guidata dal parroco Mons. Savino Giannotti e ha maturato il suo cammino di formazione al sacerdozio presso il seminario diocesano e il liceo-ginnasio "F. De Santis" di Trani, dove ha conseguito la maturità classica nel 1988, poi presso il Seminario regionale di Molfetta. Ricevuto il diaconato in data 26 dicembre 1993, è stato ordinato presbitero da Mons. Carmelo Cassati il 1 ottobre 1994, vigilia della festa degli Angeli Custodi. Curiosamente, 17 anni prima, nella stessa parrocchia, fu ordinato presbitero don Mimmo De Toma e 17 anni dopo don Natale Albino. Ha vissuto i primi anni di sacerdozio come vicario parrocchiale presso lo Spirito Santo e S. Giuseppe in Trani, come responsabile del servizio di Pastorale giovanile e dell'Ufficio per l'insegnamento della religione e come assistente ecclesiastico del gruppo Agesci Trani 1 (scout). Successivamente, per quattro anni, è stato educatore presso il Seminario Regionale di Molfetta, durante i quali ha svolto anche gli incarichi di rettore del Santuario di S. Maria di Colonna e S. Michele. Nel 2004 è stato nominato parroco di S. Giuseppe in Trani. Dal 2015 è parroco dei Ss. Angeli Custodi. Ha conseguito la Licenza in Sacra Teologia presso l'Istituto Teologico di Molfetta e dal 1997 al 2015 ha insegnato discipline teologiche presso l'Istituto superiore di scienze religiose "S. Nicola il pellegrino". Ha anche conseguito un master in Pedagogia Religiosa presso l'Ateneo Salesiano di Roma.

Nello scorso dicembre l'Arcivescovo mons. Leonardo D'Ascenzo gli ha affidato l'incarico diocesano di delegato episcopale per la pastorale. «La figura del presbitero - risponde don Enzo alla domanda che fosse per lui il sacerdote -, come è tracciata nel magistero del Concilio, ha dei tratti essenziali che poi si concretizzano nella storia umana e spirituale del singolo. Posso dire di aver avuto la fortuna di 'imparare' a vivere da prete alla scuola del mio parroco don Savino Giannotti, del vice parroco don Tommaso Palmieri e dei tanti sacerdoti che hanno curato la mia formazione. Da ciascuno ho appreso un tratto caratteristico di vita spesa per il ministero nella fedeltà a Dio e agli uomini. In questi 25 anni di servizio ho continuato a scoprire la bellezza di essere parte di un "presbiterio", un mosaico in cui ciascuno ha un ruolo essenziale, ma inutile se non lo si legge nell'insieme. Nella metafora calcistica della squadra mi ha sempre colpito, più di tutti gli altri ruoli, la figura del 'mediano', uno che non occupa la scena con la tecnica sopraffina delle sue giocate, ma che si impegna a 'cucire' i reparti di difesa e di attacco. Uno, cioè, a cui non si dedicano i titoli dei giornali per le reti segnate, ma che si spende per il bene comune. Non a caso, infatti, nel 1994 scelsi come programma di riferimento la frase della lettera ai Corinzi: "a ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per l'utilità comune". Mi piace rilanciare questo progetto per me e per le persone che vorranno condividere ancora insieme a me il cammino di vita e di fede. Considero infine provvidenziale l'invito di Paolo nella 2^ lettera a Timoteo, proclamata nella celebrazione di ringraziamento il prossimo 5 ottobre: "Custodisci, mediante lo Spirito Santo che abita in noi, il bene prezioso che t è affidato". È l'auspicio che rivolgo a me stesso, al presbiterio e alla comunità ecclesiale tutta: i doni di Dio vanno costantemente custoditi nella fraternità e nell'amore reciproco».
  • Religione
Altri contenuti a tema
Solennità del Corpus Domus, quest'anno niente processioni eucaristiche Solennità del Corpus Domus, quest'anno niente processioni eucaristiche Le celebrazioni avverranno nelle singole parrocchie
Anche la Chiesa di Ognissanti riapre i battenti dopo la lunga quarantena "Covid-19" Anche la Chiesa di Ognissanti riapre i battenti dopo la lunga quarantena "Covid-19" E c'è una novità: ritornano le celebrazioni della Santa Messa
Fase 2, accordo tra governo e Cei: messe dal 18 maggio Fase 2, accordo tra governo e Cei: messe dal 18 maggio Firmato il protocollo che permetterà la ripresa delle celebrazioni con il popolo
L'arcivescovo D'Ascenzo in preghiera alla Vergine dell'Apparizione L'arcivescovo D'Ascenzo in preghiera alla Vergine dell'Apparizione Domani diretta televisiva della celebrazione eucaristica
Trani: una città devota alla Modonna Addolorata Trani: una città devota alla Modonna Addolorata Poesia in vernacolo del cittadino Francesco Pagano
7 Madonna Addolorata, Anna Maria Barresi chiede la processione senza popolo Madonna Addolorata, Anna Maria Barresi chiede la processione senza popolo La consigliera comunale scrive all'arcivescovo a nome di tutti i fedeli
Coronavirus: il contributo dei vescovi delle diocesi di Puglia agli ospedali locali Coronavirus: il contributo dei vescovi delle diocesi di Puglia agli ospedali locali Un contributo di 15mila euro per rafforzare la terapia intensiva di tre ospedali
Niente messe e funerali, a Trani "Delfini" lancia il servizio di necrologi online Niente messe e funerali, a Trani "Delfini" lancia il servizio di necrologi online L'azienda offre gratuitamente questa possibilità per andare incontro alle esigenze dei clienti
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.