Sequestro alla vecchia fabbrica a Pozzopiano
Sequestro alla vecchia fabbrica a Pozzopiano
Territorio

Ekobat e Pozzopiano, Legambiente è malpensante

«Comune silente nel primo caso ma difende a spada tratta la torre del pue». Lettera aperta del circolo ambientalista di Trani

«Il comportamento dell'amministrazione comunale sui temi della conservazione dei beni comuni ci appare contraddittorio, insensato e discutibile sino al punto da indurre nei cittadini insidiosi sospetti». Ad insinuarlo è il circolo di Legambiente Trani che cita come termine di paragone da un lato la storia della discarica per rifiuti speciali Ekobat e dall'altro il provvedimento della magistratura sul piano urbanistico esecutivo di Pozzopiano con la prevista torre alta oltre 30 metri, «due vicende – scrivono dal circolo - che per motivi diversi hanno già prodotto nauseabondi effluvi ancor prima che i rifiuti speciali siano smaltiti nella discarica ed ancor prima che i residenti del quartiere di Pozzopiano si sentano urbanisticamente oppressi dalla svettante mole della progettata torre».

In merito alla discarica, per Legambiente «l'amministrazione comunale, fatta eccezione di un incerto e vacuo intervento di disapprovazione dell'assessore all'ambiente, non ha prodotto alcun atto amministrativo formale da poter essere efficacemente utilizzato nell'ambito del procedimento di parere della valutazione d'impatto ambientale su cui si pronuncerà la Provincia Bat. Sappiamo benissimo che il Comune non è chiamato direttamente in causa in questa fase ma sappiamo altrettanto bene che, davanti ad un no espresso con un provvedimento deliberativo, un eventuale parere positivo della Provincia avrebbe trovato un ostacolo quasi insormontabile, ancor più se la delibera fosse stata il frutto di un Consiglio comunale monotematico con voto unanime. Ebbene, nulla di tutto questo: sulla Ekobat l'amministrazione Tarantini ha preferito tacere».

Il caso del pue (piano urbanistico esecutivo) di Pozzopiano ha avuto ben altri risvolti. «L'amministrazione – prosegue Legambiente - oltre a prodigarsi in concilianti atti amministrativi nei vari passaggi autorizzativi, è scaduta talmente in basso sino al punto da contestare la nomina del consulente tecnico d'ufficio da parte della magistratura. Si impone una piccola considerazione a margine della questione: ma se le carte sono a posto, non ci si dovrebbe preoccupare assolutamente di nulla ed a maggior ragione del tecnico nominato per adempiere alla consulenza. Diversamente ci si fascia la testa ancor prima di cadere. Siamo sinceramente sbigottiti dalla tanta energia profusa per la difesa di una torre che, visto il caos urbanistico, giuridico e d'immagine che ha creato, sarebbe il caso di ribattezzare come torre di Babele. Sicuramente una torre, talmente tanto alta e fuori scala rispetto al contesto da creare una oscura ombra sugli amministratori che l'hanno contemplata. Ombra, perfettamente in sintonia con altre oscure e sconcertanti cancellazioni di beni storici ed architettonici: villa Turrisana, villa Di Corato, giardino di villa Monetti, ristorante nella chiesa del Fortino ed altro ancora».

Per i soci del circolo ambientalista di Trani «la politica dovrebbe anteporre gli interessi della collettività agli interessi soggettivi, quasi sempre di natura strettamente economica e speculativa. Occuparsi di tutela ambientale, sia nel settore del volontariato ecologista che nel settore istituzionale, dovrebbe assolvere intrinsecamente ai doveri della buona politica poiché la protezione del territorio coincide implicitamente con la difesa degli interessi collettivi e della salute umana».
  • Legambiente
  • Pue
  • Sequestro
  • Ekobat
Altri contenuti a tema
Demolizione ex Angelini, Legambiente: «Un pezzo di storia della città arriva a compimento» Demolizione ex Angelini, Legambiente: «Un pezzo di storia della città arriva a compimento» «Dopo 35 anni, si adempia finalmente ad una promessa di ristoro a favore del quartiere e dell’intera città»
Anche Legambiente Trani si associa al dolore per la perdita di Ambrogio Giordano Anche Legambiente Trani si associa al dolore per la perdita di Ambrogio Giordano "Totale disponibilità dimostrata dall'amministratore unico di Amiu"
Spiagge e fondali puliti, oggi Legambiente in azione per ripulire il tratto dello "Scoglio di Frisio" Spiagge e fondali puliti, oggi Legambiente in azione per ripulire il tratto dello "Scoglio di Frisio" L'evento è aperto a tutta la cittadinanza
Presidio verde in città, Legambiente e Comitato Bene Comune: «Momento di confronto tra cittadini e vicesindaco» Presidio verde in città, Legambiente e Comitato Bene Comune: «Momento di confronto tra cittadini e vicesindaco» Entrambe le associazioni preannunciano altri momenti di discussione e informazione pubblica
A Trani una cena non-profit per sostenere il docufilm di Giulia Innocenzi A Trani una cena non-profit per sostenere il docufilm di Giulia Innocenzi La giornalista ospite domenica nell'auditorium San Luigi
Mal‘Aria di Città, da Trani dati non pervenuti per l'assenza di colonnine per il monitoraggio della qualità dell'aria Mal‘Aria di Città, da Trani dati non pervenuti per l'assenza di colonnine per il monitoraggio della qualità dell'aria I dati del report condotto da Legambiente
WildPalette, un contest per la valorizzazione dell'area Boccadoro-Ariscianne WildPalette, un contest per la valorizzazione dell'area Boccadoro-Ariscianne L'iniziativa è di Legambiente e di ArkadiHub
Rapporto Pendolaria, da Trani a Bari una delle peggiori linee ferroviarie italiane Rapporto Pendolaria, da Trani a Bari una delle peggiori linee ferroviarie italiane Lo stabilisce l'annuale resoconto di Legambiente
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.